25/07/2016          Dal 12 al 25 luglio    21:00
Interreligious,  cinque film per un dialogo tra religioni

Interreligious, cinque film per un dialogo tra religioni


La rassegna Interreligious torna con un’edizione “speciale estate” sui temi del perdono e della misericordia.


La rassegna  Interreligious torna con un’edizione “speciale estate” sui temi del perdono e della misericordia. Cinque serate al cinema nel giardino del Centro Universitario di via Zabarella, per trascorrere qualche ora insieme riflettendo su temi fondamentali per il dialogo tra religioni. La rassegna è promossa dal Centro Universitario e dal Centro Servizio Volontariato provinciale di Padova all’interno della Scuola di volontariato e legame sociale e i film sulle cinque grandi religioni, sono stati scelti in collaborazione con il Religion Today di Trento.

La rassegna apre martedì 12 luglio con il film italiano “La Retta via” di Roberto Cortella e Marco Leopardi – Italia (2009, 52’): Due giovani detenuti belgi, selezionati dall’ONG Oikoten per partecipare ad uno speciale programma che gli varrà lo sconto della pena, percorrono a piedi 2.500 km lungo il Cammino di Santiago fra Belgio e Spagna. Zaino in spalla, ai due reduci dalle sbarre, Ruben e Joachim, è data l’opportunità di esplorare un cammino fisico e interiore, confrontandosi con sconfitte e traguardi raggiunti.

“L’idea è partita non solo in seguito ai molti attentati che in giro per il mondo stanno generando diffidenza, dolore e morte – afferma Beatrice Rizzato, ideatrice e curatrice della rassegna – ma anche davanti ai tanti drammi che affliggono gli uomini e le donne del nostro tempo. Non ultimo, per i cristiani è l’anno del Giubileo della Misericordia e riflettere su questo tema significa riflettere su ciò che ferisce l’uomo, per imparare sempre a togliersi i sandali davanti alla terra sacra dell’altro. Colpisce sempre molto una frase dell’Evangeli Gaudium dove il Papa scrive: <<Dobbiamo dare al nostro cammino il ritmo salutare della prossimità, con uno sguardo rispettoso e pieno di compassione ma che nel medesimo tempo sani, liberi e incoraggi a maturare nella vita cristiana>> (EG, 169). Ecco, credo che anche nel dialogo interreligioso si possa applicare questa regola cercando cammini di prossimità che combattano odio e violenza”.

“La storia di Emmanuel e Chimiary a Fermo – spiega Flavio Zelco, consigliere CSV Padova e referente per la formazione – è solo l’ultima delle storie di violenza e sopraffazione che ci richiamano ad un dovere collettivo: quello di operare per rinsaldare i legami sociali, partendo dalle piccole comunità. Il nostro ruolo formativo per una cittadinanza responsabile, che portiamo avanti come Centro Servizio Volontariato attraverso la Scuola di Volontariato e Legame Sociale non può quindi prescindere dall’offrire spazi di dialogo e confronto alla pari, aperti a tutti”.

 

Questi i titoli in programma:
Martedì 12 luglio, “La Retta via” di Roberto Cortella e Marco Leopardi,  Italia, 2009, 52’.
Giovedì 14 luglio, “My Mandala” di Elsa Yang, Taiwan 2013, 103’.
Martedì 19 luglio, serata “cortometraggi”:  The Pillars, di Moustafa Zakaria, EAU, 2012, short, 16’; Rangan ‘99, di Tiyam Yabandeh, Iran 2014, 15’; Namo, di Salah Salehi, Iran 2014, 29’.
Giovedì 21 luglio, “Il cuore dell’assassino”, di Catherine McGilvray, Italia/ USA2013, 56’.
Lunedì 25 luglio, “Viviane”, di Ronit e Shlomi Elkabetz, Israele / Fracia 2014, 115’.

Centro Universitario,     via Zabarella 82, Padova

Le proiezioni, gratuite, saranno alle ore 21.00 nel girdino del Centro Universitario di via Zabarella e in caso di pioggia le proiezioni si terranno nel salone.

www.csvpadova.org/Feste-ed-eventi/cinema-e-religioni-rassegna-estiva.html


Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

107 q 0,402 sec