1
  27/06/2013            21:30

Omar Pedrini


Concerto dello storico leader dei Timoria, chitarrista e cantante ma anche attore, poeta, docente universitario, autore e conduttore televisivo, esperto di enogastronomia.


Omar Edoardo Pedrini (Brescia, 28 maggio 1967) è un cantante e chitarrista italiano. Inizia la carriera nel 1986 con il gruppo dei Timoria con cui raggiunge ottimi riscontri di vendita a metà degli anni novanta grazie agli album Viaggio senza vento e 2020 Speedball. Nel 1996 pubblica il suo primo CD da solista intitolato Beatnik – Il ragazzo tatuato di Birkenhead, stampato in sole 7000 copie. Nel 2002 concede una “pausa di riflessione di cinque anni” ai Timoria e decide di intraprende la carriera solista. Debutta così nel 2004 al Festival di Sanremo con “Lavoro inutile” ricevendo il premio dei giornalisti. Dopo il festival esce il suo secondo CD da solista intitolato Vidomar. Nel giugno dello stesso anno è costretto ad interrompere ogni attività a causa di una delicata operazione a cuore aperto subita dopo un aneurisma aortico. Dopo diversi mesi di inattività riprende a fare delle esibizioni in acustico tornando a collaborare con altri componenti dei “Timoria” come Enrico Ghedi (tastiere) e Filippo Ummarino (percussioni) e altri artisti del mondo della musica, cinema, scultura (ad esempio Marco Lodola). Nel maggio del 2006 è uscito il suo terzo album da solista Pane burro e medicine, anticipato dal singolo “Shock” e che contiene, tra le altre canzoni, la cover di “Tre Volte Lacrime” uno dei brani più rappresentativo della band rock new wave dei Diaframma. È docente di “Laboratorio di composizione e realizzazione di una canzone pop” (30 ore) presso il master in comunicazione musicale per la discografia e i media dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia. Nel 2009 ha realizzato la title track della colonna sonora del film di Pupi Avati Il figlio più piccolo in cui interpreta anche un cameo. Il 23 giugno 2010 è uscito un nuovo album intitolato La capanna dello Zio Rock, descritto dallo stesso Pedrini come “un bel discone con tutto il meglio dei Timoria più alcuni inediti”. Da inizio 2011 è in tour con la sua band formata da Maurizio Strappazzon alla chitarra, Larry Mancini al basso, Alberto Pavesi alla batteria e Giancarlo Zucchi alle tastiere, riproponendo il meglio dei Timoria e alcuni brani inediti della sua carriera solista. Il 19 aprile 2011, al teatro Creberg di Bergamo, duetta con Francesco Renga in una delle canzoni più importanti dei vecchi Timoria, ovvero Sangue Impazzito. E nel corso di una intervista entrambi hanno fatto trasparire la voglia di collaborare nella stesura di qualche pezzo. Nei mesi di maggio e giugno 2011 partecipa al tour tra alcune università italiane di “Edison Change The Music” per promuovere iniziative ecosolidali e il contest per selezionare la band che aprirà il concerto dei Bon Jovi del 17 luglio 2011 a Udine. Tra l’autunno del 2012 e la primavera del 2013 è sugli schermi di Rai 5con il suo nuovo programma Pop – Viaggio dentro una canzone, durante il quale racconta la genesi ed i retroscena delle canzoni di maggior successo del panorama musicale italiano. Ad aprile del 2013 è diventato padre per la seconda volta, della piccola Emma Daria; contemporaneamente lavora ad un nuovo album, dalle forti sonorità brit-pop, in rotazione sulle radio a partire dall’estate.

Share
Chiosco Club,     via Ariosto 10, Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa

Ingresso libero riservato ai soci.

freakpress@gmail.com
http://chiosco.blogspot.com

Potrebbero interessarti anche

  • Anima ardente

    Anima ardente

    Penultimo appuntamento al Chiosco Club con la rassegna di teatro 'Donne in scena questa sera' con lo spettacolo di Elena Carloni con Natalia Magni.
  • Richard Julian

    Richard Julian

    Per la rassegna 'Voce+Chitarra: Non Serve Altro' al Chiosco, concerto del songwriter, cantante, chitarrista, pianista e autore d'oltreoceano che ha scritto anche per E. Costello.
  • The Wild Scream

    The Wild Scream

    Concerto al Chiosco in versione acustica con Fabio Joe Shamano (voce e frontman degli Shaman’s Blues) e Max Bonotto (chitarra).


172 q 0,854 sec