5
  20/01/2023           
Mussolini il capobanda. Perché dovremmo vergognarci del fascismo. Incontro con l’autore Aldo Cazzullo

Mussolini il capobanda. Perché dovremmo vergognarci del fascismo. Incontro con l’autore Aldo Cazzullo


Incontro con l'autore Aldo Cazzullo. Moderazione a cura di David Parenzo; introduzione a cura dell'Assessore alla Cultura Andrea Colasio


In occasione dei cent’anni della Marcia su Roma, Aldo Cazzullo fa i conti col fascismo e la sua eredità storica.

«Cent’anni fa, in questi stessi giorni, la nostra patria cadeva nelle mani di una banda di delinquenti, guidata da un uomo spietato e cattivo. Un uomo capace di tutto; persino di far chiudere e morire in manicomio il proprio figlio e la donna che l’aveva messo al mondo».

Comincia così il racconto di Aldo Cazzullo su Mussolini. Una figura di cui la maggioranza degli italiani si è fatta un’idea sbagliata: uno statista che fino al ’38 le aveva azzeccate quasi tutte; peccato l’alleanza con Hitler, le leggi razziali, la guerra. Cazzullo ricorda che prima del ’38 Mussolini aveva provocato la morte dei principali oppositori: Matteotti, Gobetti, Gramsci, Amendola, don Minzoni, Carlo e Nello Rosselli.

Aveva conquistato il potere con la violenza – non solo manganelli e olio di ricino ma bombe e mitragliatrici – facendo centinaia di vittime.

Fin dal 1922 si era preso la rivincita sulle città che gli avevano resistito, con avversari gettati dalle finestre di San Lorenzo a Roma, o legati ai camion e trascinati nelle vie di Torino. Aveva imposto una cappa di piombo: Tribunale speciale, polizia segreta, confino, tassa sul celibato, esclusione delle donne da molti posti di lavoro. Aveva commesso crimini in Libia (40 mila morti tra i civili), in Etiopia (dall’iprite al massacro dei monaci cristiani) e in Spagna. Aveva usato gli italiani come cavie per cure sbagliate contro la malaria e per vaccini letali.

Era stato crudele con tanti: a cominciare da Ida Dalser e dal loro figlio Benitino.

La guerra non fu un impazzimento del Duce, ma lo sbocco logico del fascismo, che sostiene la sopraffazione di uno Stato sull’altro e di una razza sull’altra. Idee che purtroppo non sono morte con Mussolini. Anche se Cazzullo demolisce un altro luogo comune: non è vero che tutti gli italiani sono stati fascisti.

E l’antifascismo dovrebbe essere un valore comune a tutti i partiti e a tutti gli italiani.

Aldo Cazzullo (Alba, 1966) da oltre trent’anni racconta sui giornali le principali vicende italiane e internazionali. Ora cura la pagina delle Lettere del «Corriere della Sera», di cui è vicedirettore ad personam.

Da Mondadori ha pubblicato libri sul Risorgimento (Viva l’Italia!), sulla prima guerra mondiale (La guerra dei nostri nonni), sulla Ricostruzione (Giuro che non avrò più fame), sugli anni Cinquanta (I ragazzi di via Po) e sugli anni Settanta (I ragazzi che volevano fare la rivoluzione e Testamento di un anticomunista. Dalla Resistenza al golpe bianco con Edgardo Sogno).

I suoi due libri su Dante (A riveder le stelle e Il posto degli uomini) hanno venduto oltre trecentomila copie.

INGRESSO:

ingresso gratuito fino a esaurimento postI

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA SU:

suonipatavini.eventbrite.it

INFORMAZIONI:

info@suonipatavini.it

Share
Auditorium Centro culturale Altinate San Gaetano,     via Altinate 71,  Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa





Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

141 q 0,547 sec