11
Da giovedì 27 agosto a giovedì 8 ottobre   
On my shoulders – Fotografie di Claudio Mainardi sul set di Antonello Belluco

On my shoulders – Fotografie di Claudio Mainardi sul set di Antonello Belluco


Da giovedì 27 agosto a giovedì 8 ottobre la Sala dello Studio Teologico della basilica di S. Antonio a Padova ospiterà la mostra che raccoglie, in un racconto unico e personale, oltre 60 fotografie di scena realizzate da Claudio Mainardi durante le riprese del film omonimo di Antonello Belluco


Da giovedì 27 agosto a giovedì 8 ottobre la Sala dello Studio Teologico della basilica di S. Antonio a Padova ospiterà “On my shoulders – Sulle mie spalle”, mostra che raccoglie, in un racconto unico e personale, oltre 60 fotografie di scena realizzate da Claudio Mainardi durante le riprese del film omonimo di Antonello Belluco, dedicato alla figura di padre Leopoldo Mandić.
Fotografie sul set del film di Antonello Belluco
Curatrice: Luisa Bondoni.

Il fotografo di scena è un reporter invisibile, che si muove sul set con grande leggerezza e sensibilità. Il suo obbiettivo è quello di fissare un attimo che non si ripeterà più, andando alle radici più profonde del senso di fotografia stessa, permettendo di poter ricostruire gli allestimenti e i passaggi di cui altrimenti non avremmo traccia.
Ed è da questi momenti sulla scena, trasformati in poesia ed atmosfere uniche ed intime, che nasce “On my shoulders – Sulle mie spalle”, mostra del fotografo Claudio Mainardi che raccoglie oltre sessanta scatti realizzati sul set del film omonimo che il regista Antonello Belluco, dopo “Antonio guerriero di Dio”, ha voluto dedicare un film ad un altro Santo: padre Leopoldo Mandić.
L’esposizione, progettata e realizzata da Vittorio Brondin è stata accolta con entusiasmo dalla Veneranda Arca di S. Antonio che l’ha patrocinata con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e il contributo di Alì S.p.A. La mostra si terrà dal 27 agosto all’8 ottobre, presso la Sala dello Studio Teologico della basilica di S. Antonio a Padova.

«Il back-stage durante la lavorazione del film è stato per me come un viaggio attraverso una storia, un mondo che sta davanti e dietro la macchina da presa e l’imprevisto – racconta Claudio Mainardi – Durante questa mia esperienza ho capito che chi svolge questo mestiere deve essere insieme onnipresente e invisibile sentendosi ripetere continuamente “spòstati”. A me interessano le persone, che sono i veri attori protagonisti, cerco di cogliere quell’attimo magico che fugge davanti ai miei occhi, cerco di cogliere la poesia che sta in ogni cosa e ho scelto il bianco e nero per la sua purezza. La Fotografia in bianco e nero è pura magia ed è misteriosa. La sua potenza sta nell’astrazione della realtà, non c’è colore, non ci sono distrazioni, ma solo neri e grigi che in una rielaborazione magica trascendono il visivo».

«Conosco e stimo Claudio Mainardi dagli anni Ottanta. – racconta il regista Antonello Belluco – Così, prima di iniziare le riprese, in questa datata amicizia, gli parlai del mio film che sarei andato a girare di lì a poco. Non ci siamo chiesti nulla. Questa raccolta fotografica è un modo per ripercorrere quei momenti di lavoro, di incontro, di attesa, di sofferenza, di scontro … di speranza … attimi che solo chi li ha vissuti sulla propria pelle possono essere realmente riconosciuti ma che, comunque, vogliono anche essere regalati a tutti come testimonianza di attimi unici e indimenticabili».

«Sono fotografie che raccontano l’intera storia di una pellicola, dalla sua nascita al suo sviluppo nel tempo, fino a tradursi in opera unica ed indipendente. – scrive Luisa Bondoni, storica e critica della fotografia e curatrice della mostra, nell’introduzione al catalogo – Mainardi persegue uno stile personale carico di emozioni e di eleganza: il suo bianco e nero evoca alcune pellicole neorealiste italiane, con i suoi tagli, i ritratti intensi e veri, le inquadrature perfette che rappresentano già di per sé delle piccole storie. In questo modo ci permette di scoprire i retroscena della creazione artistica, il lavoro di squadra e la direzione del regista, ci permette di soffermarsi su alcuni dettagli degli allestimenti, sogniamo attraverso le ricostruzioni d’epoca di scene, trucchi ed abiti».

«Gli scatti del back stage di scena, raccontano il dipanarsi di una storia di santità, quella di padre Leopoldo, che molto ebbe cara la basilica del Santo, nei cui spazi, della chiesa e dei chiostri, sono state filmate diverse scene – conclude Giovanna Baldissin Molli, Presidente della Veneranda Arca di S. Antonio – Il linguaggio fotografico coglie qui il divenire e l’attuarsi di un altro linguaggio artistico, bloccando in istantanee di alta suggestione, evidenziata dal bianco e nero, la costruzione filmica: scene di guerra, di vita quotidiana, di festa, di disperazione, di ricerca interiore, e in esse si insinua talvolta la figura del regista, dell’allestimento, dei macchinari di scena, l’elemento del contemporaneo, della finzione preparata, e sembra che quelle intrusioni cerchino di rompere, ma con difficoltà, un mondo che fu davvero reale, difficile e doloroso, come quello del tempo della seconda guerra mondiale».

La mostra fotografica, sesta esposizione patrocinata dal Collegio di Presidenza della Veneranda Arca di S. Antonio, dalla fine del 2016 a oggi, si caratterizza, oltre che per il suo valore intrinseco, immediatamente percepibile dal visitatore, anche per un rapporto di coerenza, e quasi di sviluppo rispetto ai temi, centrati sulla valorizzazione e la cura del patrimonio antoniano, che la Veneranda Arca promuove e incentiva e che nelle precedenti esposizioni hanno proposto chiavi di lettura antoniane e padovane nei linguaggi della grafica, della fotografia storica, del patrimonio librario e nella pittura veneta del Settecento.

Share
Sala Studio Teologico della basilica di S. Antonio,     Piazza del Santo 11, Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa

Apertura dalle 9.00 alle 19.30. Vernice per la stampa giovedì 27 agosto ore 11.00. Inaugurazione giovedì 27 agosto ore 18.30

arcadisantantonio@gmail.com


Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

146 q 0,956 sec