4
Dal 22 al 27 Luglio ore 19.00   
Il figlio di Arlecchino perduto e ritrovato

Il figlio di Arlecchino perduto e ritrovato


Stefano Rota e la Compagnia Giovani dello Stabile del Veneto diretti da Marco Zoppello portano in scena il gioco degli equivoci tipico della Commedia dell’Arte goldoniana.


Sulla scia del successo riscosso sul palcoscenico veneziano del Goldoni Il figlio di Arlecchino perduto e ritrovato arriva al Teatro Verdi di Padova dal 22 al 27 luglio per la rassegna estiva Aperitivo a Teatro. Lo spettacolo prodotto dal Teatro Stabile del Veneto porta in scena, dopo due secoli e mezzo dalla stesura, uno dei canovacci goldoniani tradotto e adattato dal regista Marco Zoppello.

Sul palcoscenico nel ruolo di Arlecchino, Stefano Rota che, dopo 30 anni dal debutto con La Pazzia di Isabella (TAG Teatro, Venezia, 1989), torna a dare vita alla maschera più famosa del mondo, accompagnato da sei giovani attori professionisti della Compagnia Giovani del Teatro Stabile del Veneto, nata dal progetto TeSeO – Teatro Scuola e Occupazione con il sostegno della Regione Veneto.

Il protagonista della commedia è un Arlecchino anomalo, non più “gatto” ma “cane” (per la precisione Carlino, in onore della somiglianza della maschera col muso dell’animale), non più servo ma formaggiaio, non più vittima dei padroni ma artefice, suo malgrado, del proprio destino.


La trama

In uno sperduto villaggio delle vallate bergamasche, una coppia di innamorati, Rosaura e Florindo, si sposano in gran segreto e danno alla luce una figlia, proprio negli stessi giorni in cui Arlecchino e Camilla festeggiano la nascita della loro primogenita. La trama si dipana tra fraintendimenti e scambi di infanti, si impenna sulle scenate di gelosia di Arlecchino. Il patetismo si fa strada nelle crisi di Camilla, accusata ingiustamente di tradimento dal marito e disperata per la sorte di una figlia che crede scomparsa.

Il gioco degli equivoci, tipico della Commedia dell’Arte, permette ancora una volta di portare sul palcoscenico quei conflitti universali che da sempre animano la vita degli esseri umani: la sete di potere, di denaro, le grandi passioni amorose ostacolate, il mostro verde della gelosia.

Uno spettacolo che, tra le pieghe della commedia, del divertimento, del gioco teatrale più puro, scanzonato e cantato, nasconde un briciolo di nera fuliggine, una brace di dramma pronta a divampare tra le sterpaglie della vita.

Testi da Carlo Goldoni
Traduzione e adattamento Marco Zoppello
Con Stefano Rota
e con gli attori della Compagnia Giovani del Teatro Stabile del Veneto: Matteo Campagnol, Alice Centazzo, Emanuele Cerra, Marco Mattiazzo, Emilia Piz, Francesca Sartore.
Regia Marco Zoppello
scene Alberto Nonnato
costumi Lauretta Salvagnin
maschere Roberto Maria Macchi
luci Paolo Pollo Rodighiero
assistente alla regia Maria Roberta Strazzella

durata 1h circa

Il Progetto della Compagnia Giovani è parte dell’Accordo di Programma tra Regione Veneto e Teatro Stabile del Veneto con la partnership di Accademia Teatrale Veneta per la realizzazione di un Ciclo Completo di Formazione Professionale per Attori – Modello TeSeO Veneto – Teatro Scuola e Occupazione (DGR n. 1037 del 17 luglio 2018). Gli attori della Compagnia Giovani sono diplomati presso Accademia Palcoscenico e Accademia Teatrale Veneta.
Al termine dello spettacolo segue l’immancabile rito dell’aperitivo con attori e spettatori.

Share
Teatro Verdi,     Via dei Livello, 32, PD
           clicca qui per visualizzare la mappa

+39 0412402027 +39 3664737447 diletta.rostellato@teatrostabileveneto.it www.teatrostabileveneto.it

Potrebbero interessarti anche

  • Aperitivo a Teatro

    Aperitivo a Teatro

    Grandi autori per giovani attori: dal 24 giugno al 3 agosto APERITIVO A TEATRO anima l’estate del Verdi.
  • La leggenda del flauto Maxence Larrieu al Teatro Verdi di Padova per “NOVECENTO CAMERISTICO ITALIANO”

    La leggenda del flauto Maxence Larrieu al Teatro Verdi di Padova per “NOVECENTO CAMERISTICO ITALIANO”

    Si prepara il nuovo appuntamento padovano di “Novecento Cameristico Italiano”, la stagione concertistica che la Fondazione Musicale Omizzolo Peruzzi propone in collaborazione con l’Archivio Musicale Guido Alberto Fano di Venezia e il Teatro Verdi: obiettivo la promozione dell’opera del pianista e compositore padovano Silvio Omizzolo (1905-1991) e della cultura musicale veneta, mettendo accanto a tale produzione quella cameristica nazionale del ventesimo secolo e i capolavori del repertorio classico.
  • Cantata profana tra Italia e Cina: “Marco Polo, il libro delle meraviglie”

    Cantata profana tra Italia e Cina: “Marco Polo, il libro delle meraviglie”

    Uno spettacolo raro a vedersi nei nostri teatri è la “cantata”, un’azione scenica e musicale in cui il coro, i solisti e l’orchestra non sono meno importanti dell’allestimento, della recitazione e della coreografia. È l’Istituto di Istruzione Superiore Concetto Marchesi di Padova a proporre il prossimo 16 maggio dalle ore 20,30 “Marco Polo, il libro delle meraviglie”, un evento unico sia per la qualità in sé sia perché il Teatro Verdi sarà disponibile solo per quell’unica data.
  • En tus Ojos/Piazzolla Tango

    En tus Ojos/Piazzolla Tango

    Alle 20 e 45 uno spettacolo di Naturalis Labor con la musica appassionata di Astor Piazzolla che mescola il tango alla danza d’autore di Luciano Padovani. Alle ore 17.00 la presentazione del libro La danza 2.0. Paesaggi coreografici del nuovo millennio di Alessandro Pontremoli.


Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

165 q 0,188 sec