1
  13/04/2018            20:15
Veronika Eberle e Denes Varjon

Veronika Eberle e Denes Varjon


Per gli Amici della Musica Veronika Eberle al violino e Denes Varjon al pianoforte con un programma che comprende Bach, Schumann, Bartok.


Veronika Eberle
violino

Dénes Várjon
pianoforte

Johann Sebastian Bach
Sonata n. 3 BWV 1016

Béla Bartók
Sonata n. 2

Leos Janacek
Sonata

Robert Schumann
Sonata n. 3

Alla giovane violinista tedesca Veronika Eberle la nostra associazione ha guardato con attenzione già negli scorsi anni (2009 e 2013): un interesse motivato dal suo talento straordinario e dalla maturità musicale. Qualità queste che l’hanno portata giovanissima, dopo gli studi con C. Poppen e A. Chumachenco, a prestigiosi riconoscimenti (Borletti-Buitoni Trust 2008, New Generation Artist BBC 2011-2013, etc.) e a collaborazioni con direttori quali Sir Simon Rattle (Concerto di Beethoven con la Filarmonica di Berlino al festival di Salisburgo 2006, poi a Londra nel giugno 2014 con la London Symphony Orchestra), Heinz Holliger, Daniel Harding e altri ancora. Al suo fianco Dénes Várjon, uno dei pianisti più apprezzati oggi nell’ambito della musica da camera (ne è un segno anche la sua regolare presenza a Marlboro), anche nelle nostre stagioni dove si è esibito, oltre che come solista, in concerti con L. Kavakos, M. Perenyi, T. Zimmermann, J. Widmann. Il programma si apre con la terza delle 6 Sonate che Bach verosimilmente compose a Köthen negli anni 1718-1722 e prosegue con due importanti pagine della letteratura del Novecento: due opere quasi coeve, la Seconda Sonata di B. Bartók del 1922 (e dedicata come la prima a Jelly d’Aranyi) e la Sonata di Janacek composta a partire dal 1914 e edita dopo varie revisioni nel 1922: una Sonata piena del nazionalismo nascente “all’inizio della guerra nel 1914 quando attendevamo l’arrivo dei russi”. In chiusura la terza sonata di Robert Schumann: una sonata di più raro ascolto rispetto all’op. 105 e all’op. 121 e che Schumann realizzò nel 1853 aggiungendo due movimenti a quelli che aveva scritto, assieme a Dietrich e a Brahms, per la Sonata F.A.E. in onore di Joachim. Una sonata di cui Clara distrusse il manoscritto e che fu ricostruita ed edita solo nel 1956.

Share
Auditorium Pollini,     via Carlo Cassan 17, Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa

Biglietti interi 25 euro, ridotti 20, studenti 8. Info t +39 049 8756763.



Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

149 q 0,136 sec