1
  17/04/2019            18:00
Donne e narrazione: riscriviamo il finale

Donne e narrazione: riscriviamo il finale


Incontro musicale e poetico con Silvia Braga e Ludmila Nachtigal


La lezione impartita da molti grandi classici è che, qualora una donna viva le sue passioni, il suo talento, esplori la sua sessualità e la sua libertà, venga ineluttabilmente punita da un destino crudele e tragico, isolata e bandita dal contesto sociale e lasciata sola ad avviarsi verso il baratro. Silvia Braga e Ludmila Nachtigal rivisitano alcune storie significative della narrativa e del cinema occidentale per ribaltarne i finali, riscattando in qualche modo i destini delle “famose” protagoniste (quali ad esempio Anna Karenina, Madame Bovary, Thelma e Louise ecc.) e propongono, con uno sguardo volutamente ironico e provocatorio, spunti per riflettere su come ai nostri giorni schemi e stereotipi culturali e sociali sul femminile siano ancora esistenti e pienamente attivi. L’evento prevede letture e citazioni tratte da testi diversi, cui seguiranno gli interventi personali delle relatrici ad essi liberamente ispirati. Sono inoltre previsti alcuni inserti musicali e poetici originali, delle due autrici Ludmila e Silvia e un finale a sorpresa.
L’evento ospiterà anche i musicisti Francesco Lazzarin (violino), Enrico Viti (mandolino).
In collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova.
Silvia Braga, vocalist eclettica e autrice di origine veneziana, studia chitarra jazz e trova infine nella voce il suo strumento congeniale, grazie ad esperienze in campo teatrale, Scuola di Teatro di Bologna di Alessandra Galante Garrone nel 1983, dove studia tra gli altri con Kandy Smith (assistente di C. Berberian). Prima ancora frequenta la Scuola di Commedia dell’Arte dell’Avogaria a Venezia e collabora con il Tag Teatro e Carlo Boso. Continua la sua formazione artistica e musicale con musicisti affermati come Gabriella Ravazzi, Steve Lacy e Mal Waldron, Tiziana Ghiglioni, Enrique Pardo. In California nel 1997 segue seminari di teatro con il regista Peter Meyers, di Radix con Dale Cummings e di Gestalt con Seymour Carter; segue anche Iacopo Fo, nell’ambito dei suoi seminari ad Alcatraz (Umbria). Vince un concorso radiofonico di Rai Due nel 1988/89 e partecipa a varie trasmissioni. Nel 1986 inizia a esibirsi come cantante, collaborando con musicisti affermati, ad oggi ha al suo attivo centinaia di live. Laureata a Venezia in Lingue e Letterature orientali, insegna canto e vocalità e conduce seminari di gruppo di vocalità creativa in varie sedi. Realizza nel 2011 il suo primo album come interprete ed autrice. Il progetto inedito dal titolo “Vento e Sabbia” raccoglie parte delle proprie composizioni originali in italiano. E’ iscritta alla Siae come autore e compositore.
Ludmila Nachtigal, nata a Gaiba, piccolo paese sulle rive del Po, di origini praghesi per parte di padre, ha vissuto e studiato a Padova dove ha frequentato il Liceo Classico “Tito Livio” e si è laureata in Lettere Moderne. Lavora come bibliotecaria per il sistema Bibliotecario Urbano del Comune di Padova. Si è occupata di tematiche legate alla auto-organizzazione o organizzazione dal basso, ispirate, tra l’altro, alle teorie del Prof. Alberto Felice De Toni dell’Università di Udine. Si è interessata e si interessa di temi legati alla problematica dell’abuso sulle donne e nel gennaio 2018, ha seguito il primo modulo di lezioni online “ I serial killer dell’anima” tenute dalla criminologa Dott.ssa Cinzia Mammoliti di Milano. Nell’aprile 2018 ha frequentato a Siena il “Seminario di formazione per conduttrici di gruppi di parola” (auto aiuto), tenuto dalla Psicoterapeuta Roberta Sava, fondatrice tra l’altro della onlus “Una voce per Eco” con sede a Roma. E’ attualmente iscritta e frequenta il Master di “Etnopsichiatria” tenuto presso l’Istituto Beck di Roma sotto la supervisione scientifica del Dott. Paolo Cianconi, psichiatra e antropologo. Fra i suoi altri interessi: il teatro, l’arte, la letteratura. Ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie “Non voltarti” nel 2018 presso le edizioni La Gru.

Share
Sala Paladin,     Palazzo Moroni, via VIII febbraio 6, Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili FAI Fondo Ambiente Italiano – Delegazione di Padova Casa della Rampa Carrarese – via Vallaresso 32 – 35121 Padova cell. 392 3993419 – padova@delegazionefai.fondoambiente.it www.fondoambiente.it

Potrebbero interessarti anche

  • Una Villa per le feste

    Una Villa per le feste

    La primavera porta con sé gli attesi giorni di festa all’aria aperta e molti Beni del FAI – Fondo Ambiente Italiano offrono agli ospiti la possibilità di trascorrerli tra colazioni sull’erba, giochi per grandi e bambini, visite guidate, passeggiate, caccia alle uova di cioccolato e molto altro.
  • Le vite di Tiziano

    Le vite di Tiziano

    Parte a Padova la prima lezione del corso di storia dell'arte "Le vite di Tiziano" organizzato da FAI insieme all'Università.
  • Domeniche nel verde e nella cultura

    Domeniche nel verde e nella cultura

    Tecniche di giardinaggio, laboratori sulla preparazione del te' e di cibi bio, laboratori artistici per grandi e piccoli, yoga e pilates. Sono le proposte per passare le prossime domeniche pomeriggio a Luvigliano di Torreglia, nella bellissima villa targata FAI
  • Il FAI per l’arte

    Il FAI per l’arte

    Scenario per l'incontro dell'associazione che si premura di salvaguardare il patrimonio artistico nazionale sarà Villa dei Vescovi, in cui per tutto il mese di maggio si terranno incontri organizzati dal FAI stesso.


Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

136 q 0,444 sec