06/03/2013              21:00
Claudio Cojaniz Trio

Claudio Cojaniz Trio


Per la rassegna 'I concerti del Centro d'Arte', si esibisce il Claudio Cojaniz Trio (Cojaniz al pianoforte, Alessandro Turchet al contrabbasso, Luca Colussi alla batteria) in 'The heart of the universe'.


Claudio Cojaniz – pianoforte
Alessandro Turchet – contrabbasso
Luca Colussi – batteria

Negli ultimi anni Claudio Cojaniz ha infittito un’attività già assai feconda: dalla Red Devils Orchestra alla N.I.O.N. Orchestra, dal solo piano al duo con F. Bearzatti, dal recital per organo a canne al quartetto Marmaduke.
Non per questo ha accantonato le musiche per trio con basso e batteria, formula con la quale il pianista friulano ha sempre garantito risultati emozionanti (basti citare “Hasta Siempre” e “Romantic Circle”). Con i nuovi compagni di viaggio Turchet e Colussi ecco dunque questo “The Heart Of The Universe” (anche cd Caligola Records), tappa musicale che conferma una poetica più legata al lirismo rispetto a quella più spregiudicata degli anni giovanili. Cojaniz è pianista sanguigno, ma che sa controllare i materiali sonori più disparati. Legato al blues quasi geneticamente, interprete lucido di Monk e di tutta la tradizione afroamericana profonda, Cojaniz non nasconde la radici popolari di tutte le sue musiche, che riescono a intrecciare profumo di forma-canzone, subito innervate di libertà, di richiami afro, di passionalità immediata. E il filo di un racconto unitario si intuisce fin dal primo ascolto di questi nuovi pezzi.
Claudio Cojaniz è nato a Palmanova. Dopo gli studi classici si immerge nel jazz vivacizzando la già florida scena friulana. Incide cinque dischi per la Splasc(h), tra cui “Hermanos” e “Blue Demon”, distinguendosi come pianista dal tocco autorevole ed essenziale, lontano dall’estetismo un po’ lezioso di molti colleghi. I suoi modelli sono piuttosto Ellington, Ibrahim, Taylor. E soprattutto Monk, come già detto. Notevole il sodalizio con il trombonista Giancarlo Schiaffini, con cui suona e incide in duo. Letterato, animatore, cultore di band “underground”, Cojaniz ha inoltre composto le musiche del film “Gloria” (del 1921), ha registrato dal vivo nella Basilica dei Frari a Venezia “Shadow Of Colours”, suite in nove parti per organo a canne.
Alessandro Turchet ha inciso con, tra gli altri, Massimo De Mattia, U.T.Ghandi, Maurizio Pagnutti.
Luca Colussi ha suonato con moltissimi jazzmen e ha realizzato diverse musiche per il teatro e il cinema, oltre ad essere impegnato didatta in Friuli.

FacebookGoogle+Google GmailEvernoteTwitterWhatsAppDeliciousOutlook.comPinterestBookmark/FavoritesPrintFriendlyCondividi/stampa
Cinema Lux,     via Felice Cavallotti 9, Padova
Biglietti 10-12 euro. Info 049 8071370.

info@centrodarte.it
www.centrodarte.it/

Potrebbero interessarti anche



Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *


* Campi obbligatori

94 q 0,894 sec