11
26 ottobre – 17 novembre, orari: giovedì e venerdì 10-12; sabato e domenica 10-12 e 16-19    17:30
Sguardi su Padova e Vigonza

Sguardi su Padova e Vigonza


Novanta immagini per la mostra in occasione degli ottant’anni del maestro fotografo


FRANCESCO DANESIN, UNA VITA DIETRO L’OBIETTIVO

(VN-23-10-2019) Sguardi su Padova e Vigonza è il titolo della mostra del fotografo Francesco Danesin che s’inaugura sabato 26 ottobre alle ore 17.30 nella Sala Lidia Kobal a Porta Portello, di recente restituita alla cittadinanza grazie all’Associazione Progetto Portello cui è stata affidata la gestione insieme al Comitato Mura (fino al 17 novembre, ingresso libero, orari: giovedì e venerdì 10-12; sabato e domenica 10-12 e 16-19).

Attraverso una selezione di oltre novanta immagini, curata da Gianfranco Martinoni con il patrocinio del Comune di Padova, l’esposizione intende omaggiare il percorso creativo di uno dei maggiori fotografi padovani contemporanei, in occasione del compimento dei suoi 80 anni, festeggiati di recente.
L’itinerario compendia quasi un quarto di secolo della rigorosa ricerca di Danesin che, partendo da una approfondita considerazione dello scenario urbano e della sua natura, supportato da una solida formazione tecnico-scientifica, ha inteso rintracciare la presenza dei segni della storia, sulla base di una comune identità storica, in luoghi diversi di Padova, sua città natale, e di Vigonza, sua città di adozione.

Sono innumerevoli le immagini di Francesco Danesin che hanno fatto il giro del mondo e si sono impresse nella memoria e nel cuore: il Prato della Valle, la Cappella degli Scrovegni, le piazze, il Bo, l’Orto Botanico.
Un’antologica di foto famose, celebrative del profilo dell’artista ma soprattutto della città del Santo, in un rapporto inesauribile di sguardi intimi e riflessioni profonde.
Danesin inizia a fotografare negli anni Cinquanta e, grazie all’insegnamento dello zio Menotti Danesin, celebre fotografo patavino e antesignano della foto di documentazione, entra in contatto con le problematiche complesse della fotografia fino ad arrivare, nel 1969, a quell’immagine che gli varrà il primo premio e la medaglia d’oro del Comune di Padova e del Fotoclub Padova: lo zoccolo del cavallo ligneo posato sulla boccia, particolare del monumento equestre del Palazzo della Ragione di Padova. Uno scatto che è stato utilizzato per molti anni proprio come icona – simbolo della città di Padova da parte di enti e istituzioni.

Danesin spazia dal reportage alla figura ambientata, dall’architettura al paesaggio, dallo still-life alla botanica. Ha lavorato all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare presso il Dipartimento di Fisica “G. Galilei” dell’Università di Padova e, grazie al contesto professionale, si è occupato anche di fotografia scientifica.
Ha all’attivo diverse personali, partecipazioni a collettive in Italia e all’estero, e oltre quaranta pubblicazioni storico-fotografiche, tra cui Hortus Simplicium del 1987, primo libro dedicato all’Orto Botanico di Padova, e Da Galileo alle stelle, vincitore di diversi premi internazionali. Nel 2000 è stato vicepresidente della Consulta per la Fotografia del Comune di Padova. Nel 2009 ha ricevuto il Sigillo Onorario della Città di Padova e della rivista Padova e i suo territorio “per aver portato la città di Padova nel mondo”.

Share
Porta Portello – Sala Lidia Kobal,     Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa

Ingresso libero

lbs.eventi@gmail.com


Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

153 q 0,290 sec