15/11/2017          Dal 15 novembre   
Teatro Ragazzi

Teatro Ragazzi


Dal 15 novembre al 6 aprile la stagione di Teatro ragazzi del Comune di Padova con spettacoli di qualità programmati all'interno dell'orario scolastico dalle scuole per l'infanzia alle superiori.


È una risposta eccezionale quella che arriva dalle scuole dove sono oltre ottomila gli alunni e le insegnanti che attendono con trepidazione le eterogenee proposte della stagione di Teatro Ragazzi del Comune di Padova: la rassegna, che si svolge in vari teatri della città in orario scolastico, si conferma anche per questa quinta edizione come la sede in cui convergono oltre ai dati numerici elevati (siamo a quota 6300 prenotazioni) gli immancabili giudizi positivi sulla qualità dei testi proposti. Questa nuova stagione, che prenderà il via il 15 novembre con La Bella e la Bestia, è stata confermata in continuità dall’assessorato alla Cultura del Comune di Padova e al suo timone vedrà il “tradizionale” direttore artistico Antonio Panzuto con la collaborazione di Flavia Bussolotto e l’esperienza artistica e culturale di Tam Teatromusica che cura anche l’organizzazione generale del programma. Si parla di ventotto appuntamenti a cui parteciperanno oltre 6300 ragazzi dalle scuole dell’infanzia a quelle secondarie, diciassette spettacoli di compagnie teatrali professionali e due progetti speciali. Per Andrea Colasio, assessore alla Cultura, la città di Padova si conferma come il miglior condensato nazionale di programmazione culturale per i ragazzi: questa “collaudata” rassegna si pone come obiettivo quello di far scoprire ai ragazzi la magia del teatro, un mondo “altro” che per l’assessore Cristina Piva alle Politiche educative e scolastiche insegna la gestione delle emozioni portando ricchezza interiore. «In prima media» spiega «mi hanno portato a vedere “Il berretto a sonagli” di Pirandello e da lì non ho più smesso di andare a teatro». Panzuto per questa edizione ha voluto come fil rouge il tema della “fiaba” e gli spettacoli, selezionati tra i migliori e premiati della produzione teatrale professionale nazionale, si distribuiranno in vari luoghi: il Verdi, il Piccolo Teatro Don Bosco, il Palaindoor, il Museo Eremitani, l’auditorium ex Copernico. «Succede a volte» spiega Flavia Bussolotto «che l’insegnante sia portata a scolarizzare il teatro, spogliandolo del suo spessore artistico. Noi pensiamo che un certo tipo di teatro sia di serie B ma dimentichiamo come sia all’avanguardia, partendo dalla tradizione novecentesca: in cartellone ci sono testi che affidano un grande ruolo all’immagine invece che alla parola, ma è il pensiero che si allaccia alla stessa». Si inizia al Teatro Verdi il 15 novembre, alle 10, con lo spettacolo La bella e la bestia con Stivalaccio Teatro. Si continua il 21 e il 22, al Piccolo Teatro, con C’era 2 volte 1 cuore con Tib teatro dedicato alle figurine degli innamorati, il 30, al Palaindoor, Alberto Riello interpreterà Storia di una corsa, affrontando il tema della competizione. «È il secondo anno che lavoriamo in una struttura pubblica come il Palaindoor» spiega Panzuto «si tratta di una vera e propria corsa su tapis roulant dove Riello analizzerà le sensazioni legate allo sport e per questo abbiamo invitato insegnanti di educazione fisica, in modo da valorizzare la socializzazione insita nella pratica sportiva». Ci sono temi importanti in gioco, come la storia L’anatra, la morte e il tulipano della Compagnia Tardito/Rendina, in scena il 23 gennaio, che affronta un tema scabroso come quello della morte. Rivolto in particolare agli insegnanti è lo spettacolo dal 5 al 7 dicembre di Tam Teatromusica, Fiabesca, che si avvale anche della voce recitante di Mafra Gagliardi. Il 16 gennaio, al Piccolo Teatro, sarà la volta di Hansel e Gretel di Teatro Invito. Segue Pecorelle, storia per i più piccoli, interpretata dalla Compagnia Cta, il 30 gennaio, al Piccolo Teatro. Il 2 febbraio sarà di scena La bella addormentata con Florian Metateatro a cui seguirà, il 15 e il 16, Perchè piangi con Giallo Mare Minimal Teatro. Una novità sarà lo spettacolo Il frigorifero lirico di Antonio Panzuto, ai Musei Civici dal 20 al 23 grazie alla collaborazione con Davide Banzato. Il 10 dicembre partiranno inoltre gli spettacoli di “Domeniche in famiglia” del Teatro Verdi, che richiamano ogni volta centinaia di persone, anche da fuori provincia. Quattro gli appuntamenti in programma: il 10 dicembre con “Gli aiutanti di Babbo Natale” con Ullalà Teatro-Rosso Teatro, il 4 gennaio “Il magico Zecchino d’oro” di Antoniano di Bologna- Fondazione Aida di Verona, Centro Servizi Culturali S. Chiara di Trento, il 21 gennaio “Mignolina” de La piccionaia e il 18 marzo “Un topo… due topi… tre topi, un treno per Hamelin” di Accademia perduta Romagna Teatro. Info teatroragazzipadova@gmail.com. Ufficio Teatro Scuole/Tam Teatromusica tel. 949654669.

Camilla Bottin





Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

87 q 0,431 sec