5
Venerdì 19 al Porto Astra    20:45
Un giorno a Wamba

Un giorno a Wamba


Proiezione del docufilm girato in R. D. Congo lo scorso anno in cui i protagonisti sono due dei moltissimi bambini da anni sostenuti a distanza dall'associazione S.O.S.


Al Cinema Porto Astra verrà proiettato il film documentario “Un giorno a Wamba” realizzato dai registi Francesco Mansutti e Vinicio Stefanello dell’associazione S.O.S. Onlus (Solidarietà Organizzazione Sviluppo). L’iniziativa, organizzata in collaborazione con l’assessorato alla cooperazione internazionale, ha lo scopo di raccogliere fondi in favore del progetto “Siloe”, Centro Oftalmologico a Isiro nella Repubblica Democratica del Congo. “Noi viviamo in una società dove tutto è scontato: il cibo, l’istruzione, la sanità e mai ci viene da pensare che ci sono altri posti al mondo dove tutto ciò non esiste – sottolinea l’Assessore alla cooperazione internazionale Marina Buffoni – ho voluto sostenere questa iniziativa, perché ritengo che questo film possa far riflettere soprattutto i giovani, troppo spesso in balia di frivolezze, che esiste anche un altro mondo comunque ricco di emotività e di umanità, ma anche per sensibilizzare gli imprenditori padovani a sostenere i progetti di riqualificazione, elettrificazione, potabilizzazione e uso delle energie alternative per aiutare la popolazione autoctona a costruire il paese e avviare attività economiche che diano possibilità di crescita. E’ questa la via da intraprendere per migliorare le condizioni di vita di queste popolazioni – conclude l’assessore – aiutarle a sviluppare le proprie potenzialità nel loro paese d’origine”.

Un giorno a Wamba è uno sguardo sulla vita quotidiana di due bambini che vivono nel cuore del Congo: un documentario senza retorica che non vuole raccontare un’idea di Africa, ma che semplicemente osserva e presta al pubblico i suoi occhi.

Wamba è un grande villaggio perso nell’immensa foresta pluviale africana. Siamo nel Nord-est della Repubblica democratica del Congo, a 2000 chilometri dalla capitale Kinshasa. Un’area martoriata, prima dalla colonizzazione belga, poi dalle guerre e ribellioni che si sono succedute senza fine. L’isolamento è quasi totale. Non esistono strade degne di questo nome. I collegamenti aerei con Isiro, la città più vicina, sono carissimi e difficoltosi. Economia, istruzione, sanità e, in breve, tutta la vita rispecchiano l’assoluta difficoltà e contraddizione di uno dei paesi tra i più poveri al mondo, ma anche tra i più ricchi di risorse naturali. In questo avamposto dimenticato ben oltre i confini più estremi della globalizzazione, vivono Euphrasie e Ignace, due adolescenti. Il film documenta una giornata qualunque della loro vita, dall’alba al tramonto. Ovvero di quelle 12 ore di luce che scandiscono il “tempo attivo” di questa comunità. Un tempo in cui l’energia elettrica è un lusso per pochissimi e dove l’acqua, il cibo, la salute, la scuola sono beni mai scontati e da conquistare con difficoltà e fatica giorno per giorno. Così la giornata di Euphrasie e Ignace vive di una normalità che agli occhi degli occidentali sembra straordinaria e impossibile. Una vita che sembra non avere futuro se non nella speranza di questi ragazzini e di quanti, laggiù, in quel grande villaggio di capanne in mezzo alla foresta, lottano per un domani migliore.

SOS onlus è un’Associazione di volontariato, nata a Padova nel 1989, che opera a favore dei Paesi del Sud del Mondo ispirandosi ai principi della solidarietà e dei diritti umani. “Crediamo che le popolazioni di questi paesi – sottolinea la presidente Sonia Bonin Mansutti – debbano essere prima ascoltate e poi aiutate: i progetti che valutiamo e finanziamo provengono direttamente dalle loro proposte e dalle loro esigenze. Per questo il ricavato della serata sarà interamente devoluto al progetto Siloe, il centro oculistico di Isiro, nel Nord Est della Repubblica democratica del Congo, voluto e realizzato dall’Associazione e CBM Italia, in stretto contatto con la Diocesi di Wamba. Un progetto vitale che in questi anni ha permesso di ridonare la vista a centinaia di persone e che, paradossalmente, lotta ogni giorno per la sopravvivenza, come del resto fanno tutti gli abitanti della foresta pluviale del Congo”. Un giorno a Wamba ha partecipato al Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli, Vittoria Peace Film, Fest, Diritti a Todi – Human Rights International Film Festival, Ischia Film Festival, EtnoFilm Fest

Share
Porto Astra,     via Santa Maria Assunta 20, Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa

L'ingresso sarà ad offerta libera.



Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

144 q 0,133 sec