49
  18/08/2018            20:30
Notturni d’Arte ad Arquà con il Petrarca

Notturni d’Arte ad Arquà con il Petrarca


Francesco Petrarca e Francesco da Carrara: un’amicizia che ha segnato due vite straordinarie


Visita guidate alla Casa di Arquà del grande poeta e letterato, che nel 1369, ormai anziano e malato, aveva fissato la sua dimora nel tranquillo villaggio euganeo vicino a Padova, per trascorrervi gli ultimi anni di vita attendendo agli amati studi.

Il rapporto tra Petrarca e i Carraresi iniziò nel 1349, quando il poeta, allora a Parma, accolse l’invito di Giacomo II da Carrara, suo sincero ammiratore, su sollecitazione forse del vescovo della città Ildebrandino Conti, uomo di grandissima cultura, e si recò per la prima volta a Padova. Gli fu concesso uno dei canonicati della cattedrale patavina, carica che costituiva una fonte di reddito sicura; gli fu anche assegnata una casa nei pressi della Cattedrale e della Reggia Carrarese. Petrarca riprese ben presto le sue peregrinazioni: fu spesso ospite presso le corti dei potenti che lo reclamavano, ma non mancarono le visite a Padova.

Dopo la tragica morte di Giacomo, per il quale il poeta, sinceramente addolorato, dettò l’epitaffio funebre, inciso sulla lapide sotto il monumento funerario nella chiesa di Sant’Agostino (demolita nel 1819) e ora nella chiesa degli Eremitani, Petrarca fu spesso ospite di Francesco il Vecchio, figlio e successore di Giacomo, che divenne suo amico personale. A lui rivolse il trattato sui doveri del principe e sul buon governo, per lui accettò, pur vecchio e debole, di accompagnare in ambasceria suo figlio Francesco Novello a Venezia dopo la bruciante sconfitta subita dal Carrarese nel 1373.

L’approdo definitivo a Padova avvenne nel 1368: Petrarca ricevette la casa di Arquà in dono da Francesco il Vecchio e la fece restaurare ampliandola con nuovi terreni. Fece unire i due corpi di fabbrica originari e adibì ad abitazione per sé e la sua famiglia il piano sopraelevato dell’edificio situato a sinistra, destinando alla servitù e ai servizi l’edificio di destra. Davanti alla casa c’era il giardino, sul retro il brolo: Petrarca amava le piante e si dedicò alla loro cura nelle numerose case che abitò. All’interno dell’abitazione Petrarca fece modificare la distribuzione degli ambienti: nella parte padronale la stanza centrale divenne salone di rappresentanza e di collegamento, illuminata da una grande finestra dalla parte del giardino e chiusa da un camino dalla parte del brolo, la stanza a sinistra fu divisa in due per ricavarne uno studiolo, che venne affrescato con motivi a finte tende e stemmi; le finestre furono rifatte in stile gotico e furono aggiunti due balconi e tre camini.

Ad Arquà morì nella notte tra il 18 e il 19 luglio 1374, dopo avervi trascorso gli ultimi anni di vita in compagnia dei libri prediletti, circondato dall’affetto dei familiari, degli amici e dei servitori fedeli. Il 24 luglio nel centro euganeo furono celebrati i solenni funerali del poeta alla presenza di Francesco il Vecchio e delle principali autorità patavine.

 

Biglietti 3 euro, da acquistare fino ad esaurimento della disponibilità, presso l’Ufficio IAT Informazioni e Accoglienza Turistica vicolo Cappellato Pedrocchi da lunedì a sabato ore 9-18, festivi ore 10-15. Nelle date degli eventi sarà possibile acquistare i biglietti fino alle ore 17. Il biglietto è a posto unico, NON rimborsabile. Per ulteriori informazioni telefono 049 8204533. Sede con barriere architettoniche

Share
via Valleselle 4,     Arquà Petrarca, PD
           clicca qui per visualizzare la mappa


Biglietti 3 euro



Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

144 q 0,185 sec