5
  20/02/2019            17:15
Incontri d’arte su artisti contemporanei: Maurizio Cattelan

Incontri d’arte su artisti contemporanei: Maurizio Cattelan


Comunicare l’arte contemporanea: quali segni quali mezzi a cura di Gabriele Righetto, architetto e filosofo dell’arte


PERCORSI DI ARTE CONTEMPORANEA- INCONTRI D’ARTE SU ARTISTI CONTEMPORANEI

Maurizio Cattelan
Mercoledì 20 febbraio 2019, ore 17:15

Ironico, irriverente, spietato: l’arte di Maurizio Cattelan colpisce nel segno, soprattutto quando fa indignare le persone, un po’ come quando si racconta una battuta e chi non riesce a capirla la etichetta come “stupida”.
Le opere d’arte di Cattelan sono intrise di una forte carica emotiva che produce un effetto curioso: riescono a scandalizzare un’opinione pubblica che pare ormai abituata a tutto, in questi anni di decapitazioni in diretta streaming.
I lavori di Cattelan all’inizio incuriosiscono, a volte suscitano anche un sorriso ma sono sempre frutto di un ragionamento cominciato dall’autore e portato a termine dal fruitore. Sono un invito a non prendersi troppo sul serio perché così si finisce col diventare cinici, freddi e distaccati mentre l’arte ha un solo, grande obiettivo: suscitare emozioni e fare battere il cuore un po’ più forte.

Maurizio Cattelan (nato a Padova nel 1960) è uno dei più importanti artisti italiani in attività. Le sue opere destano scalpore e (a volte) indignazione per il loro carattere dissacrante e provocatorio. Vive tra Milano e New York ed è, ad oggi, l’artista italiano più quotato sul mercato.
Maurizio Cattelan trasforma l’ironia e la provocazione in opere d’arte che restano impresse nello spettatore, come nel caso della sua opera più famosa, La nona ora (1999), che mostra Papa Giovanni Paolo II colpito (e affondato) da un meteorite.
Del resto, l’ironia è una componente essenziale della filosofia di Cattelan. Nel 1998 ad esempio risponde ad un’intervista per Flash Art “riciclando” le risposte di altri artisti. Nel 2001 invece si fa sostituire dal critico d’arte Massimiliano Gioni in un’intervista video per una televisione svedese.
Va peggio al suo gallerista Massimo De Carlo che Cattelan nel 1999 “incolla” alla parete della galleria d’arte con il nastro adesivo per realizzare l’opera vivente A perfect day. Alla fine del vernissage, l’uomo verrà ricoverato al Pronto Soccorso per un malore.
Da sempre irriverente nei confronti delle istituzioni e dell’establishment culturale, quando viene invitato per la prima volta alla Biennale di Venezia nel 1993, piuttosto che esporre una sua opera originale preferisce affittare lo spazio che ha a disposizione ad un’agenzia di pubblicità, creando l’opera Lavorare è un brutto mestiere.
Nel 1999 insieme al curatore Jens Hoffmann crea la “IV Biennale di Caraibi”, un evento fittizio che consiste in realtà in una vacanza per gli artisti coinvolti ed una cocente delusioni per critici e giornalisti accorsi alla kermesse.
Nel 2001 realizza Him, opera che ritrae Hitler in ginocchio intento a pregare con gli occhi commossi. La scultura è stata battuta all’asta da Christie’s per 17.189.000 dollari, stabilendo il record per l’asta e il record per l’artista.
Nel 2004 scandalizza i cittadini di Milano esponendo nei pressi di Porta Ticinese una sua installazione, consistente in tre manichini di bambini impiccati ad un albero. Un passante, indignato, prova a rimuoverli ma cade e finisce al Pronto Soccorso. L’allora sindaco di Milano, Albertini, difenderà l’opera sottolineandone il valore provocatorio.
Sempre a Milano espone, di fronte al palazzo della Borsa la sua opera L.O.V.E. (2010): una mano aperta priva delle sue dita, ad eccezione del medio. Per alcuni è un gesto di protesta contro il mondo della finanza ma, osservando attentamente l’opera, il dito è rivolto dalla Borsa verso la città. Significherà qualcosa?
Sempre nel 2004 gli viene conferita la Laurea Honoris Causa in sociologia dall’Università di Trento.
Nel 2009 ottiene il Premio alla Carriera della XV Quadriennale d’Arte di Roma ma manda a ritirarlo Stefano Belisari, in arte “Elio”, cantante del gruppo “Elio e le storie tese”.
Nel 2013 invece manda Fabrizio Biggio e Francesco Mandelli, del duo comico “I soliti idioti” a ritirare il Premio Francesca Alinovi all’Accademia delle Belle Arti di Bologna, causando l’indignazione del critico d’arte Renato Barilli, presente alla cerimonia.
Nel 2010, insieme al fotografo di moda Pierpaolo Ferrari, Cattelan dà vita a Toilet Paper, un magazine che con immagini provocatorie e dalla forte carica ironica racconta l’arte, la moda e la società.
Rimando in tema: l’ultima opera di Cattelan pare sia un wc d’oro a diciotto carati. L’opera, dal titolo Maurizio cattelan: America (2016) verrà installata al museo Guggenheim di New York e potrà essere utilizzata dal pubblico “quando la natura chiama”.
Nella primavera del 2018 Cattelan dà vita ad un altro progetto, Eternity. Ha messo a disposizione 20 borse di studio per i giovani artisti dell’Accademia di Belle Arti di Carrara, che si sono confrontati col tema della morte.
Così, i giardini dell’Accademia si sono trasformati in un ironico, irriverente e provocatorio cimitero di artisti (alcuni ancora in vita, tra cui lo stesso Cattelan).
L’artista, inoltre, ha ricevuto il titolo di Professore Onorario dell’Accademia delle Belle Arti di Carrara. Niente di strano, se non che Cattelan si è presentato alla cerimonia con una scritta sulla fronte che promuoveva il nuovo modello di smartphone della Huawei. Aveva infatti affittato quella parte del corpo come spazio pubblicitario. He devoluto il ricavato in beneficenza. Perché tutti siamo in vendita, dipende da cosa ci facciamo poi con quello che abbiamo guadagnato.

Share
Galleria Città di Padova,     via San Francesco - vicolo Santa Margherita 2, Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa

Settore Cultura, Turismo, Musei e Biblioteche - Servizio Mostre tel. 049 8204526 - paganinl@comune.padova.it, cell. 389 8949505 - assartepadova@libero.it padovacultura.it - padovaeventi.comune.padova.it Orario galleria: 16- 19,20, chiuso festivi

Potrebbero interessarti anche

  • A Padova la bellezza non chiude mai

    A Padova la bellezza non chiude mai

    Sono tre i musei dell’Università di Padova (di Scienze Archeologiche e d’Arte, dell'Educazione e di Macchine “Enrico Bernardi”) che aprono gratuitamente al pubblico nel mese di luglio le loro collezioni.
  • PRIDE VILLAGE 2019

    PRIDE VILLAGE 2019

    Inizia il conto alla rovescia in vista del 14 giugno, quando alle 19.30 apriranno ufficialmente i cancelli della dodicesima edizione del Pride Village alla Fiera di Padova. Fino al 14 settembre, dal mercoledì al sabato, il festival dedicherà al proprio pubblico tre mesi intensi fatti di concerti, teatro, party esclusivi e divertimento.
  • Segnavie 9: Una “spinta gentile” per una crescita inclusiva

    Segnavie 9: Una “spinta gentile” per una crescita inclusiva

    È un approfondimento che certo interessa chiunque voglia migliorare le relazioni con gli altri, con l’obiettivo di superare incomprensioni e preconcetti, più o meno inconsci, che spesso frenano lo svilupparsi di dinamiche virtuose all’interno di un team o di un ambiente condiviso.


Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

137 q 0,169 sec