6
  02/09/2020   03/09/2020   04/09/2020  05/09/2020    21:15
GirovagArte: ultima settimana!

GirovagArte: ultima settimana!


Ultima settimana per l’amatissimo GIROVAGARTE 2020.


Ultima settimana per l’amatissimo GIROVAGARTE 2020. E ancora una volta a ingresso gratuito
(su prenotazione) fino ad esaurimento dei posti tranne per lo spettacolo del 4 settembre con i Solisti
Veneti. Si aprono gli appuntamenti dell’ultima settimana con il cinema e l’omaggio al grande
Federico Fellini.

Spettacolo mercoledì 2 settembre – Cinema
CHE STRANO CHIAMARSI FEDERICO!

Un ritratto di Federico Fellini raccontato dal regista Ettore Scola, suo grande amico. Gli anni della
gioventù, il loro incontro nella redazione della rivista satirica Marc'Aurelio, le amicizie comuni
(Sordi, Mastroianni). E poi Cinecittà, le visite sui rispettivi set, i premi Oscar…
Tra ricostruzioni e materiali d'archivio Scola ci racconta la storia di un Fellini/Pinocchio che –
fortunatamente – non è mai diventato un bambino per bene.

SPETTACOLO DEL 3 SETTEMBRE
Stivalaccio Teatro presenta
ARLECCHINO FURIOSO

L’Amore è il motore di un originale canovaccio costruito secondo i canoni classici della Commedia
dell’Arte, con la maschera simbolo del teatro italiano. Un Amore ostacolato, invocato, cercato,
nascosto e rivelato. Ci sono Isabella e Leandro, costretti dalla sorte a dividersi, che si ritrovano dieci
anni dopo in Venezia pronti a cercarsi e innamorarsi nuovamente. C’è il geloso Arlecchino che
corteggia la servetta Romanella, pronto ad infuriarsi al primo sospetto di infedeltà. Lo spettacolo è
pensato per un pubblico universale, recitato con varietà di lingue e dialetti, arricchito dall’uso delle
maschere, dei travestimenti, dei duelli, dei canti, delle musiche e delle pantomime.

SPETTACOLO DEL 4 SETTEMBRE

Biglietti prezzo unico 10 €
Dato l’ingresso contingentato si consiglia l’acquisto in prevendita presso GABBIA (via Dante, 8
Padova – tel. 049 8751166) o presso l’Ente “I SOLISTI VENETI” P.le Pontecorvo, 4/a

I Solisti Veneti
OMAGGIO A BEETHOVEN
nel 250° anniversario dalla nascita

SPETTACOLO DEL 5 SETTEMBRE

Giobbe Covatta
LA DIVINA COMMEDIOLA

Tanti illustri personaggi hanno letto e commentato la Divina Commedia del grande Dante Alighieri.
Giobbe Covatta ha recentemente reperito in una discarica il manoscritto di una versione “apocrifa”

della Commedia scritta da tal Ciro Alighieri. Dopo un attento lavoro di ripristino si può finalmente
leggere questo lavoro dimenticato che ha senz'altro affinità ma anche macroscopiche differenze con
l'opera dantesca. Intanto l'idioma utilizzato non è certo derivato dal volgare toscano ma è senz'altro
più affine alla poesia napoletana. Si nota poi come il poeta abbia immaginato l'inferno come luogo
di eterna detenzione non per i peccatori ma per le loro vittime! E non poteva trovare diversa
soluzione in quanto le vittime sono i bambini ovvero i più deboli, coloro che non hanno ancora
cognizione dei loro diritti e non hanno possibilità di difendersi. Così mentre resterà impunito chi ha
colpito con le sue nefande azioni dei piccoli innocenti del terzo mondo, il Virgilio immaginato
dall'antico poeta lo accompagnerà per bolge popolate da bambini depauperati per sempre di un loro
diritto, di qualcosa che nessuno potrà mai restituirgli.

SPETTACOLO DEL 6 SETTEMBRE
Dedalofurioso Soc. Coop. e Matàz Teatro
Spettacolo per famiglie

CAPPUCCETTO ROSSO, IL LUPO E ALTRE ASSURDITÀ

C’era una volta Cappuccetto, che non voleva andare dalla nonna, perché voleva andare allo zoo, la
sveglia suonava e lei fingeva di stare male per non alzarsi dal letto! Si, proprio così, la nostra storia
vuole raccontare la vicenda classica… senza però riuscirci del tutto: cerca di mantenere nei binari
del racconto due buffi personaggi, Cappuccetto Rosso e il Lupo, che invece vorrebbero fare
tutt’altro. A portare avanti l’arduo compito di trattenerli all’interno della storia sono due narratori
che con l’autorità di una mamma e di un papà, cercano disperatamente di consigliare e di imporsi.
Ma chi sono Cappuccetto e il Lupo? Cappuccetto è uno spirito libero: distratta e un po’ cocciuta ci
mette ore ogni mattina per mettersi una giacca e detesta la nonna perché le fa paura. Il Lupo ha un
unico obiettivo: mangiare cappuccetto Rosso. Ma scopriremo che, non avendola mai catturata, non
sa nemmeno come sia fatta e quando la incontrerà, la scoprirà molto diversa da come se
l’aspettava…

Tutti gli spettacoli sono ad ingresso libero fino ad esaurimento di posti.
www.girovagarte.com con i link diretti alle prenotazioni.

Share
P     iazza Barbato (Ponte di Brenta)
           clicca qui per visualizzare la mappa

www.girovagarte.com



Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

148 q 0,150 sec