5
  02/06/2019            09:45
Domenica 2 giugno apertura del Castello Carrarese

Domenica 2 giugno apertura del Castello Carrarese


Il FAI - Delegazione di Padova e il Comitato Mura vi aspettano anche quest'anno al Castello Carrarese per rivelarvene angoli nascosti e aspetti sconosciuti. Era marzo 2007, quando FAI e Comitato Mura hanno unito le loro forze per la prima apertura pubblica del castello, per le Giornate di Primavera FAI, cui molte altre ne sono seguite negli anni successivi. Grazie alle due Associazioni, e alla preziosa collaborazione del Nucleo Tutela Beni Culturali della Protezione Civile, sono ormai qualche migliaio i padovani, e non solo, che hanno potuto visitare il Castello Carrarese.


In questi dieci anni sono proseguite le ricerche da parte delle Soprintendenze, che hanno confermato la straordinaria importanza di questa struttura, che troppi, anche fra persone di cultura, consideravano irrecuperabile, dunque da destinare a un qualsiasi uso, anche privato. A partire dalla scoperta, proprio nel 2007, degli affreschi della sala di Luigi il Grande d’Ungheria, le rivelazioni si sono succedute fino a riproporre il castello come una delle più ricche e sontuose residenze signorili di fine Trecento, in “competizione interna“, vien da dire, con la reggia che i Carraresi già possedevano al centro della città.
Ciò, grazie ai numerosi ulteriori frammenti di decorazioni a fresco ritrovati in un gran numero di ambienti, alle tracce dei famosi camini cilindrici carraresi, ma anche di impianti igienici, d’avanguardia per l’epoca, e a un raffinato sistema di isolamento dei pavimenti per mantenerli asciutti e confortevoli.

Un autentico tesoro di storia e cultura di cui la città sta riacquistando sempre maggiore consapevolezza e il cui recupero, pur fra mille difficoltà, è ormai avviato dal Comune di Padova.

La visita potrà arricchirsi di una nuova opportunità, grazie alla collaborazione esterna degli Amissi del Piovego: dopo la visita, chi lo desidera potrà fare una gita in barca di una ventina di minuti sino al ponte delle Torricelle, con partenza dall’imbarcadero di Piazzetta Delia, dove vi aspetteranno le imbarcazioni (offerta libera da 5,00 euro). Un volontario degli Amissi del Piovego sarà presente all’uscita di ognigruppo e raccoglierà gli interessati e li accompagnerà all’imbarcadero.

La visita al castello dura all’incirca 90 minuti
visita a gruppi di massimo 25 persone
partenze ogni 30 minuti, all’ora e alla mezzora
mattinata: dalle ore 10 alle ore 12 (partenza ultimo gruppo)
pomeriggio: dalle ore 14 alle ore 16:30 (partenza ultimo gruppo)
Ingresso da piazza Castello (ex carcere)

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE
Non sono previste prenotazioni nei giorni precedenti: nella mattinata è possibile prenotarsi per il pomeriggio. Suddivisione in gruppi secondo l’ordine di presentazione all’ingresso, dalle ore 9:45.

ATTENZIONE:
l’orario di partenza dei gruppi è indicativo, e potrà subire qualche ritardo In considerazione della disponibilità di meno di 300 ingressi nell’arco della giornata.
Si raccomanda di presentarsi per tempo. Contributo consigliato da 3,00 euro.
Si raccomanda l’uso di scarpe chiuse, meglio se con suola di gomma.

Share
Castello Carrarese,     Piazza del Castello, 16, PD
           clicca qui per visualizzare la mappa

comitatomura@virgilio.it - www.muradipadova.it

Potrebbero interessarti anche

  • Alessio Boni al Castello Carrarese

    Alessio Boni al Castello Carrarese

    Annullato lo spettacolo di Claudio Santamaria al Castello Carrarese, al suo posto Alessio Boni e Marcello Prayer con il recital su Alda Merini.
  • Giancarlo Giannini al Castello Festival

    Giancarlo Giannini al Castello Festival

    Sabato 6 luglio un altro evento imperdibile per Castello Festival, il recital “Le parole note” con il celebre attore Giancarlo Giannini accompagnato dalla note jazz del quartetto del sassofonista Marco Zurzolo.
  • Mostra mercato MoMArt

    Mostra mercato MoMArt

    Alla mostra mercato MoMArt di domenica prossima 2 giugno dalle 9,30 alle 19 in Piazza Capitaniato. In questa occasione ai tradizionali artisti dell’associazione MoMArt si affiancheranno le opere del progetto denominato "Donne Coraggiose” volto a realizzare l’opera pittorica più grande del mondo.


Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

153 q 0,529 sec