5
  16/05/2019            20:30
Cantata profana tra Italia e Cina: “Marco Polo, il libro delle meraviglie”

Cantata profana tra Italia e Cina: “Marco Polo, il libro delle meraviglie”


Uno spettacolo raro a vedersi nei nostri teatri è la “cantata”, un’azione scenica e musicale in cui il coro, i solisti e l’orchestra non sono meno importanti dell’allestimento, della recitazione e della coreografia. È l’Istituto di Istruzione Superiore Concetto Marchesi di Padova a proporre il prossimo 16 maggio dalle ore 20,30 “Marco Polo, il libro delle meraviglie”, un evento unico sia per la qualità in sé sia perché il Teatro Verdi sarà disponibile solo per quell’unica data.


L’opera del compositore Alberto la Rocca, costruita su liriche di Giacobbe Nevio Zanivan e accompagnata da testi di Stefano Tonietto recitati dall’attore Bruno Lovadina, è ispirata ad un libro e ad un personaggio attualissimi in questo mondo di viaggi e migrazioni, il cui nome in tutto il mondo significa amicizia e convivenza pacifica tra i popoli. Proprio a simboleggiare questa amicizia, questo ormai plurisecolare rapporto privilegiato tra l’Italia e l’Oriente (tra il Veneto e la Cina) lo spettacolo vede la partecipazione dell’Istituto Confucio all’Università di Padova.
L’intero progetto, tutto padovano, coordinato dal prof. Piergiorgio Simoni dell’Istituto Marchesi, è frutto di una inedita sinergia tra scuole: coro, orchestra e azioni sceniche sono affidate agli studenti del Liceo Musicale Marchesi, diretti dal maestro Alessandro Fagiuoli, che saranno affiancati dal Coro delle Scuole Marsilio da Padova e Don Milani. I costumi sono di Aurelia Capuzzo, mentre lo spettacolo è firmato da Sofia Lavinia Amisich, prestigiosa regista di opere liriche ormai nota a livello internazionale e, tiene a dirlo, ex-alunna dell’Istituto Marchesi (che si conferma capace di creare e mantenere solidi legami con alcuni tra i suoi migliori diplomati).
Da segnalare infine le prestigiose scene disegnate da Emanuele Luzzati, uno dei maggiori illustratori italiani del XX secolo, generosamente concesse dall’editore Nuages.

Share
Teatro Verdi Padova,     Via dei Livello, 32, 35139 Padova.
           clicca qui per visualizzare la mappa

Ingresso libero fino esaurimento posti. info.teatroverdi@teatrostabileveneto.it

Potrebbero interessarti anche

  • Il figlio di Arlecchino perduto e ritrovato

    Il figlio di Arlecchino perduto e ritrovato

    Stefano Rota e la Compagnia Giovani dello Stabile del Veneto diretti da Marco Zoppello portano in scena il gioco degli equivoci tipico della Commedia dell’Arte goldoniana.
  • Aperitivo a Teatro

    Aperitivo a Teatro

    Grandi autori per giovani attori: dal 24 giugno al 3 agosto APERITIVO A TEATRO anima l’estate del Verdi.
  • La leggenda del flauto Maxence Larrieu al Teatro Verdi di Padova per “NOVECENTO CAMERISTICO ITALIANO”

    La leggenda del flauto Maxence Larrieu al Teatro Verdi di Padova per “NOVECENTO CAMERISTICO ITALIANO”

    Si prepara il nuovo appuntamento padovano di “Novecento Cameristico Italiano”, la stagione concertistica che la Fondazione Musicale Omizzolo Peruzzi propone in collaborazione con l’Archivio Musicale Guido Alberto Fano di Venezia e il Teatro Verdi: obiettivo la promozione dell’opera del pianista e compositore padovano Silvio Omizzolo (1905-1991) e della cultura musicale veneta, mettendo accanto a tale produzione quella cameristica nazionale del ventesimo secolo e i capolavori del repertorio classico.
  • En tus Ojos/Piazzolla Tango

    En tus Ojos/Piazzolla Tango

    Alle 20 e 45 uno spettacolo di Naturalis Labor con la musica appassionata di Astor Piazzolla che mescola il tango alla danza d’autore di Luciano Padovani. Alle ore 17.00 la presentazione del libro La danza 2.0. Paesaggi coreografici del nuovo millennio di Alessandro Pontremoli.


Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

155 q 0,156 sec