48
La testimonianza di un operatore   
Pasqua solidale: a Piazzola sul Brenta, casa per casa con l’assessore al sociale

Pasqua solidale: a Piazzola sul Brenta, casa per casa con l’assessore al sociale


La testimonianza di un operatore di Campagna Amica di Coldiretti Padova che in questi giorni insieme a tanti altri sta distribuendo i pacchi solidali


“A volte non c’è neppure il campanello da suonare, la gente dimostra gratitudine ed è pronta ad offrire un caffè”. E’ la testimonianza di un operatore di Campagna Amica di Coldiretti Padova che in questi giorni insieme a tanti altri sta distribuendo i pacchi solidali. In furgone con seduto accanto l’assessore comunale di riferimento o il sindaco, come a Piazzola sul Brenta, stanno attraversando i paesi dell’Alta Padovana per arrivare nelle case e consegnare direttamente quanto messo a disposizione dall’iniziativa promossa da Coldiretti in tutta Italia a sostegno dei più bisognosi.

Decine di mezzi sono stati organizzati per le consegne lungo tutta la Penisola. Quasi un migliaio le confezioni riservate al Veneto pari a 35 mila chilogrammi di prodotti Made in Italy. Ogni famiglia è destinataria di un pacco di oltre 50 chili con prodotti 100% italiani– spiega Coldiretti Padova – pasta e riso, Grana Padano, biscotti, sughi, salsa di pomodoro, tonno sott’olio, dolci e colombe pasquali, stinchi, cotechini e prosciutti, carne, latte, panna da cucina, zucchero, olio extra vergine di oliva, legumi e formaggi fra caciotte e pecorino.

Un’operazione che – afferma Coldiretti – vuole essere un segnale di speranza per il Paese e per tutti coloro che in questi mesi hanno pagato più di altri le conseguenze economiche e sociali dell’emergenza Covid. Ma anche evidenziare le grandi eccellenze del BelPaese che hanno contribuito a rendere famoso nel mondo uno stile di vita alimentare, sicuro e di qualità.

“Essere impegnati in questa missione proprio durante la Settimana Santa – spiega Susanna Boccia Capo Zona di Coldiretti Padova per il comprensorio di Piazzola sul Brenta – è un’esperienza unica. Ogni giorno gli incontri arricchiscono umanamente il nostro lavoro. Rispettando la dignità delle persone e la loro privacy raccogliamo anche le testimonianze di vita degli invisibili. Da chi come single e senza lavoro si trova a crescere i bambini, dipendenti della ristorazione che hanno perso il lavoro e con una famiglia da mantenere devono pagare il mutuo della casa, c’è chi ha perso l’impiego per badare i figli costretti a seguire a distanza le lezioni. Il Covid sta lasciando un segno indelebile sulle fasce più deboli della società – sottolinea Susanna Boccia – è un atto di responsabilità sociale che Coldiretti sta compiendo. Ognuno può contribuire per come può, anche un sorriso vale in questo senso. La presenza dei primi cittadini è delle autorità locali è un valido supporto per raggiungere ogni realtà marginale”.

Share




Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

134 q 0,139 sec