4
  28/07/2016            21:15
Omu Cani

Omu Cani


Per "Piazzola in Scena", monologo teatrale di e con Davide Dolores, una produzione DP - Mazara del Vallo sulla figura del clochard Tommaso Lipari.


“Piazzola in scena” è una rassegna estiva di teatro all’aperto organizzata da Teatro Bresci con la collaborazione del Comune di Piazzola sul Brenta (Pd) e della ProLoco.
La direzione artistica è affidata ad Anna Tringali e Giacomo Rossetto.Quattro serate (7-15-21-28 luglio 2016) durante le quali quattro Compagnie andranno in scena alle 21.15 con quattro spettacoli nella meravigliosa Piazzetta della Filatura a Piazzola sul Brenta (ex Jutificio). La qualità e il divertimento saranno assicurati.
“Piazzola in scena”: è bello fabbricare cultura!

All’inizio del 1940 compare a Mazara del Vallo, in provincia di Trapani, un misterioso clochard che nessuno conosce. Vive randagio per la città, ed è per questo motivo che gli abitanti prendono a chiamarlo “omucani”, uomo cane. Questo personaggio, tuttavia, non è un mendicante qualunque perché ha modi e atteggiamenti di una dignità che lo distingue dagli altri che come lui hanno deciso di allontanarsi dalla società. Inoltre, a quanto pare, parla un italiano perfetto ed è molto abile in matematica. Pochi anni prima, nel 1938, il grande fisico nucleare catanese Ettore Majorana era scomparso misteriosamente sul traghetto che da Palermo lo stava riportando a Napoli. A Mazara del Vallo iniziano così a circolare voci sempre più insistenti sulla vera identità dell’omucani. Pur partendo da questa e da altre incredibili coincidenze, il monologo che metto in scena non vuole indagare una vicenda storica che è stata già chiarita ufficialmente dagli inquirenti. L’obiettivo è piuttosto quello di far conoscere la figura dell’omucani nella sua capacità di osservare il mondo da un punto di vista diverso, alternativo (esattamente come Ettore Majorana), vivendo da cane ma senza perdere mai la sua umanità. Anzi, forse vivendo da cane proprio per riscoprirla, l’umanità, ancor di più in tempi come questi in cui i “diversi”, gli “sconosciuti” provenienti dall’Africa e dal Medio Oriente vengono a bussare alle porte dell’Europa. Un monologo di narrazione che muovendo da una storia particolare, vissuta da una città, Mazara del Vallo, al centro del Mediterraneo, cerca di invitare ad una riflessione di respiro universale. – Davide Dolores

Non c’è probabilmente soggetto teatrale più interessante della figura di Tommaso Lipari che sembra interpretare in modo quanto mai compiuto la nota ambivalenza pirandelliana di persona/personaggio, ovvero l’ambiguità identitaria dell’essere uno, nessuno e centomila. Tanto più densa e significativa è la chiave di lettura del monologo se si considera che il protagonista incarna il ruolo per eccellenza dello straniero, immagine liminare dell’alterità che offre al “noi” uno specchio di ciò che non siamo e per questo stentiamo a riconoscere per no nella dimensione umana, e tuttavia nello stesso tempo è oggetto non solo di ripulsa ma anche di fascinazione, di suggestione, di compassione, e paradossalmente di sacro rispetto. Intorno al parallelismo con la personalità dello scienziato Majorana, Dolores ha costruito un gioco dialettico e drammaturgico che muove alla riflessione sul relativismo dei punti di vista, sul pluralismo in cui è possibile articolare i modi di vivere e di pensare. Dall’alto della scienza al basso della vita quotidiana la radicalità delle scelte e l’eterodossia degli accadimenti biografia ci legano il clochard e il fisico nucleare in un unico comune destino declinato nel mito.

Share
Piazzetta della Filatura,     Piazzola sul Brenta
           clicca qui per visualizzare la mappa

Il biglietto unico è di 8 € e in caso di maltempo gli eventi si terranno nella vicinissima Sala Consiliare.



Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

147 q 0,142 sec