21/04/2017              21:00
Come si rapina una banca

Come si rapina una banca


Per "Limenamente primavera" spettacolo “Come si rapina una banca” di Samy Fayad, nell’interpretazione della compagnia veronese Teatro Prova.


Un appuntamento con una comicità tanto irresistibile quanto intelligente che mantiene alto il nome di “Limenamente Primavera”, la popolare rassegna frutto della sinergia fra il Comune, l’Assessorato alla Cultura e la direzione artistica di Simone Toffanin e la sua CAST: la garanzia di un teatro di qualità nella provincia padovana che di anno in anno ha radunato un pubblico sempre più numeroso proveniente non soltanto dalle zone limitrofe.

Il titolo proposto è uno dei capolavori di Samy Fayad (1925-1999), autore teatrale e radiofonico, nonché giornalista, nato a Parigi da genitori libanesi e trasferitosi infine con la famiglia a Napoli, la quale diventerà sua patria adottiva e la migliore ispirazione per le proprie commedie. Fayad infatti, con ironia e affetto, riesce a cogliere appieno lo spirito partenopeo e a trasferirlo in modo geniale in trame ricche di fantasia che però forniscono sempre uno spaccato di vita. “Come si rapina una banca” racconta le disavventure dei Capece che non hanno lavoro, non hanno una casa e nemmeno l’indispensabile per vivere: come molte altre famiglie napoletane devono “arrangiarsi” per mettere insieme qualcosa per il pranzo e la cena. La frase che racchiude il senso profondamente umano e reale della commedia è la seguente: “alla povera gente è stato messo in mano un metro truccato, misura novante centimetri invece di cento”. È su tali presupposti dunque che nasce l’idea di rapinare una banca, per porre fine una volta per tutte alla precarietà delle proprie condizioni: ma nulla andrà come programmato. Nonostante i pasticci combinati dalla famiglia Capece, con la complicità di una vedova un po’ svampita, il caso vuole che ci sia il lieto fine. La compagnia Teatro Prova, nasce nella frazione omonima di San Bonifacio (VR) nel 1989, radundando persone provenienti da diverse esperienze teatrali. Oggi è una realtà consolidata nel territorio veneto che mette l’anima nelle proprie produzioni e interpreta i testi con grande mestiere, attualizzandoli ma sempre nel rispetto dell’autore e del messaggio originale.

Sala Teatro Falcone e Borsellino,     via Roma 44, Limena
Il botteghino del teatro è aperto dalle 20. Ingresso 5 € (gratis fino ai 14 anni, se accompagnati da un adulto). Info e prenotazioni 049 8844314

cultura@comune.limenapd.it


Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

105 q 0,957 sec