13/01/2018              20:45
Coccodrillo

Coccodrillo


Per la rassegna Teatrinrete, spettacolo di e con M. Mastroeni una produzione Ermes Teatro.


Antonino Marchetti, per tutti Nino, è un giovane impiegato commerciale. Ha una bella casa, una bella moglie e un impiego a tempo indeterminato. La sua vita trascorre felice finché, nell’ordine, sua moglie perde il lavoro, una tromba d’aria gli scoperchia la casa, il tetto della casa scoperchiata gli sfonda la macchina e prima di svenire sua moglie gli dice di essere incinta. In conseguenza di tutto questo Nino, avendo un disperato bisogno di danaro, decide di chiedere un aumento al suo capo, con il quale però ha un rapporto a dir poco conflittuale. Quando Nino gli avanza la richiesta dell’aumento, il capo lo licenzia, morendo per un infarto subito dopo. L’unico modo che Nino ha per uscire fuori dai guai è fare un discorso alla commemorazione funebre del suo ex capo! Davanti a parenti, amici di cui nemmeno conosce il nome ma davanti all’unica persona che potrà dargli la possibilità di trovare i soldi che cerca. Ma trovare parole di lode e di encomio per una persona che odiava per Nino sarà molto difficile. Riuscirà la posta in gioco di un buon posto di lavoro a fargli dimenticare l’orgoglio e trasformarsi in un astuto cacciatore di opportunità?

ERMES TEATRO nasce dall’incontro tra Massimiliano Mastroeni e Rosa Sarti, con l’intento di promuovere il linguaggio teatrale dentro e fuori al territorio fiorentino. Nel 2014 debuttano con Sette colpi di pistola e Quella musica, ricordo… prodotto quest’ultimo in collaborazione con Badia Musica e Ater Teater. Nel 2015 debutta Coinquiline, in collaborazione con Rumorbianc(O) di Arezzo. Coccodrillo è l’ultimo testo prodotto dalla Compagnia. La compagnia segue progetti paralleli sul territorio e affianca all’attività scenica quella di insegnamento, per far conoscere il teatro a quante più persone possibili.

MASSIMILIANO MASTROENI

Mastroeni 3

Nasce a Rivoli (To) nel 1984. Nel 2009 si diploma con “Borsa di Studio Giuseppe Chiodi” presso l’Accademia dei Filodrammatici di Milano. Nel 2009 debutta con Love and Money di Dennis Kelly per la regia di Bruno Fornasari. Nel 2010 con il Teatro Stabile del Veneto è in Immanuel Kant con la regia di Alessandro Gassmann, spettacolo che vince nello stesso anno il “Premio Ubu” come miglior novità straniera. Nel 2011 partecipa al Carnevale di Venezia con La commedia degli inganni, con la regia di Michele Casarin. È tra i fondatori della compagnia Oyes, il cui primo spettacolo, Effetto Lucifero, vince il Premio Giovani Realtà del teatro 2010 e il cui testo arriva finalista al Premio Riccione 2011. Collabora con Teatro Bresci di Padova ne Il Berretto a Sonagli, per la regia di Giorgio Sangati e in Buco, sempre con la regia di Sangati, al Teatro Stabile del Veneto e con Epos Teatro a Bari in Io parlo napoletano, scustate e in Nina per la regia di Maurizio Pellegrini.

TOMMASO CARLI

Nasce sulle sponde dell’ Arno nella Firenze del 1984. Inizia il gioco del teatro in età adolescenziale e non lo abbandona più. Studia come attore presso l’Accademia triennale del teatro Metastasio di Prato, con Paolo Magelli, Marcello Bartoli, Giancarlo Cobelli, Laura Forti e molti altri. Dall’età di 23 anni affianca l’attività attoriale con quella registica e drammaturgica, collaborando con varie compagnie sul territorio toscano e romano anche in campo cinematografico.

Sala Oriana Fallaci,     San Giorgio in Bosco
Ingresso unico 6 €. La biglietteria aprirà il giorno dello spettacolo alle ore 19.45.



Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

106 q 0,340 sec