13
Il 25, 26 e 27 ottobre   
Giardinity Autunno 2019

Giardinity Autunno 2019


Non solo semplici esposizioni di piante, fiori e oggetti decorativi legati al mondo del verde, ma vere e proprie ambientazioni e atmosfere che diventano espressioni artistiche e culturali, vive, ed emozionali per la nuova edizione di Giardinity


Questa edizione avrà come tema il legame tra Arte e Natura e tra Arte e Artigianato nel tempo del Natale, e, proprio in virtù di questo interessante e fecondo dialogo, ogni Espositore potrà proporre quanto ha di più bello e desiderabile per regali e ornamenti per gli allestimenti natalizi.

Non solo semplici esposizioni di piante, fiori e oggetti decorativi legati al mondo del verde, ma vere e proprie ambientazioni e atmosfere che diventano espressioni artistiche e culturali, vive, ed emozionali.

“Il Giardino d’Inverno”
Una serra di alberi, fiori e arredi da giardino creata da Egidio Veronese, il fondatore di Arabesque, mitico riferimento padovano per le creazioni di eventi in Italia e all’Estero.
La serra dunque sarà spazio per la mostra delle sue collezioni, legate al tema del giardino e del Natale, raccolte durante i suoi numerosi viaggi in tante parti del mondo.
Rare proposte di arredo e di doni natalizi, una fantasia di colori, di fiori, di idee regalo, di tessuti, da ammirare e volendo, da acquistare.

GLI ESPOSITORI
I VIVAISTI

Le barchesse e il giardino della Villa si animeranno con stand dove i vivaisti esporranno le loro collezioni di piante da mettere a dimora a partire proprio in questo scorcio di stagione.
Nel corso della Mostra è possibile seguire dimostrazioni pratiche, ricevere consigli sapienti e naturalmente fare acquisti. Soprattutto, Giardinity intende ricoprire, in un’atmosfera di bellezza, piacere e di gioco, il ruolo didattico delle mostre mercato di giardinaggio.

“L’ARTE DELLE MANI E DELLA FANTASIA”
Le sale affrescate della Villa accoglieranno artigiani d’eccellenza: del tessuto, del legno, del ferro e del colore. Oggetti per l’arredamento, collezioni di antichi arredi, abbigliamento, e prodotti del gusto e della bellezza. Una fantasia di creazioni di alto artigianato antico e moderno.

LE MOSTRE:
“TERRAMADRETERRA”

di Giovanni Cimatti, artista di livello internazionale con le sue opere in Musei e Pubblicazioni.
Collezione di Forme uniche in argilla semigreificata costruite a collage e finite con policromie di ingobbi.

“LUCI E OMBRE DEL LEGNO”
Dalla Galleria d’Arte ATREBATES di Bologna. Opere lignee che traggono ispirazione dalla magia degli alberi. Una raccolta di sculture di artisti italiani e stranieri vincitori del Simposio del Tesino, Trento.

“INSTALLAZIONI CREATIVE”
Opere in ceramica, creta e ferro che manifestano la creatività della natura, e si fondono con la scena del giardino delle artiste Maria Cristina Oggioni, Adele Iandolo e Fiorenza Fiorani.

VISITE GUIDATE
Giovani allievi dell’Accademia di Venezia saranno le guide e racconteranno la “Storia di un giardino eclettico, di una Villa Veneta e di Evelina van Millingen Pisani, mitico “Genius Loci” di Villa Pisani..
Ogni giorno: alle 10,30 e alle 11.30 – alle 15,00 e alle 16,30,00 – Durata un’ora.

VISITE GUIDATE BOTANICHE
“Gli alberi si raccontano” – “Gli alberi parlano se li ascoltiamo” Mirco Tugnoli, insigne naturalista li racconta splendidamente. Il giardino di Evelina è colmo di significati e di suggestioni.
Ogni giorno alle 10,30 – alle 12 – alle 14,30 e alle 16,00.

GIARDINITY PER I PIÙ PICCOLI
I destinatari privilegiati dei laboratori previsti a Giardinity 2018 saranno i bambini. Passeggiando nel parco Il Mago dei Giardini intratterrà i piccoli svelando loro i segreti delle piante attraverso simpatici e divertenti giuochi. Alla fine il Mago rilascerà a tutti i bambini il Diplomalbero, attestato di Amico degli alberi.
Inoltre potranno disegnare o creare fiori di carta, mosaici, collane e altri oggetti in compagnia di una maestra moltocreativa. Le attività di Giardinitybimbo sono comprese nel biglietto d’ingresso alla manifestazione.

NOTE SU VILLA PISANI BOLOGNESI SCALABRIN
Nel luogo di una rocca estense medioevale, sorge la villa palladiana commissionata dal cardinale Francesco Pisani, patrizio veneziano e vescovo di Padova. Il palazzo rinascimentale, con affreschi del Veronese, dello Zelotti, del Varotari e del fiammingo Toeput, nasce come sede amministrativa delle proprietà fondiarie acquisite nel 1478 nella Bassa Padovana. Evelina van Millingen, l’ultima contessa Pisani, nata nel 1830 a Costantinopoli e cresciuta a Londra da una famiglia inglese e fiamminga, in pieno Ottocento crea il giardino e il parco nello stile gardenesque del tempo, con influssi islamici, riferimenti olandesi e un’ironia tutta sua. Evelina, rimasta vedova nel 1880 dell’ultimo Pisani, prese in mano le redini della proprietà fondiaria di 1200 ettari e, con lungimiranza, acume e la sapienza della sua cultura cosmopolita, apportò innovazioni agricole e realizzò attorno alla villa un parco paesaggistico e un giardino formale fiorito per la gioia propria e degli ospiti internazionali. Così come li volle Evelina, ammiriamo oggi villa e giardino, restaurati e curati dall’attuale proprietaria, Mariella Bolognesi Scalabrin. Oggi quel giardino e quel parco, affidati da alcuni decenni alla nuova proprietaria, sono aperti alla visita e ai giorni di festa di chi ama piante e giardini.

Share
Villa Pisani Bolognesi Scalabrin,     Vescovana, Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa

Dalle 9:00 alle 19:00 (orario continuato)

www.giardinity.it


Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

133 q 0,769 sec