49
  04/09/2020            21:15
Omaggio a Ludwig van Beethoven

Omaggio a Ludwig van Beethoven


I Musicisti Veneti


A Padova, venerdì 4 settembre alle ore 21.15, “I Solisti Veneti” propongono al pubblico una serata musicale che vede protagonista la formazione de “I Musici Veneti” composta dalle prime parti dell’orchestra e dedicata a Ludwig van Beethoven. Un programma che vanta come protagoniste alcune tra le più suggestive pagine della letteratura musicale e che rivelano volti inediti e inattesi del compositore del quale quest’anno ricorre il 250º anniversario dalla nascita.

E se il compositore è noto al pubblico per la granitica imponenza delle sue grandi opere orchestrali, in questa occasione verranno invece eseguite tre rarità del catalogo beethoveniano che rivelano, grazie a inattesi colori e raffinatezze, il territorio privilegiato della sua più ardita – e talora profetica – sperimentazione armonica e formale.

È proprio il caso dei tre Duetti per clarinetto e fagotto, scritti nel 1792 da un Beethoven ventiduenne e pubblicati a Parigi tra il 1810 e il 1815 i quali si iscrivono in un preciso momento dell’evoluzione estetica di Beethoven. La loro forma testimonia la presa di coscienza, e padronanza, di quei modelli musicali classici nei quali il compositore avrebbe in futuro racchiuso tutta la propria potenza creativa e innovativa, senza tuttavia mai scardinarli. Ad aprire il concerto del 14 luglio sarà il primo di questi tre duetti: il n. 1 in do maggiore.

Nel brano successivo, databile al 1796-97, Beethoven ci sorprende con un inedito senso dell’humour. La ritrattistica dell’epoca ce lo dipinge perennemente imbronciato, con viso severo e occhi penetranti, che quasi intimidiscono da sotto una capigliatura scarmigliata; mentre le caricature del tempo lo ritraggono passeggiare per Vienna avvolto in una severa redingote nera, con le mani dietro la schiena, chino in riflessioni filosofiche ed esistenziali. Eppure, questo brano è pregno di autoironia. Il duetto per viola e violoncello “per due paia di occhiali obbligati” lo scrisse per sé – Beethoven che presto sarebbe diventato sordo soffriva infatti anche di problemi di vista – e per l’amico Nikolaus Zmeskal, l’amico violoncellista che dal compositore viene dileggiato quale dilettante. Grazie a questo brano scopriamo che Beethoven non suonava solo il pianoforte, ma era anche eccellente violista.

Conclude il programma trevigiano il Settimino in mi bemolle maggiore op. 20, scritto nel 1799, pubblicato nel 1802 e destinato a sette esecutori: violino, viola, violoncello, contrabbasso, clarinetto, corno e fagotto. Pressoché contemporaneo alla Prima Sinfonia, questo Settimino fu una delle più fortunate opere di Beethoven: fu ampiamente elogiato dalla critica ed ebbe grande successo.

I temi e il loro sviluppo sono bellissimi, la scrittura, ancora squisitamente classica, come nei duetti precedenti, è godibilissima e piena di fantasia, i sei movimenti scorrono con una serenità non sempre scontata in Beethoven, e a buon diritto la storiografia trova in questo Settimino il suggello della prima epoca di Beethoven, quella classica, che convenzionalmente racchiude i suoi primi trent’anni di vita.

“I MUSICI VENETI”

Lucio DEGANI, violini

Giancarlo DI VACRI, viola

Giuseppe BARUTTI, violoncello

Gabriele Ragghianti, contrabbasso

Lorenzo Guzzoni, clarinetto

Giulia Ginestrini, fagotto

Stefano Pignatelli, corno

Info complete sul programma https://www.solistiveneti.it/, info@solistiveneti.it

BIGLIETTO PREZZO UNICO 5€

Dato l’ingresso contingentato si consiglia l’acquisto in prevendita presso:

CONFETTERIA CAPPELLARI (Piazza Barbato 7), TABACCHERIA SALVATO (Via San Marco 15), PIROSS FASHION (Via San Marco 294)

Il concerto è organizzato in collaborazione con la Regione del Veneto.

Il Veneto Festival è patrocinato dal Ministero dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo Mibac dalla Regione del Veneto, dalla Provincia di Padova e realizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova. Il concerto è patrocinato dal Comune di Treviso.

Share
Piazza Barbato,     Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa


https://www.solistiveneti.it/, info@solistiveneti.it



Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

148 q 0,145 sec