1
  06/04/2019            21:00

Anton Bruckner 7° sinfonia


IL RICAVATO SARÀ DESTINATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DELLA CHIESA DEGLI EREMITANI


Anton Bruckner 7° sinfonia
direttore Giuliano Medeossi

sabato 6 aprile ore 21 (puntuali)
chiesa degli Eremitani

intervengono in conferenza stampa:
Andrea Colasio, assessore alla Cultura del Comune di Padova
Leopoldo Armellini, direttore del conservatorio Cesare Pollini
Angelo Lazzarin, presidente del Lions Club Padova Tito Livio
Sergio Davì, socio Lions Club Padova Tito Livio
Padova, 3 aprile 2019 – Un concerto della città, per la città: l’edizione 2019 di Armonie di Primavera si
apre con un’iniziativa che parte dal cuore dei padovani, a favore di una delle opere che rendono grande
la Città nel mondo: la chiesa degli Eremitani.
Su proposta del Lions Club Tito Livio e con immediata approvazione da parte del Comune di Padova e
del Conservatorio Cesare Pollini, la prima serata della tradizionale rassegna Armonie di Primavera sarà
dedicata a una raccolta di fondi per sostenere la ristrutturazione della chiesa degli Eremitani.
Sarà una “prima” per molti aspetti.
Oltre a essere la prima serata di Armonie di Primavera e la prima volta che si realizza la collaborazione
fra Comune, Conservatorio, Lions Tito Livio (i quali, per la prima volta, si propongono con
un’iniziativa di crowdfunding), sarà la “prima” a Padova della Settima di Bruckner, un’opera geniale
nata sotto il segno di Wagner e scritta fra il 1881 e il 1883.
Saranno una novantina i musicisti che suoneranno questa imponente opera, sotto la direzione del
maestro Giuliano Medeossi e sarà straordinaria la presenza delle tube wagneriane, strumenti musicali
preziosi e molto costosi, che il conservatorio Pollini ha potuto ricevere in prestito dall’Accademia
Nazionale di Santa Cecilia di Roma, grazie al suo primo corno e docente del Pollini, maestro Guglielmo
Pellarin.
Sarà un’opera imponente, volutamente scelta per la sua ampiezza, per richiamare il maggior numero
possibile di persone, per le quali l’ingresso al concerto sarà gratuito, con la possibilità di contribuire al
restauro della chiesa degli Eremitani con un’offerta responsabile.

L’assessore alla cultura Andrea Colasio sottolinea: “Sono particolarmente contento per questa
iniziativa che oltre ad essere un appuntamento musicale di grande livello, grazie all’Orchestra
Sinfonica del Conservatorio di Padova e alla scelta di un’opera mai eseguita prima in città, è anche
e forse soprattutto un bell’esempio di sinergia fra realtà diverse con l’obiettivo comune di realizzare
qualcosa di concreto per la città.
Contribuire ai restauri della Chiesa degli Eremitani non è solo un segno di civismo, nel più bel
significato di questa parola, ma è anche un contributo allo sforzo che tutta la città sta facendo
perché l’UNESCO inserisca i nostri cicli pittorici del ‘300, la nostra Urbs picta, nella lista del
patrimonio mondiale dell’umanità. La Chiesa degli Eremitani con i suoi affreschi del Guariento e
Giusto di Menabuoi è la seconda tappa delle otto che costituiscono il percorso Padova Urbs picta.
Grazie quindi al Lions Clib Padova Tito Livio, al direttore del Conservatorio Leopoldo Armellini e
naturalmente ai musicisti per questa grande opportunità che danno a tutti i padovani”.

“Il protagonista è l’Orchestra Sinfonica del Conservatorio di Padova, diretta dal Maestro Giuliano
Medeossi, che in questi ultimi anni ha manifestato una capacità insolita per essere un ensemble di
studenti.
Esiste infatti un repertorio sinfonico particolarmente complesso sia dal punto di vista tecnico che

della maturità musicale. Si tratta delle grandi composizioni sinfoniche della tradizione austro-
tedesca del post romanticismo che richiedono orchestre di dimensioni molto rilevanti, ovvero dai 90

esecutori in su. Dalle piccole e preziose sinfonie mozartiane della durata massima di 20 minuti, si
passa a lavori di enorme ampiezza e durata, dai 60 minuti in su. La 7° di Bruckner appartiene a
questa categoria, si tratta di composizione alta e magniloquente della durata superiore ai 70 minuti.
Non è mai stata eseguita a Padova in precedenza perché necessita di un orchestra lirico sinfonica
come quelle presenti nei grandi teatri, La Scala, Fenice, Regio di Torino. Non è neppure eseguibile
nelle sale da concerto, e infatti verrà suonata nella Basilica degli Eremitani.
L’occasione di abbinare il concerto alla raccolta fondi per contribuire al restauro della Basilica degli
Eremitani è stata troppo ghiotta per non prenderla al volo. L’iniziativa di Padova aiuta Padova nasce
da un colloquio mio con i responsabili di Banca Consulia, sita proprio in piazza Eremitani, e del
Lions Club Tito Livio. Il concerto, patrocinato dal Comune di Padova, vedrà un pubblico delle
grandi occasioni. Molte, tra le autorità civili, militari e religiose saranno presenti. Questo a suggello
di un principio importante che è la “responsabilità sociale dell’artista”; i tempi che viviamo sono
complessi per cui l’evento artistico culturale fine a se stesso ha sempre meno significato. Esso deve
essere orientato a quelle iniziative filantropiche e sociali che possono fare la differenza. In questo
senso l’evento assume una valenza speciale in quanto i protagonisti sono dei giovani, i giovani
studenti del Conservatorio (l’età media dell’orchestra è di 21 anni) che hanno deliberatamente
compiuto alla base del loro percorso artistico, una scelta deliberata e in contro tendenza. Si tratta di
una scelta che prevede, nell’era del disimpegno e dell’indifferenza, di rinunciare al proprio tempo
libero per investire massivamente sul personale progresso artistico e culturale. La migliore gioventù
impegnata attivamente nella conservazione di una parte del nostro patrimonio archittettonico e
identitario. Una grande prova di competenza artistica, umana ed etica”.
M° Leopoldo Armellini, direttore del Conservatorio Cesare Pollini

PADOVA AIUTA PADOVA è un progetto che nasce dal Lions Club Padova Tito Livio e che
rappresenta “un motore” per la promozione e la garanzia di iniziative culturali e sociali per la città.
Si sviluppa attraverso la collaborazione solidale fra eccellenze patavine e cittadini che hanno a
cuore la propria città, con lo scopo di ridare fiato e crescita a progetti di interesse collettivo, senza
attendere aiuti pubblici spesso inesistenti.
La sera del concerto, alcune grandi realtà patavine come la Banca Consulia, che ha sede proprio in
Piazza Eremitani (sponsor della serata) e il Conservatorio Pollini, si sono uniti al Lions Club
Padova Tito Livio per dare vita ad una serata di altissimo livello artistico e culturale.
Nasce così la prima edizione di “Padova aiuta Padova per il restauro della chiesa degli Eremitani”.
Una dimostrazione reale e concreta di quanto questo ambizioso progetto sia un catalizzatore di
risorse e sinergie tra realtà padovane in favore di altre in difficoltà e, di quanto sia essenziale
contare sulla sensibilità e il senso di appartenenza dei padovani alla loro città.

Sinfonia n. 7
Musica: Anton Bruckner (1824-1896)
Allegro moderato
Adagio. Sehr feierlich und sehr langsam
Scherzo. Sehr schnell
Finale. Bewegt, doch nicht schnell
Composizione: 1881-1883
Prima esecuzione: Lipsia, Neues Gewandhaus Großer Saal, 30 dicembre 1884

Share
Chiesa Eremitani,     Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa

Ingresso libero con offerta responsabile



Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

172 q 0,329 sec