19/01/2018          Dal 20 gennaio al 1° maggio 2018   
Olimpia Biasi: Viriditas

Olimpia Biasi: Viriditas


L'Orto Botanico presenterà fino a maggio una mostra che tra installazioni e opere di Olimpia Biasi andrà ad inserirsi perfettamente nel contesto evocativo di questo spazio che contiene la natura in tutte le sue sfaccettature.


Promossa dall’Università di Padova, in mostra all’Orto botanico, la natura vibrante e vitale dei più recenti lavori di Olimpia Biasi.
Dal visionario universo di Ildegarda di Bingen alla rappresentazione vitale del sapere naturalistico; dall’espressività informale alle opere che, recuperando il valore del fare femminile, esprimono il mistero della natura e dell’infinito.

Viridità, ovvero la forza della natura; quel brivido vitale presente in tutte le creature, che rende sottili le differenze tra animale e vegetale, perfino tra animato e inanimato.

Viriditas è il titolo scelto da Olimpia Biasi (Treviso, 1947) per raccontare, in un’intensa mostra all’Orto botanico di Padova, la sua ultima fase creativa, quell’universo in cui oggi confluiscono visioni cosmiche, linfa e umori di sapore medievale e le nuove frontiere del sapere naturalistico; una natura magmatica e pulsante, arti femminili e poteri ancestrali e un mondo animale di antica potenza.

E non poteva esserci luogo più evocativo per realizzare una personale dell’artista trevigiana alla quale la critica in passato ha riservato tanta attenzione e belle pagine.

Curata da Virginia Baradel, la mostra si pone in dialogo con il luogo sia attraverso le opere collocate negli spazi espositivi interni – le garze, gli erbari, i disegni, i teleri – sia con tre mirabili installazioni inserite all’aperto, tra gli alberi, le piante e l’acqua.

Share
Orto Botanico,     via Orto Botanico 15, Padova
Per informazioni e prenotazioni inviare e-mail o contattare il sito web oppure contattare al tel. 049 8273939. L'inaugurazione sarà il 19 gennaio.

info@ortobotanicopd.it
www.ortobotanicopd.it


Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

112 q 0,496 sec