5
  08/08/2017            18:00
Un “traghetto” per la sicurezza dei Carraresi dalla Reggia al Castello

Un “traghetto” per la sicurezza dei Carraresi dalla Reggia al Castello


Per "Notturni d'arte" percorso lungo il "traghetto”, la via di collegamento fra le due grandi residenze carraresi, un percorso di sicurezza.


Reggia Carrarese-Via Accademia 7
Casa della Rampa-Via Arcovallaresso 32
Un “traghetto” per la sicurezza dei Carraresi dalla Reggia al Castello
Il 28 maggio 1376 un fastoso corteo nuziale raggiunge il Castello di Padova per la «via della corte verso il castello», come ci riferisce il cronista Galeazzo Gatari, o «via del traghetto», secondo la versione del figlio Andrea.
Gli sposi sono Francesco Novello da Carrara, figlio di Francesco I il Vecchio, signore di Padova, e Taddea d’Este; il Castello è quello, ancora in fase di completamento, voluto da Francesco il Vecchio come sua nuova, più sicura e ancor più sontuosa, seconda “Reggia”. La “corte” è quel complesso di palazzi residenziali, sedi istituzionali ed edifici di servizio, che occupava il vasto isolato a nord del duomo, intorno a una corte maggiore, che è oggi piazza Capitaniato.
Il “traghetto”, infine, era la via di collegamento fra le due grandi residenze carraresi, un percorso di sicurezza, un viadotto di ventotto archi, che permetteva di raggiungere dai palazzi carraresi le mura comunali e, proseguendo sul percorso di ronda, arrivare al Castello.
Quasi completamente demolito a fine Settecento, costituiva una delle particolarità di quella che viene impropriamente definita “Reggia carrarese”. Ne rimangono poche vestigia, concentrate in massima parte all’interno di quella che, proprio per la presenza della rampa di accesso al viadotto, è oggi nota come “Casa della Rampa”.
Francesco Novello e la sua Taddea, assieme a qualche centinaio di persone del corteo nuziale, si immagina, sono stati i primi utilizzatori storicamente documentati del “traghetto”, che proprio nell’occasione viene citato per la prima volta nelle cronache.

Share
Reggia Carrarese,     via Accademia 7, Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa

Acquisto del biglietto “Notturni d’Arte”, fino a esaurimento della disponibilità, presso il Settore Cultura, Turismo, Musei e Biblioteche in via Porciglia 35: orario dal lunedì al giovedì 8.30-12.30/15.00-18.30; venerdì 8.30-13.30/14.30-16.00; sabato 8.30-13.00 (chiuso domenica e martedì 15 agosto), con possibilità di acquisto la sera stessa della visita nel caso in cui i biglietti fossero ancora disponibili. I biglietti saranno messi in vendita a partire dal pomeriggio di martedì 25 luglio. Costo biglietti “Notturni d’Arte” biglietto unico € 3,00 a persona per l’accesso ad una singola serata (per la singola serata, solo se ancora disponibile, si potrà acquistare anche durante la sera stessa), tranne per le serate in cui è previsto un costo diverso. Abbonamenti: biglietto € 6,00 a persona per l’accesso a 3 serate Biglietto € 10 a persona per l’accesso a 4 serate più la guida stampata. Ingresso gratuito per bambini fino ai 12 anni. Costo della guida stampata: € 4. Il biglietto dovrà essere esibito all’inizio della serata per comprovare l’avvenuto pagamento. Non è previsto alcun rimborso in caso di mancata partecipazione o di mancato svolgimento della serata per motivi indipendenti all’organizzazione. Si richiede la puntualità. Perde il diritto all'entrata chi, già in possesso del biglietto, non rispetterà l'orario di inizio del programma indicato nel biglietto.

notturnidarte@comune.padova.it


Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

143 q 0,160 sec