5
  14/03/2013            18:00
Multiculturalismo e pluralismo religioso in Europa

Multiculturalismo e pluralismo religioso in Europa


Conferenza pubblica organizzata dall'Uaar (Unione atei e agnostici razionalisti) della prof.ssa Chantal Saint-Blancat del Dipartimento di Sociologia dell'Università di Padova sul tema 'Multiculturalismo e pluralismo religioso in Europa: rinegoziare le frontiere tra religione e secolarizzazione'.


Ai giorni nostri l’idea di una società rigorosamente monoculturale può essere coltivata solo da autocrati. L’accettazione del pluralismo delle idee è un elemento insostituibile, proprio perché fondante di ogni nazione che si pretenda democratica; ne discende che le società non possano non essere multiculturali. Per multiculturalismo, tuttavia, s’intende anche qualcos’altro: una corrente di pensiero, sempre più influente, che teorizza sistemi politici che pongono al centro, anziché gli individui, le comunità. Di qui il nome con cui sono conosciuti i suoi sostenitori: comunitaristi. La “traduzione” politica del dibattito vede una parte che ha sempre fatto del sostegno alla confessione religiosa predominante un punto centrale dei propri programmi, improntati a un approccio monoculturale e, anche se non punta più ad imporre «una sola fede» a «un solo popolo in una sola patria», resta il fatto che l’idea che gli esseri umani siano destinati a restare confinati nelle culture, o meglio nelle religioni in cui sono per puro caso cresciuti, continua a essere sostenuta con decisione. In altro versante ci si è di fatto convertiti a un modello che finisce per trasferire il principio di uguaglianza dagli individui alle comunità. Il concetto di laicità, invece, è sempre stato inteso come possibilità di rapporti paritetici sotto l’egida dell’universalità del diritto.  In molti paesi europei si è creata una tensione e una frattura tra partiti ed elettorato più sensibile, preoccupato che qualsiasi comportamento socio-
culturale, anche il più ripugnante, possa essere legittimato. Una volta avviato il meccanismo multiculturale, non c’è modo di frenare le rivendicazioni.
A far le spese dello schema binario sono soprattutto i cittadini che non fanno e non intendono far parte di alcun gruppo: privi di una rappresentanza in grado di proteggerli davanti al potere e di esprimere le loro istanze, si ritroveranno presto con ancora minori diritti. E’ giocoforza raccogliere una sfida che è al tempo stesso giuridica e culturale.  In nome di quella pluralità di identità e di interessi, intellettuali e non, di cui ogni individuo che ha liberamente scelto di coltivarli è e sarà sempre unico possessore.

Share
Aula B1 della Facoltà di Scienze Politiche,     via del Santo 22, Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa

Ingresso libero. Info 3493911201.

padova@uaar.it
www.uaar.it/padova

Potrebbero interessarti anche



149 q 0,138 sec