06/03/2013              21:00
Erranti

Erranti


Nell'ambito della rassegna 'Universi Diversi', concerto di Luca Piovesan (fisarmonica), Francesco Socal (clarinetti), Giudo Rigatti (voce, chitarra, violoncello), con la partecipazione di Luisa Ereno (voce) e di Aram Ipekdjian (duduk).


Sbagliare? Vagare senza meta apparente? Tutti e due? Divagazioni su di un millenario semantico bisticcio
Cosa accomuna un rabbino del 70 dopo Cristo a un naufrago blasfemo e impenitente, un libertino della Siviglia del 1500 a un istrione attempato e vulcanico signore ungherese, una giovane gitana dal seno prosperoso a un vecchio arrotino slavo e suo nipote, un giovane violinista klezmer della Transilvania alla storia della sparizione, durante la seconda guerra mondiale, di una macchina da cucire Singer? E ancora, cosa c’entra un automobilista verosimilmente statunitense, che sembra percorrere una interminabile strada senza capo né coda, cercando disperatamente di sintonizzarsi su una stazione radio, eseguendo uno zapping furioso e senza soluzione? L’argomento è quanto mai attuale, la visione immaginifica è allo stesso tempo terrestre e reale. Il dilemma è praticamente irrisolto, forse irrisolvibile:
Errante è colui che sbaglia, o chi vaga senza meta?
Questi i protagonisti legati da un comune denominatore che in qualche modo li colloca, nelle esplorazioni musicali e verbali del trio, sotto un’unica definizione: sono tutti erranti ma non è così semplice come sembra. Il trio si avventurerà tra i vicoli di un angiporto immaginario, tra melodie andaluse, mediterranee, ungheresi, slave, ucraine, transilvane, di citazioni poetiche e letterarie, divagazioni witz, arrivando alla fine del concerto, dopo avere esposto i quadri della propria modesta galleria, con la prudente convinzione di non aver risolto il millenario bisticcio semantico ispiratore del titolo dello spettacolo, ma di essere vicino alla soluzione. Straniamento e non omologazione possono essere forieri di inconsuete e irripetibili contaminazioni, germogli di incontri passeggeri, radicare più solidamente delle querce nella memoria delle persone; come la polvere sulla bombetta di uno dei protagonisti, Eduard Sam, scendere come polline di fiori; o come accade al naufrago impenitente, lasciarci con “il dubbio graffiante del respiro, e lo sgomento vivo“.

FacebookGoogle+Google GmailEvernoteTwitterWhatsAppDeliciousOutlook.comPinterestPrintFriendlyCondividi/stampa
Centro Culturale S. Gaetano,     via Altinate 71, Padova
Biglietto intero 10 euro, ridotto 8 euro. Info 3477545632.

posta@guidorigatti.com

Potrebbero interessarti anche

  • Fado solo per due

    Fado solo per due

    Concerto a cura dell'Associazione Portello con Luisa Ereno e Guido Rigatti che ripropongono il Fado, musica affascinante e malinconica del Portogallo.
  • Elena Lucrezia Cornaro Piscopia

    Elena Lucrezia Cornaro Piscopia

    Spettacolo sulla prima donna laureata nel mondo con Maurizia Perandin, Lucia Schierano e Rudj Maria Todaro, con Michela Furin violino e Guido Rigatti violoncello.
  • Senza mandolino

    Senza mandolino

    Spettacolo di musica etnica mediterranea con Roberto Caruso (voce), Guido Rigatti (chitarra, violoncello, bouzouki) e Cristina Minoja (danza) organizzato da Abracalam.
  • Cagnaccio di San Pietro

    Cagnaccio di San Pietro

    Per la rassegna 'Universi Diversi', presentazione del libro di Dario Biagi, introduce e coordina Virginia Baradel, storico e critico d'arte.


105 q 0,926 sec