49
  15/05/2019   18/05/2019   19/05/2019  20/05/2019   
L’orto delle meraviglie

L’orto delle meraviglie


DAGLI ABITI-SCULTURA DI ROBERTO CAPPUCCI AL DNA DELLE PIANTE


Racconti, segreti, favole, abiti e fotografie sulla bellezza della natura

In occasione del Fascination of Plants Day, nei giorni in cui tutto il mondo celebra il fascino e la bellezza delle piante, l’Orto botanico propone un calendario di appuntamenti tra arte, natura e scienza, che si conclude nella Giornata internazionale della biodiversità che cade mercoledì 22 maggio.

Si comincia già mercoledì 15 per continuare il venerdì 17 e sabato 18 maggio con due appuntamenti giornalieri alle ore 15.00 e alle 16.30 a entrata libera (con prenotazione consigliata a museo.botanico@unipd.it / 049 827 21 10) dal titolo “Racconti in erba, piante nelle favole” negli spazi dell’Erbario del Museo botanico, ingresso da via Orto botanico 15. Si tratta di visite guidate tematiche all’Erbario legate al tema delle favole per l’infanzia: da Cenerentola a Biancaneve, da Pinocchio a La volpe e l’uva, alla scoperta delle piante, dei frutti e delle radici citati nelle favole.

Da sabato 18 a mercoledì 22 maggio (dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00), saranno i sapienti giardinieri dell’orto botanico più antico del mondo a guidare i visitatori alla scoperta dei mille segreti delle piante (dalle orchidee alle piante carnivore), raccontando gli ecosistemi in cui vivono, la loro coltivazione e le fioriture di stagione nell’iniziativa da titolo “I segreti delle piante”. Questa attività è compresa nel biglietto di ingresso all’Orto. Parallelamente sono state estese sempre da sabato 18 a mercoledì 22 maggio (in partenza alle ore 11.00 e alle ore 15.00) le consuete visite guidate individuali con costo di 5 euro a persona, in aggiunta al biglietto di ingresso all’Orto e con prenotazione consigliata allo 049 827 3939.

Sabato 18 maggio (dalle 14.00 alle 19.00) e domenica 19 e lunedì 20 maggio (dalle 9.00 alle 19.00) protagonisti saranno gli abiti scultura di Roberto Capucci e le immagini di fiori del fotografo Massimo Gardone. Questa attività dal titolo “L’Atelier dei fiori incontra l’Orto botanico”, compresa nel biglietto di ingresso all’Orto, nasce dal progetto espositivo originario L’atelier dei fiori, ideato dalla Fondazione Roberto Capucci, che trova oggi nell’Orto botanico patavino un luogo straordinario in cui mettere in relazione la produzione dei due artisti protagonisti della mostra e la natura, nel momento in cui esprime il suo massimo splendore. Da sabato a lunedì, quindi, l’Orto ospita una piccola selezione dei più significativi abiti scultura di Roberto Capucci e delle immagini di fiori del fotografo Massimo Gardone. Il tema della mostra “L’Atelier dei fiori incontra l’Orto botanico” è il mondo floreale come ispirazione per l’arte: fonte inesauribile di modelli e suggestioni di forma, astrazione e bellezza. Roberto Capucci, couturier, nato a Roma dove vive e crea, ha iniziato la sua attività nel 1951 con il gruppo di Giovanni Battista Giorgini, legando indissolubilmente il suo nome alla nascita della moda italiana. Semplicemente unico, nei suoi oltre 60 anni di attività Capucci ha creato abiti che sono considerati delle vere e proprie sculture, esposte nei principali musei di tutto il mondo. Tra personali e collettive, sono più di cento le mostre che lo hanno visto protagonista. Massimo Gardone, fotografo, nato a Genova, vive e lavora a Trieste. Inizialmente ispirato dal mondo teatrale e della danza e attratto dalle forme floreali, ha sviluppato una ricerca di ripresa e trattamento delle immagini che lo ha condotto a lunghi sodalizi con i più importanti designer italiani. I suoi fiori sono diventati anche copertine di libri, tessuti pregiati, originali pezzi d’arredo. La visione della mostra è compresa nel biglietto di ingresso all’Orto.

Domenica 19 maggio nella Sala delle colonne dell’Orto botanico (dalle 15.30 e con presenza in biglietteria per la registrazione dalle ore 15.00), si terrà la Conferenza-incontro con Roberto Capucci e Massimo Gardone dal titolo “Forme della natura, forme dell’arte”. L’incontro, con entrata libera su prenotazione e fino a esaurimento posti al link www.ortobotanicopd.it, vede la partecipazione del maestro Capucci e del fotografo Gardone che risponderanno alle domande del pubblico sul proprio lavoro artistico e creativo. Alle ore 16.00 i protagonisti della mostra “L’atelier dei fiori incontra l’Orto botanico” si sposteranno in Auditorium per raccontare il costante dialogo tra arte e natura, fonte d’ispirazione per le loro creazioni. Insieme a Roberto Capucci e Matteo Gardone interverrà Barbara Baldan, Prefetto dell’Orto botanico di Padova. Durante l’evento sarà possibile acquistare una copia del catalogo della mostra.

Infine, lunedì 20 maggio (dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00) in un’attività compresa nel biglietto di ingresso all’Orto, i ricercatori del Dipartimento di Biologia aprono le porte dei laboratori dell’Orto botanico raccontando al pubblico il processo di estrazione del DNA dalle piante nell’inizitiva dal titolo “Il DNA delle piante. Open day dei laboratori di Biologia”. Inoltre alle ore 17.15 i ricercatori accompagneranno il pubblico interessato all’interno dei laboratori, raccontando la propria attività di ricerca.

Share
Orto Botanico,     Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa


marco.milan@unipd.it tel. 049/8273066 cell +39 3204217067



Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

137 q 0,548 sec