90° edizione   
Premi Oscar 2018

Premi Oscar 2018


La 90° edizione della cerimonia degli Academy Award, noti come “Oscar”, si è tenuta al Dolby Theatre di Los Angeles il 4 marzo 2018


La 90° edizione della cerimonia degli Academy Award, noti come “Oscar”, si è tenuta al Dolby Theatre di Los Angeles il 4 marzo 2018, a partire dalle ore 17:00 americane. Anche quest’anno, come per l’edizione precedente, sono stati presentati da Jimmy Kimmel, che già nel discorso di apertura della serata raccomanda a tutti gli attori di aspettare un paio di minuti ad alzarsi per ritirare il loro premio, ironizzando così sulla grande gaffe dell’anno precedente che ha visto coronare come miglior film “La La Land” per rettificarlo poco dopo con il vero vincitore “Moonlight” interompendo così i festeggiamenti dell’intero cast del film già sul palco a prendersi gli applausi della folla.

Quest’anno, l’obbiettivo della cerimonia era dare importanza al cinema in primo luogo, con una visione più attenta anche per i temi caldi del momento di Hollywood: dopo il total black per i Golden Globe, una ventata di colore ha investito il tappeto rosso di Los Angeles, ma al petto moltissime le spille dell’iniziativa “Time’s up” contro la violenza sulle donne e gli abusi nel posto di lavoro.
Gli Oscar hanno così premiato il meglio offerto dal mondo del cinema durante il 2017, suddiviso in 24 categorie, e ha visto diversi primati: dal candidato più anziano Christopher Plummer a 89 anni d’età di grande carriera, al più giovane Timothée Chalamet con i suoi 22, un grande tributo Hollywood lo ha fatto a Meryl Streep, che correva per la sua quarta statuetta detenendo il record di nomination di sempre, ben 22.
Ma il vero ricordo di quest’anno andrà alla vincitrice come miglior attrice Frances McDormand, il cui discorso dedicato alle donne al momento della premiazione a portato a unirsi alla sua commozione tutta la sala in una standing ovation.
Per l’Italia, il film di Luca Guadagnino “Chiamami col tuo nome (Call Me by Your Name)” ha portato a ben 4 nomination e un Oscar vinto per Migliore sceneggiatura non originale a James Ivory, mentre il protagonista del film Timothée Chalamet non è passato inosservato, ricevendo notevoli apprezzamenti per l’interpretazione nel film.

Una cerimonia più attenta, senza sorprese anche nei premi, confermando tutte le previsioni in ogni categoria.
Ecco i vincitori:

Miglior film
La forma dell’acqua – The Shape of Water (The Shape of Water) – Guillermo del Toro e J. Miles Dale
Chiamami col tuo nome (Call Me by Your Name) – Peter Spears, Luca Guadagnino, Emilie Georges e Marco Morabito
Dunkirk – Emma Thomas e Christopher Nolan
Il filo nascosto (Phantom Thread) – JoAnne Sellar, Paul Thomas Anderson, Megan Ellison e Daniel Lupi
Lady Bird – Scott Rudin, Eli Bush e Evelyn O’Neill
L’ora più buia (Darkest Hour) – Tim Bevan, Eric Fellner, Lisa Bruce, Anthony McCarten e Douglas Urbanski
The Post – Amy Pascal, Steven Spielberg e Kristie Macosko Krieger
Scappa – Get Out (Get Out) – Sean McKittrick, Jason Blum, Edward H. Hamm Jr. e Jordan Peele
Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri) – Graham Broadbent, Pete Czernin e Martin McDonagh

Migliore regia
Guillermo del Toro – La forma dell’acqua – The Shape of Water (The Shape of Water)
Paul Thomas Anderson – Il filo nascosto (Phantom Thread)
Greta Gerwig – Lady Bird
Christopher Nolan – Dunkirk
Jordan Peele – Scappa – Get Out (Get Out)

Migliore attore protagonista
Gary Oldman – L’ora più buia (Darkest Hour)
Timothée Chalamet – Chiamami col tuo nome (Call Me by Your Name)
Daniel Day-Lewis – Il filo nascosto (Phantom Thread)
Daniel Kaluuya – Scappa – Get Out (Get Out)
Denzel Washington – Roman J. Israel, Esq.

Migliore attrice protagonista
Frances McDormand – Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri)
Sally Hawkins – La forma dell’acqua – The Shape of Water (The Shape of Water)
Margot Robbie – Tonya (I, Tonya)
Saoirse Ronan – Lady Bird
Meryl Streep – The Post

Migliore attore non protagonista
Sam Rockwell – Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri)
Willem Dafoe – Un sogno chiamato Florida (The Florida Project)
Woody Harrelson – Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri)
Richard Jenkins – La forma dell’acqua – The Shape of Water (The Shape of Water)
Christopher Plummer – Tutti i soldi del mondo (All the Money in the World)

Migliore attrice non protagonista
Allison Janney – Tonya (I, Tonya)
Mary J. Blige – Mudbound
Lesley Manville – Il filo nascosto (Phantom Thread)
Laurie Metcalf – Lady Bird
Octavia Spencer – La forma dell’acqua – The Shape of Water (The Shape of Water)

Migliore sceneggiatura originale
Jordan Peele – Scappa – Get Out (Get Out)
Guillermo del Toro e Vanessa Taylor – La forma dell’acqua – The Shape of Water (The Shape of Water)
Greta Gerwig – Lady Bird
Emily V. Gordon e Kumail Nanjiani – The Big Sick – Il matrimonio si può evitare… l’amore no (The Big Sick)
Martin McDonagh – Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri)

Migliore sceneggiatura non originale
James Ivory – Chiamami col tuo nome (Call Me by Your Name)
Scott Frank, James Mangold e Michael Green – Logan – The Wolverine (Logan)
Scott Neustadter e Michael H. Weber – The Disaster Artist
Dee Rees e Virgil Williams – Mudbound
Aaron Sorkin – Molly’s Game

Miglior film straniero
Una donna fantastica (Una mujer fantástica), regia di Sebastián Lelio (Cile)
Corpo e anima (Testről és lélekről), regia di Ildikó Enyedi (Ungheria)
L’insulto (L’insulte), regia di Ziad Doueiri (Libano)
Loveless (Neljubov), regia di Andrej Zvjagincev (Russia)
The Square, regia di Ruben Östlund (Svezia)

Miglior film d’animazione
Coco, regia di Lee Unkrich e Adrian Molina
Baby Boss (The Boss Baby), regia di Tom McGrath
The Breadwinner, regia di Nora Twomey
Ferdinand, regia di Carlos Saldanha
Loving Vincent, regia di Dorota Kobiela e Hugh Welchman

Migliore fotografia
Roger A. Deakins – Blade Runner 2049

Bruno Delbonnel – L’ora più buia (Darkest Hour)
Hoyte Van Hoytema – Dunkirk
Rachel Morrison – Mudbound
Dan Laustsen – La forma dell’acqua – The Shape of Water (The Shape of Water)

Miglior montaggio
Lee Smith – Dunkirk

Jon Gregory – Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri)
Paul Machliss e Jonathan Amos – Baby Driver – Il genio della fuga (Baby Driver)
Tatiana S. Riegel – Tonya (I, Tonya)
Sidney Wolinsky – La forma dell’acqua – The Shape of Water (The Shape of Water)

Migliore scenografia
Paul D. Austerberry, Shane Vieau e Jeff Melvin – La forma dell’acqua – The Shape of Water (The Shape of Water)

Nathan Crowley e Gary Fettis – Dunkirk
Dennis Gassner e Alessandra Querzola – Blade Runner 2049
Sarah Greenwood e Katie Spencer – La bella e la bestia (Beauty and the Beast)
Sarah Greenwood e Katie Spencer – L’ora più buia (Darkest Hour)

Migliore colonna sonora
Alexandre Desplat – La forma dell’acqua – The Shape of Water (The Shape of Water)

Carter Burwell – Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri)
Jonny Greenwood – Il filo nascosto (Phantom Thread)
John Williams – Star Wars: Gli ultimi Jedi (Star Wars: The Last Jedi)
Hans Zimmer – Dunkirk

Migliore canzone
Remember Me (musica e testi di Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez) – Coco

Mighty River (musica e testi di Mary J. Blige, Raphael Saadiq e Taura Stinson) – Mudbound
Mystery of Love (musica e testi di Sufjan Stevens) – Chiamami col tuo nome (Call Me By Your Name)
Stand Up For Something (musica di Diane Warren, testi di Diane Warren e Lonnie Lynn) – Marcia per la libertà (Marshall)
This is Me (musica e testi di Benj Pasek e Justin Paul) – The Greatest Showman

Migliori effetti speciali
John Nelson, Gerd Nefzer, Paul Lambert e Richard R. Hoover – Blade Runner 2049

Joe Letteri, Daniel Barrett, Dan Lemmon e Joel Whist – The War – Il pianeta delle scimmie (War for the Planet of the Apes)
Ben Morris, Mike Mulholland, Neal Scanlan e Chris Corbould – Star Wars: Gli ultimi Jedi (Star Wars: The Last Jedi)
Stephen Rosenbaum, Jeff White, Scott Benza e Mike Meinardus – Kong: Skull Island
Christopher Townsend, Guy Williams, Jonathan Fawkner e Dan Sudick – Guardiani della Galassia Vol. 2 (Guardians of the Galaxy Vol. 2)

Miglior sonoro
Mark Weingarten, Gregg Landaker e Gary A. Rizzo – Dunkirk

Ron Bartlett, Doug Hemphill e Mac Ruth – Blade Runner 2049
Christian Cooke, Brad Zoern e Glen Gauthier – La forma dell’acqua – The Shape of Water (The Shape of Water)
David Parker, Michael Semanick, Ren Klyce e Stuart Wilson – Star Wars: Gli ultimi Jedi (Star Wars: The Last Jedi)
Julian Slater, Tim Cavagin e Mary H. Ellis – Baby Driver – Il genio della fuga (Baby Driver)

Miglior montaggio sonoro
Richard King e Alex Gibson – Dunkirk

Mark Mangini e Theo Green – Blade Runner 2049
Nathan Robitaille e Nelson Ferreira – La forma dell’acqua – The Shape of Water (The Shape of Water)
Julian Slater – Baby Driver – Il genio della fuga (Baby Driver)
Matthew Wood e Ren Klyce – Star Wars: Gli ultimi Jedi (Star Wars: The Last Jedi)

Migliori costumi
Mark Bridges – Il filo nascosto (Phantom Thread)

Consolata Boyle – Vittoria e Abdul (Victoria & Abdul)
Jacqueline Durran – La bella e la bestia (Beauty and the Beast)
Jacqueline Durran – L’ora più buia (Darkest Hour)
Luis Sequeira – La forma dell’acqua – The Shape of Water (The Shape of Water)

Miglior trucco e acconciatura
Kazuhiro Tsuji, David Malinowski e Lucy Sibbick – L’ora più buia (Darkest Hour)

Daniel Phillips e Lou Sheppard – Vittoria e Abdul (Victoria & Abdul)
Arjen Tuiten – Wonder

Miglior documentario
Icarus, regia di Bryan Fogel

Abacus: Small Enough to Jail, regia di Steve James
Last Man in Aleppo, regia di Firas Fayyad
Strong Island, regia di Yance Ford
Visages Villages, regia di Agnès Varda e JR

Miglior cortometraggio documentario
Heaven is a Traffic Jam on the 405, regia di Frank Stiefel

Edith+Eddie, regia di Laura Checkoway e Thomas Lee Wright
Heroin(e), regia di Elaine McMillion Sheldon e Kerrin Sheldon
Knife Skills, regia di Thomas Lennon
Traffic Stop, regia di Kate Davis e David Heilbroner

Miglior cortometraggio
The Silent Child, regia di Chris Overton e Rachel Shenton

DeKalb Elementary, regia di Reed Van Dyk
The Eleven o’Clock, regia di Derin Seale e Josh Lawson
My Nephew Emmett, regia di Kevin Wilson, Jr.
Watu Wote/All of Us, regia di Katja Benrath e Tobias Rosen

Miglior cortometraggio d’animazione
Dear Basketball, regia di Glen Keane e Kobe Bryant

Garden Party, regia di Victor Caire e Gabriel Grapperon
Lou, regia di Dave Mullins e Dana Murray
Negative Space, regia di Max Portner e Ru Kuwahata
Revolting Rhymes, regia di Jakob Schuh e Jan Lachauer

Share





Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

110 q 0,339 sec