08/10/2017          Domenica 8 ottobre   
El Biologico in Piassa

El Biologico in Piassa


Ritorna nelle piazze centrali della città l'appuntamento autunnale con El Biologico in Piassa e un fitto programma ricco di proposte variegate aspetta tutti coloro che vorranno partecipare alla giornata di festa.


Domenica 8 ottobre ritorna nelle piazze centrali della città l’appuntamento autunnale con El Biologico in Piassa e un fitto programma ricco di proposte variegate aspetta tutti coloro che vorranno partecipare alla giornata di festa.

Gli espositori apriranno i loro banchi a partire dalle 8 per poter scoprire le nuove proposte e dare modo a tutti i partecipanti di passare di banco in banco per acquisti di ogni tipo, avendo anche la possibilità di degustare alcune delle specialità biologiche presenti, offerte e spiegate dagli stessi produttori dando vita a momenti di scambio di conoscenze e pratiche fra produttori e consumatori sui temi dell’ambiente, dell’etica e dell’ecologia.
Per tutta la giornata sarà possibile attraversare le piazze del centro storico a bordo di un calesse trainato da cavalli.

 

Gli appuntamenti della giornata iniziano alle 11.30 in piazza delle Erbe con l’incontro  Il Parco del Basso Isonzo: prospettive praticabili durante il quale si parlerà con l’Assessora all’Ambiente, Verde, Parchi, Agricoltura e Politiche del Lavoro del Comune di Padova Chiara Gallani, con Sergio Lironi, presidente onorario di Legambiente Padova e urbanista e con Franco Zecchinato, presidente della Coop. El Tamiso, dello stato dell’arte del Parco del Basso Isonzo, e in particolare del progetto di creazione di un’azienda agricola biologica nella principale area di proprietà comunale, di circa 18 ettari complessivi. Un progetto questo le cui origini risalgono ad alcuni anni fa, in collaborazione prima con Aiab Veneto, El Tamiso e Ass.ne La Biolca, successivamente con il DES – Distretto di Economia Solidale di Padova. L’ipotesi, di cui si è parlato molte volte in tempi e luoghi diversi, è di creare quella che, in termini tecnici, si chiamerebbe un’impresa “multifunzionale”, sbilanciata fortemente verso le relazioni con la Città con vendita diretta, ristorazione, didattica e attività sociali. L’incontro sarà un momento di confronto per ragionare sui possibili sviluppi futuri partendo da un’analisi delle azioni intraprese in passato e delle proposte di possibili attuazioni.

«Siamo particolarmente felici che il Bio in Piassa torni a essere un importante appuntamento per la città – sottolinea l’assessora all’Ambiente Chiara Gallani, cui fa capo anche la nuova delega all’Agricoltura – Come da programma della Giunta e di Coalizione Civica per Padova continua il nostro impegno per valorizzare le attività locali, in particolare l’agricoltura a chilometro zero e la filiera corta. Non a caso abbiamo voluto fortemente una delega all’agricoltura. La recente riapertura e regolarizzazione del mercato agricolo nel quartiere Forcellini va proprio in questa direzione. Il Bio in Piassa sarà poi l’occasione non solo di conoscere le realtà del biologico padovane, ma anche per discutere su un progetto che ci sta molto a cuore e che stiamo lavorando per rilanciare, quello del Parco Agro Paesaggistico del Basso Isonzo».

 

Per tutta la giornata Piazza della Frutta ospiterà sia una parte dei banchetti espositivi che i giochi e i laboratori pensati per i più piccoli. I Giochi Antichi di Lodovico Pamio invaderanno la piazza e saranno a disposizione di tutti i bambini e dei  loro genitori per dare la possibilità a tutti di divertirsi all’aria aperta condividendo emozioni e modalità differenti e ormai desuete di gioco e manualità. Durante la mattinata i volontari delle associazioni Vale e Archéo,  faranno provare ai piccoli padovani i giochi che praticavano i bambini del mondo antico, con una postazione di giochi da tavolo ed una postazione di giochi di movimento per giocare tutti assieme e riscoprire il piacere del gioco con materiali semplici. Il laboratorio è gratuito ed  è  consigliato per bambini dai 4 agli 11 anni, ma non ci sono limiti per i curiosi. Al pomeriggio invece saranno i volontari dell’associazione La Botte del Cigno ad affiancare i ragazzi di Archeò nella realizzazione di laboratori d’arte.

 

La ristorazione, curata dall’Osteria di Fuori Porta, sarà allestita in Piazza delle Erbe e proporrà piatti vegetariani e vegani rigorosamente Bio e homemade. Alle 11.30, davanti all’Osteria si terrà il laboratorio Verdura comanda color: il potere dei colori di frutta e verdura al quale tutti i bambini, in particolare quelli tra i 3 e i 6 anni, sono invitati a partecipare. Ad aspettarli ci saranno i volontari della cooperativa I dodici mesi con una lettura animata e dei giochi con i colori di frutta e verdura. Per una migliore organizzazione, è gradita l’iscrizione mandando una mail all’indirizzo idodicimesi@gmail.com

 

Alle 15.30 sarà la volta del primo appuntamento del pomeriggio dal palco montato in Piazza delle Erbe: Luca Michieletto e Severino Bozzolan  parleranno di teoria e pratica dell’agricoltura biologica alternando riflessioni ed esempi legati alle varie correnti di pensiero e di coltivazione ad essa correlate.

A seguire, alle 16.30, si terrà uno spettacolo teatrale della compagnia I Fantaghirò. Giogi, storia di uno spaventapasseri parla ai bambini della scuola dell’Infanzia e della Primaria del mondo contadino, realtà spesso lontana dalla loro esperienza diretta. Al centro di tutta la vicenda c’è un meraviglioso ciliegio e l’intenzione della contadina Natalina di salvare le sue ciliegie dall’attacco di famelici e dispettosi corvi. Una storia che parla di paura e della possibilità di affrontarla per piccoli coraggiosi.

 

Dalle 18.30 il gruppo di musica popolare El Filò suonerà in Piazza delle Erbe musiche e balli folk per far danzare grandi e piccini, fino alla chiusura della manifestazione.

P     adova




Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

105 q 0,357 sec