28
  16/01/2012           

Lunedì via tutte le bici dalle rastrelliere e nuova viabilità


A partire da lunedì 16 gennaio verrà interdetto il traffico-auto di attraversamento da est a ovest. Via le bici dalle rastrelliere.


Proseguono i lavori per il rifacimento dei piazzale stazione , come da progetto dello studio Cz Associati:
’’Obiettivo del progetto è  realizzare uno spazio urbano unitario disponibile agli usi della città e non solo della mobilità, orientare facilmente i flussi delle diverse utenze, attualizzare le geometrie e ristabilirne le dimensioni per adeguare l’assetto spaziale attuale al ruolo di ‘porta della città’, escludendo al massimo il traffico automobilistico privato, contraendo lo spazio destinato alla mobilità pubblica e realizzando una nuova struttura a parcheggio per le biciclette.
Lo spazio viene dilatato, nella sua estensione est-ovest, dagli attuali 100 a più di 300 metri, e, a sud, da circa 20 a 32 metri grazie alla riduzione, da tre a due, delle corsie del trasporto pubblico.
L’area ciclopedonale di fatto è triplicata, passando dagli attuali 5000 a 15000 mq ed è progettata come una piazza – giardino, calibrata nei rapporti sole – ombra:  l’utilizzo esteso della vegetazione arborea che sottolinea lo sviluppo longitudinale dello spazio ciclopedonale è infatti finalizzato alla realizzazione di zone di equilibrio termico e mitigazione dell’impatto delle superfici pavimentate, perciò si è scelto l’impiego di alberature a foglia caduca, che meglio rispondono alle esigenze di ombreggiamento estivo e soleggiamento invernale del piazzale: Robinia pseudoacacia ‘bessoniana’ (filari), Gleditsia triacanthos e Celtis australis, Sophora japonica ‘regent’ (alberi isolati).
E’ prevista inoltre la trasformazione delle superfici verticali dei cavalcavia esistenti in pareti di vegetazione rampicante che fanno da fondale ai singoli spazi. La versatilità d’uso di tali spazi e il controllo dei diversi flussi di mobilità che li attraversano è risolta tramite piattaforme polifunzionali in calcestruzzo colorato (ciclopedonali e a traffico controllato) che, oltre a differenziarsi dalle superfici specificamente viabilistiche in asfalto, possono ospitare plateatici, piccole fiere, manifestazioni e mercati temporanei. Tali superfici opportunamente sagomate, guidano la raccolta delle acque meteoriche verso le caditoie lineari che misurano longitudinalmente gli spazi, e rispondono alla scelta di articolare lo spazio aperto attraverso criteri di fluidità e continuità fisica e percettiva, minimizzando le zone di scarsa visibilità e facilitando, per quanto possibile, la sicurezza dei luoghi.
A tal fine fondamentale è lo spazio notturno proposto che ristabilisce un criterio unitario dello spazio della luce artificiale attraverso la definizione di tre quote di illuminamento che si specificano correlandosi alle scale e alle dimensioni dei diversi ambiti: illuminazione diffusa proveniente dall’alto con pali alti 8 metri per sottolineare lo spazio di percorrenza stradale e con pali alti 5 metri sugli spazi polifunzionali, illuminazione radente lungo le piste ciclabili. Tre gli stralci progettuali previsti: S1 (realizzato) che ha recuperato all’uso pubblico ciclopedonale lo spazio, prima carrabile, di via Fra’ Giovanni Eremitano, ripensandolo come piazza lineare alberata per ospitare i plateatici degli esercizi frontisti; S2 (in corso di realizzazione) che costruisce gli spazi necessari all’orientamento dei flussi ciclopedonali verso gli istituti universitari, ridefinendo collocazione e figura dell’attuale parcheggio biciclette; S3 che reimmagina l’area antistante l’edificio della stazione come spazio in parte alberato, misurato, nella sua dimensione di ‘piazza’, da due grandi sculture circolari in acciaio cor-ten.’’
Vedi progetto
Da lunedì 12 gennaio dunque per i veicoli che provengono da est (viale della Pace/via Tommaseo) l’accesso a piazzale Della Stazione sarà reso possibile attraverso due percorsi:
VIA TOMMASEO – VIALE CODALUNGA – P.LE DELLA STAZIONE (lato ovest) e ritorno, in direzione ovest, attraverso VIA EREMITANO – VIA SARPI; VIA FOSCOLO – CORSO DEL POPOLO – P.LE DELLA STAZIONE (direzione ovest-est – con divieto di sosta)
Con l’occasione dei lavori verranno progressivamente spostate dal piazzale le rastrelliere per le biciclette.
I nuovi siti che verranno resi via via disponibili sono:
LATO OVEST – VIA EREMITANO E VIALE CODALUNGA (a ridosso della rampa del cav. Borgomagno) 250 posti circa; LATO EST – VIALE DELLA PACE/ANGOLO VIA TOMMASEO, 800 posti a pagamento nel nuovo bici-park e 500 posti liberi + 50 posti moto circa. Vedi mappa viabilità
Via le bici dalle rastrelliere sul lato ovest. Lunedì 16 gennaio a partire dalle 9, in piazzale della Stazione, in occasione della prosecuzione dei lavori di rifacimento dell’intera area, la polizia Municipale effettuerà un intervento di rimozione delle biciclette presenti sulle rastrelliere posizionate sul lato Ovest. L’intervento sarà anche occasione per recuperare le bicicletta abbandonate, prive di parti essenziali per la circolazione, e i rottami. L’Amministrazione comunale ha provveduto a posizionare la segnaletica temporanea di divieto di sosta, in modo da informare i ciclisti. Le bici rimosse e in buono stato di manutenzione (i rottami verranno conferiti direttamente al Centro autorizzato per lo smaltimento), saranno custoditi per 90 giorni nel deposito del Comando della Polizia Municipale di Padova (via Gozzi, 32 tel.049.8205100), a disposizione degli aventi diritto previa contestazione della sanzione prevista. Trascorsi i 90 giorni le biciclette saranno conferite al Settore Provveditorato e una volta diventate patrimonio dell’Amministrazione saranno messe all’asta..

Share


www.padovando.con/foto/mappastazione.pdf


142 q 0,202 sec