6
             
Stress idrico per mais e soia

Stress idrico per mais e soia


CALDO: COLDIRETTI, CON LUGLIO BOLLENTE SOS SICCITA’ ED INCENDI . CRISI IDRICA PER MAIS E SOIA. IN VENETO IRRIGATI ANCHE I VIGNETI​


Stress idrico per mais e soia, le colture più esigenti di acqua. Sono queste le coltivazioni più in sofferenza in questo periodo che registra il mese di luglio con
una temperatura superiore di ben 1,4 gradi alla media in Europa con anomalie evidenti soprattutto nel mezzogiorno d’Italia. In Veneto gli agricoltori sono ricorsi alle irrigazioni supplementari per le vigne giovani dei nuovi impianti.
E’ quanto emerge dall’elaborazione di Coldiretti Veneto nella settimana più bollente sulla base dei dati del servizio Copernicus Climate Change Service (C3S) secondo il quale il mese scorso e’ stato il piu caldo da quando sono iniziate le registrazioni in Europa e il terzo nel mondo. Siamo di fronte anche in Italia – sottolinea la Coldiretti – alle conseguenze dei cambiamenti climatici con una tendenza alla tropicalizzazione e il moltiplicarsi di eventi estremi con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal maltempo al caldo africano. Sono incalcolabili – continua la Coldiretti – i danni provocati dagli incendi che hanno distrutto decine di migliaia di ettari di boschi e macchia mediterranea con alberi carbonizzati, oliveti, pascoli distrutti ed una vera strage di animali. Ma a preoccupare è anche la siccità che rischia di far salire ad oltre il miliardo il conto dei danni subiti dall’agricoltura italiana nel 2021 a causa degli eventi estremi che hanno decimato le produzioni nazionali con tagli che vanno dal 5 al 10% per le previsioni di vendemmia, al 10% per il grano mentre è praticamente dimezzata la frutta nazionale con cali del 30% per le ciliegie, del 40% per le pesche e nettarine fino al 50% per le albicocche, rispetto ad una annata normale. L’agricoltura – sottolinea la Coldiretti – è l’attività economica che più di tutte le altre vive quotidianamente le conseguenze dei cambiamenti climatici ma è anche il settore più impegnato per contrastarli. Per questo – continua la Coldiretti – l’Italia deve difendere il proprio patrimonio agricolo e la propria disponibilità di terra fertile con un adeguato riconoscimento sociale, culturale ed economico del ruolo dell’attività nelle campagne e nel presidio dei boschi. In tale ottica servono strumenti di gestione del rischio sempre più avanzati, efficaci e con meno burocrazia ma anche interventi strutturali con la realizzazione di infrastrutture a partire dai bacini di accumulo a impatto zero proposti dalla Coldiretti nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr)” ha affermato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel chiedere però “di accelerare sull’approvazione della legge sul consumo di suolo, ancora ferma in Parlamento da quasi un decennio, che potrebbe dotare l’Italia di uno strumento all’avanguardia per la protezione del suo territorio”.

Share




Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

119 q 0,164 sec