45
23 luglio a Este   
Spirito allegro

Spirito allegro


Uno spettacolo divertente a cura della compagnia Teatro Fuori Rotta all'ex collegio Vescovile di Este.


Non c’è due senza tre: il dissidio familiare, in seno alla coppia, si aggrava dell’aggiunta della terza incomoda, lo «spirito allegro» del titolo. Arriva Antonella Campana, ma non è un fantasma. E’ una medium, ritenuta responsabile del ‘fattaccio’: il Teatro Fuori Rotta, sulle scene padovane dal 2004, nella serata di martedì 23 luglio ha raccolto gli adepti sul palco del Chiostro dell’ex collegio Vescovile di Este intorno a un tavolo divinatorio, per una seduta spiritica originalissima. Presenze incorporee nel testo di Noel Coward, gli spettatori si sono sentiti avvinghiati dal paradosso di una situazione paranormale a dir poco imbarazzante: il regista e attore Gioele Peccenini, forte di una recitazione ‘viva’, in contrapposizione all’eterea carnalità dello spirito vagante, fiori in mano, nelle vesti di Lucia Bizzotto, libertina prima moglie, «trapassata» ma non defunta, per una sottigliezza linguistica, s’è dileguato nel finale, con una casa in preda agli «odori di presenze protoplasmatiche». Sì, non ci sono sale e pepe che tengano, Madame Arcati cade spesso in trance, tra un balletto e un altro: gli stacchetti musicali ammiccano con allegria alla situazione, con Ruth stessa divenuta fantasma. La statuaria ed elegante Nadia Gatti, con il suo impeccabile abbigliamento d’inizio secolo, troneggia con alterigia: quasi «domina» il marito e la cameriera, la giovane Edith, interpretata da una trafelata Elisa Meneghetti, in scena nel finale con la fantomatica «benda bianca». Incredibile, si ritrova la cameriera nella figura della moglie del signor Bradman, «eccitatissima» per la seduta, temperata da un riflessivo Eros Papadakis: è un via vai di colpi di scena, di sottigliezze argute in questa notte di mezza estate. Quasi quasi vorremmo essere anche noi esorcizzati da Madama Arcati, bravissima, e assaggiare con lei quel Martini secco perfetto accompagnato da un sandwich: è una festa continua, nel sottobosco del Chiostro numerose risate serpeggiano nell’aria. E’ divertimento assoluto, non può non scappare un sorriso: la scenografia, altamente praticabile, è impeccabile. Sembra di esserci. C’eravamo. Ci siamo ancora, anche alla mattina dopo, ricordando la simpatia di quella compagnia padovana. Spiritoso

Camilla Bottin

IMG_1388

IMG_1389

IMG_1390

IMG_1391

IMG_1392

IMG_1393

Share


Potrebbero interessarti anche

  • 37° Festa della Zucca

    37° Festa della Zucca

    Un'intera giornata all'insegna della tradizione con stand gastronomico, antichi mestieri, musica, spettacoli e show serale di Marco e Pippo!
  • “Di Villa in Villa”

    “Di Villa in Villa”

    Gli spazi più affascinanti della Villa Albrizzi verranno straordinariamente aperti al pubblico per vivere esperienze inedite in uno degli scorci più belli della città di Este.


178 q 0,263 sec