6
             
Scampagnate all’aperto e molto altro !

Scampagnate all’aperto e molto altro !


2 GIUGNO: COLDIRETTI, AGRITURISMI VENETI APERTI PER SCAMPAGNATE E PASTI AL COPERTO


TORNANO LE RASSEGNE DEI PRODOTTI TIPICI: A MAROSTICA DOMENICA LA FESTA DELLA CILIEGIA

Scampagnate all’aperto negli oltre mille agriturismi veneti che sono pronti ad accogliere gli ospiti non solo del fine settimana, anche quelli che hanno programmato una pausa per la Festa della Repubblica del 2 giugno con pasti al coperto. All’offerta si aggiunge anche la possibilità di visitare le rassegne dei prodotti tipici come domenica 30 maggio a Marostica dove, per tutto il giorno, nella famosa piazza degli scacchi produttori e fattorie didattiche intratterranno i cittadini e le famiglie con molte attività nell’ambito della Festa della Ciliegia Igp.

Coldiretti Veneto rende noto che dal primo giorno del mese sarà possibile pranzare e cenare all’interno dei locali con il limite dell’orario spostato a mezzanotte. Se 9 milioni di italiani piu’ fortunati saranno in viaggio per il ponte secondo Federalberghi, la grande maggioranza per la Coldiretti si accontenta di una gita fuori porta al mare, al lago e in montagna con rientro in giornata per la mancanza di tempo disponibile e per il clima incerto. Una opportunità che – sostiene la Coldiretti – è importante per l’attività di ristorazione perché con il superamento del coprifuoco è possibile in molte realtà il doppio turno ed un incremento sostanziale degli incassi per realtà fortemente penalizzate dalle misure adottate per contenere l’emergenza Covid. La limitazione dell’orario – spiega Diego Scaramuzza presidente nazionale di Terranostra – ha colpito soprattutto le aziende agrituristiche perché situate nelle aree rurali lontane dalle città e quindi raggiungibili in tempi più lunghi dagli ospiti provenienti dai centri urbani. Gli agriturismi – sottolinea Scaramuzza –, spesso situati in zone isolate, in strutture familiari con un numero contenuto di posti letto e a tavola e ampi spazi nel verde dove le distanze non si misurano in metri ma in ettari, sono forse i luoghi dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche. Non a caso ben l’80% degli italiani che esprimono un’opinione ritiene le strutture agrituristiche abbiano un ruolo importante per il rilancio del turismo post pandemia, secondo l’indagine Coldiretti/Notosondaggi.

Share




Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

133 q 0,150 sec