6
             
Quarantesimo anniversario (1980 – 2020) della fondazione degli Amissi del Piovego

Quarantesimo anniversario (1980 – 2020) della fondazione degli Amissi del Piovego


La storica associazione culturale e ambientalista di voga veneta


Il 15 dicembre 1980
in una osteria situata sulla riva in sinistra idraulica del Piovego
fu fondata l’associazione
culturale
ambientalista
di voga alla veneta
Amissi del Piovego.

L’associazione è nata sulla base di un principio, quello di sussidiarietà,
affermato e praticato in alcuni settori del mondo cattolico.
Attualmente il principio di sussidiarìetà è affermato anche dalla Costituzione repubblicana.
Il 5 maggio 1977 sulla “Difesa del popolo” era apparso un articolo, a firma di Elio Franzin, in cui
era preannunciato l’intervento fondato sulla pratica principio di sussidiarietà sul Bastione di San
Prosdocimo, un’area verde pubblico allora abbandonata e degradata da tutti in punti di vista.
L’intervento fu ispirato, diretto e organizzato da Alberico Alfonsi, Pietro Casetta, Giuseppe De
Concini, Elio Franzin. Giampietro Tonon.
La risposta dei ragazzi dei patronati e delle scuole medie cittadine fu entusiasmante.
Non mancarono ostacoli e opposizioni.
Soltanto il 3 agosto 1984 un sindaco illuminato decise di consegnare agli Amissi del Piovego
l’edificio ora denominato Casetta dell’acqua situato all’interno della cortina muraria
cinquecentesca fra il Castelnuovo e il Bastione del Portello vecchio.
Naturalmente in quarant’anni di vita gli Amissi del Piovego hanno anche commesso degli errori.

Attualmente gli Amissi del Piovego affermano che la priorità delle priorità in materia di
interventi per la tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico relativamente al Piovego e
alla cerchia muraria cinquecentesca è rappresentato dallo sbancamento del le golene sulla destra
idraulica, che sono sul piano giuridico rifiuti (naturali o artificiali) e quindi privi di qualsiasi
proprietario.
Lo sbancamento delle golene ai piedi della cerchia muraria cinquecentesca deve consentire la
visibilità delle cannoniere, delle cavane, ecc. e quindi la riconoscibilità di un monumento di
architettura militare.

Share
amissidelpiovego@gmail.com



Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

159 q 0,290 sec