6
             
Padova capitale europea del volontariato 2020

Padova capitale europea del volontariato 2020


Padova capitale europea del volontariato


Abbiamo lavorato in questi mesi per non arrivare impreparati. A cosa? Ad affrontare insieme gli effetti sociali della seconda ondata della pandemia da Covid-19.

Il modello che abbiamo previsto si basa sulla possibilità di attivare un aiuto di prossimità che abbia al centro la capacità dei quartieri e dei rioni di autorganizzarsi e mobilitarsi.
Il tessuto padovano è ricco di associazioni, parrocchie, comitati di base, ma anche di servizi ed istituzioni che fanno della territorialità un tratto distintivo: significa che sono radicati, conoscono la comunità locale e da questa ne sono attraversati ed arricchiti.

Per questi motivi la seconda fase del progetto Per Padova noi ci siamo, ancora, vedrà impegnati nuovamente insieme il Centro di Servizio Volontariato di Padova, il Comune e la Diocesi con l’obiettivo di coordinare, rinforzare e supportare le reti che già esistono nei quartieri e di farne nascere di nuove, fornendo un sostegno affinchè la capacità di dare risposte sia organizzata ed efficace.

Il ruolo delle organizzazioni di volontariato è fondamentale. Sono state censiste, geolocalizzate e sono stati raccolti i loro primi spunti. La prossima settimana in ciascun quartiere inizierà un confronto più serrato con quelle che si sono rese disponibili (ecco la scheda da compilare per le associazioni, parrocchie e comitati che volessero aggiungersi).

Le reti di quartiere saranno attive per rispondere ai bisogni che ciascuna zona individuerà, con particolare attenzione a minori, anziani e famiglie in disagio socio-economico.

All’interno di questo contesto saranno inseriti i volontari “singoli” che vorranno attivarsi anche per questa nuova fase.

Un programma ambizioso che sarà uno dei lasciti concreti di questo anno vissuto da Padova capitale europea del volontariato, il cui passaggio di consegne si avvicina.
Avverrà il 5 dicembre, nell’ambito della giornata internazionale del volontario quando Berlino riceverà il testimone per l’anno 2021. Una giornata intensa e che sarà caratterizzata dalla consegna del Premio Gattamelata giunto alla 15ma edizione e che chiunque potrà seguire perché diffusa in diretta su più piattaforme.


Padova, nel quartiere Arcella arriva la “community school”

“Un progetto quadriennale per un cambiamento di visione dell’istituzione scolastica: una scuola aperta in orari extrascolastici, che diventa centro educativo del territorio e riferimento per iniziative sociali”. E’ il progetto Scholé il cui obiettivo è affrontare la povertà educativa dei ragazzi dagli 11 ai 17 anni, acuita dall’emergenza Covid-19. Sarà centrale il lavoro in rete fra istituzioni, servizi, associazioni e volontariato, in parte già esistente, da rafforzare e sostenere.

Share




Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

123 q 0,170 sec