48
Al Mercato Coperto di Padova sabato mattina   
Un cuore d’albero per un San Valentino Green

Un cuore d’albero per un San Valentino Green


Ai mercati di Campagna amica e negli agriturismi la proposta delle donne di Coldiretti Padova: un’idea regalo con il larice dell’Altopiano di Asiago per la rinascita dei boschi veneti


Cioccolatini, gioielli per la festa degli innamorati? Meglio un oggetto di legno. Le donne di Coldiretti Padova dichiarano l’amore per i boschi nei mercati di Campagna Amica e negli agriturismi. E’ l’idea di Donne Impresa Coldiretti Padova che, sulla scia del progetto #adottaunbosco, in occasione della festa di San Valentino propone l’acquisto di un cuore realizzato con il legno di larice dell’Altopiano di Asiago. Nei mercati di Campagna Amica e nelle aziende agrituristiche per la cena degli innamorati, ma anche nei prossimi giorni, sarà possibile donare un’offerta in cambio del cuore simbolico degli alberi schiantati dalla calamità del 29 ottobre scorso.

I cuori in legno sono disponibili al Mercato Coperto di Padova in Via Vicenza 23 sabato mattina, al Mercato degli Agricoltori di Tencarola di Selvazzano e al Mercato degli Agricoltori di Vigonza il sabato mattina, all’Agriturismo Casa in Campagna di Frison Francesca a Torreglia, all’Agriturismo Le Calle di Girolimetto a S.Giorgio in Brenta a Fontaniva, nell’azienda Le Moiacche di Vigilante Elisa a Rubano.

“Un artigiano ha realizzato per noi tanti cuori di legno – spiega Valentina Galesso responsabile provinciale delle imprenditrici Coldiretti – che metteremo a disposizione tra le bancarelle dei nostri operatori agricoli. Solo loro che con la vendita diretta animano le piazze tutte le settimane e negli agriturismi padovani condotti proprio dalle imprenditrici che hanno aderito all’iniziativa per continuare a tenere alta la sensibilità verso il paesaggio e la bellezza che deve essere restituita ai territori colpiti in provincia di Belluno e Vicenza”.

“L’esperienza positiva del concerto solidale al Teatro Verdi con l’esibizione di Chiara Luppi, Vittorio Matteucci e la U.S.Band – continua Valentina Galesso – ci incoraggia a proseguire su questo impegno. Ricordo che al nostro appello hanno risposto cittadini e soprattutto molti sponsor che nei giorni successivi hanno condiviso l’evento nei social, tra i clienti i fornitori classificandolo tra le attività utili svolte con convinzione a favore della società. Nel vedere tanto entusiasmo ci siamo nuovamente ricaricate accogliendo la disponibilità della gente, degli studi, di altre ditte che si sono aggiunte per dare il loro contributo”.

Valentina Galesso fa sapere di aver preso contatti con i Sindaci e i rappresentanti dell’Unione Montana Spettabile Reggenza Altopiano dei Sette Comuni per procedere alla designazione dei lotti pari alla rigenerazione di 150 mila metri quadrati di foresta composta da un “biodiversity mix” con specie arboree autoctone.

“E’ una prima risposta a chi ha creduto in noi portando energia e fiducia al nostro lavoro – conclude Galesso – l’area verde da destinare ad un bosco didattico aumenterà, ne siamo certe, considerate le numerose richieste da tutta Italia di fare qualcosa e – sottolinea – basta un euro, anche meno, per dare vita al verde atterrato”.

Share




Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

144 q 0,187 sec