Ingegneri protagonisti della modernizzazione del Paese

Ingegneri protagonisti della modernizzazione del Paese


Dopo il Congresso del CNI il Vicepresidente Vicario Bonfà rilancia il ruolo degli Ingegneri che definisce “La nostra professione centrale per il Paese”


Il 61esimo Congresso del CNI, andato in scena nei giorni scorsi nel meraviglioso scenario del Teatro Massimo di Palermo ha visto gli ingegneri italiani protagonisti di incontri e dibattiti su una serie di tematiche fondamentali per il Paese: innovazione, ambiente, formazione e sviluppo industriale infatti sono stati i temi più discussi e approfonditi nei tanti incontri di un vero e proprio congresso-evento.

Emerge un dato chiaro, sottolineato in maniera forte da Fabio Bonfà, Vicepresidente Vicario Fabio Bonfà: “Le professioni intellettuali sono parte essenziale del processo di modernizzazione del Paese non abbiamo privilegi, le nostre competenze vanno salvaguardate anche attraverso l’aggiornamento e la formazione continua. In questo senso contiamo di coinvolgere i nostri giovani per creare nuove leve competenti e in grado di confrontarsi con esperienze di livello internazionale. Il dibattito di questi giorni dimostra come ogni comparto di questo Paese che tenti di scrutare il futuro non possa fare a meno di ingegneri”.

Tutti gli analisti sono concordi nel ritenere fondamentale avviare processi di modernizzazione basati sull’innovazione e sul digitale, a partire dalla Fabbrica 4.0 che è stata al centro di dibattiti ed approfondimenti. Proprio a questo proposito Bonfà ha sottolineato il ruolo fondamentale delle persone all’interno di un contesto fortemente automatizzato: “Per governare la complessità di un mondo dominato dal digitale non si può prescindere dagli uomini, per questo gli ingegneri avranno un ruolo sempre più fondamentale. Tutti gli studi e gli esempi concreti che riguardano la Fabbrica 4.0 sono concorsi su un punto di fondo: la centro di tutto c’è sempre la persona. Può sembrare paradossale ma più cresce il livello di digitalizzazione e di innovazione e più c’è bisogno di personale qualificato.”

Spazio dunque a nuovi skill, a nuove competenze, spazio a una nuova generazione di ingegneri capace di mixare la complessità della modernità fornendo risposte semplici e soluzioni concrete ai problemi della società globalizzata.
Proprio in un contesto di questo tipo si inserisce il contest Scintille, evento rivolto ai giovani e aperto al confronto e alla contaminazione tra questa disciplina ed altri linguaggi e settori.

Sempre alle energie creative delle nuove generazioni di ingegneri è diretta inoltre la possibilità di partecipare alle Borse di studio promosse dal Cni in collaborazione con Isnaff per far valere i propri talenti all’estero. Un percorso cresciuto progressivamente con gli anni sino a diventare una punto di riferimento sia all’interno della kermesse sia per gli stessi giovani ingegneri che secondo le parole del Vice Presidente Vicario Bonfà “con questo progetto possono contare su una opportunità di crescita davvero unica, sia professionale che umana potendo frequentare per alcuni mesi i più importanti centri di ricerca nord americani”.





Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

94 q 0,414 sec