No al traffico   
Via le auto da San Francesco

Via le auto da San Francesco


Legambiente e il Comitato San Francesco dicono no alla riapertura al traffico di via San Francesco.


Risale soltanto al 18 aprile 2013 la ciclopedonalizzazione definitiva di tutta via San Francesco. Ma dopo le recenti dichiarazioni rese dall’Amministrazione il Comitato dei residenti e Legambiente lanciano l’alto là: «Eliminare la pedonalizzazione della via o anche solo riportarla allo status di Zona a Traffico Limitato (ZTL) significherebbe fare largo alle auto, visto che ben 21 categorie di autoveicoli hanno il permesso di circolare nella ZTL. La preoccupazione è che questa lunga e fragile via medievale di valore artistico e storico, se sottoposta al passaggio di veicoli e moto trasformi i suoi antichi portici in “camere a gas” a scapito di tutti quelli che la percorrono. «Siamo esterrefatti» afferma Gabriele Gazzaneo di Asu Padova «per come viene gestita la mobilità contro il rispetto della salute dei cittadini e contro la valorizzazione di un centro storico dal patrimonio culturale immenso. Riteniamo che un patrimonio del genere abbia bisogno di una rivitalizzazione attraverso forme d’arte. Noi abbiamo provato a fare qualcosa già l’anno scorso con un progetto che prevedeva l’occupazione di locali sfitti in via del Santo. Noi ci impegniamo, con il Comitato San Francesco e Legambiente, a promuovere il centro attraverso la cultura». Anche il proprietario della Libreria Minerva è contrario alla riapertura al traffico: «I negozianti nella loro quasi totalità ritengono bislacca e assurda questa proposta, si teme che quella che viene presentata come una soluzione temporanea con il tempo diventi definitiva. Questa strada, insieme ad altre del centro storico, è la meno indicata per lo scorrimento del traffico, non si può fermare o parcheggiare. Quando abbiamo aperto la libreria, sei anni fa, le macchine transitavano e sotto i portici era una camera a gas, era impossibile tenere aperte le porte del negozio. Con il tempo, grazie all’intervento dei cittadini e dell’associazione dei commercianti, le cose sono cambiate. Adesso chiediamo che venga mantenuta la situazione attuale». Loris Pasquelli, residente e presidente del Comitato San Francesco, cita l’inchiesta fatta nel 1998 dal Sole24Ore in cui si era rilevato un enorme inquinamento atmosferico e acustico nella via a causa del traffico. «Chiediamo» afferma «che rimanga la pedonalizzazione completa, dobbiamo mantenere questa viabilità e salvaguardare i beni architettonici e culturali della via». Legambiente e il Comitato intendono difendere un risultato conseguito con ostinazione fin dalla fine degli anni ’90.

Camilla Bottin





Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

100 q 0,429 sec