6
             
Tartini 2020

Tartini 2020


TARTINI 2020, DAL VENETO AL MONDO: EVENTI OTTOBRE 2020 – APRILE 2021


“In questi ultimi anni il soggiorno del celebre compositore e violinista ha reso questa città non certo meno famosa che nell’antichità per essere stata il luogo natale del grande storico Tito Livio”: basta questo passo su Tartini dal diario del musicografo Charles Burney per dare la misura della notorietà del Piranese nel suo tempo. E nel nostro tempo? Percepiamo a sufficienza la statura di Tartini? Mai abbastanza, io credo, ma i segnali sono incoraggianti. In occasione del 250° anniversario della morte, le città di Padova, Pirano e Trieste hanno prodotto molte iniziative di valorizzazione che daranno i frutti sul lungo periodo. Ve ne diamo conto, per Padova, nelle righe che seguono.

Per Pirano e Trieste vi rimandiamo al sito www.discovertartini.eu frutto di quattro anni di lavoro comune e di magnifica collaborazione. (Sergio Durante)

Questo sfortunato 2020 segna non solo la nascita di Beethoven ma anche la morte (solo pochi mesi prima) di Giuseppe Tartini (Pirano, 1692 – Padova, 1770). Considerato ai suoi tempi il “Maestro delle Nazioni”, violinista, teorico, filosofo e, secondo Leonhard Euler, “il più grande compositore del suo tempo”, Tartini è oggi oggetto di intensi studi come il più interessante rappresentante della cultura dell’Illuminismo nel campo della musica strumentale. Il 2020 accoglie numerose iniziative, a livello mondiale ma soprattutto in Italia e Slovenia, i paesi che ereditano direttamente il patrimonio europeo e multinazionale di Tartini. Al di là del caso “Tartini”, le celebrazioni rappresentano un’occasione per rivalutare il discutibile concetto di “Barocco” attualmente applicato alla musica della metà del Settecento promuovendo invece una migliore comprensione della multiforme cultura dell’Illuminismo, variamente riflessa nel campo della musica europea. “Tartini 2020” è un progetto nato nel 2014 in seno all’Università di Padova – Dipartimento DISLL (Studi linguistici e letterari) per iniziativa del prof. Sergio Durante con l’obiettivo di favorire la conoscenza e la valorizzazione di Giuseppe Tartini, uno dei maggiori virtuosi che il violino abbia mai avuto ma anche il più grande didatta di questo strumento, e “farne una risorsa permanente” in una dimensione sia territoriale (Padova e il Veneto) che nazionale ed internazionale: progetto che fin dagli esordi si è avvalso di una molteplicità di registri, ambiti e modalità di comunicazione atta ad avvicinare anche un pubblico non esperto a Tartini.

L’iniziativa è sostenuta da: Fondazione Cariparo (Bando Eventi Culturali), Comune di Padova – Assessorato alla Cultura, Regione del Veneto (Programma regionale Grandi Eventi), Padova Convention, OPV Orchestra di Padova e del Veneto (che co-organizza la mostra e tutti gli eventi della rassegna sia dal punto di vista logistico che amministrativo), Conservatorio di Musica “C. Pollini” di Padova, Conservatorio di musica “G. Tartini” di Trieste, Amici della Musica di Padova, I Solisti Veneti, La Bottega Tartiniana, Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia – Comitato di Padova, Comunità degli italiani di Pirano, Club Lions Cornaro Piscopia, Club Rotary Padova, Club Rotary Inner Wheel Sibilla De Cetto, Associazione Tartini 2020, Ass. Alessandro Cevese Onlus.

La stagione 2020 si è aperta in primavera con la “Esplorazioni Tartiniane” (Amici della Musica di Padova, con il sostegno del Comune di Padova), visite guidate per Padova con concerti nella chiesa di S. Caterina. In settembre, dopo le quattro “Passeggiate con Tartini” (Amici della Musica di Padova, con il sostegno della Fondazione Cariparo), due concerti hanno celebrato il compositore e l’inizio di una nuova tranche di eventi in suo nome: prima il 16 al Teatro Verdi con l’OPV diretta dal maestro concertatore Francesco D’Orazio****, poi il 22 alla Sala dei Giganti del Liviano con gli Amici della Musica di Padova e il concerto “Tartini e la Francia”* (Duo Tartini e Violaine Cochard). Da qui alla primavera del 2021 sono previsti appuntamenti di vario genere (artistico, scientifico, espositivo, turistico-culturale, divulgativo etc.) che portano avanti le azioni a lungo termine (Edizione nazionale delle opere, con Bärenreiter Verlag), le iniziative di successo divenute consuetudine nella città di Padova (visite guidate tartiniane con le guide dell’Associazione Tartini 2020), lo spazio museale dedicato, da sempre obiettivo fondante del progetto, il Convegno internazionale con la partecipazione di importanti studiosi, e i concerti con alcuni tra i migliori gruppi ed interpreti a livello mondiale di musica del Sei e Settecento, con sconfinamenti nel contemporaneo: un cartellone che pur avendo come centro Padova, dove Tartini per 40 anni suonò nella cappella musicale della basilica di S. Antonio divenendo musicista di culto per l’Europa del tempo, prevede estensioni in territorio nazionale ed internazionale.

15 ottobre 2020 – 14 febbraio 2021, da martedì a domenica, ore 10.00 – 18.00

Museo Diocesano, Padova

Mostra “Giuseppe Tartini e la cultura musicale dell’Illuminismo”

Alla mostra, che vede il supporto tecnico-organizzativo dell’Orchestra di Padova e del Veneto, sarà presente la riproduzione del fortepiano di Bartolomeo Cristofori, copia dello strumento oggi custodito a Roma. Il fortepiano, simbolo della tecnologia che lega il grande compositore di Pirano all’inventore padovano, verrà esposto insieme con materiali riguardanti le innovazioni tecniche realizzate da Tartini sul violino e sull’arco, oltre a una serie di materiali che spiegano la storia, il metodo e il successo del “Maestro delle Nazioni”, il quale appunto sviluppò una concezione originale della musica innovando la costruzione dello strumento, la tecnica strumentale, la composizione e la teoria armonica. Durante la mostra si terranno concerti di rilievo, uno dei quali specificamente destinato all’ascolto del geniale strumento di Cristofori (16 ottobre, a cura e in collaborazione col Festival pianistico internazionale “B. Cristofori”).

ottobre – dicembre 2020, sala da definire

Tommaso Luison violino

Pierdomenico Simone narrazioni

Tartini Modern – Tre concerti-reading*

Giuseppe Tartini raccontato dalla voce di Pierdomenico Simone e dal violino di Tommaso Luison in tre concerti/reading. Un percorso letterario e musicale con brani del Sei-Settecento e della contemporaneità in prima esecuzione.

Amici della Musica di Padova

20-22 ottobre 2020, Sala Rossini e Università di Padova (Dipartimento DISLL),

con una estensione nei giorni 23 e 24 ottobre a Cremona, città della liuteria, in collaborazione con la Facoltà di Musicologia dell’Università di Pavia

Convegno internazionale “Giuseppe Tartini e la cultura musicale dell’Illuminismo”* ** Argomenti: Tartini e Padova sua “seconda patria”, Tartini e la religione, Tartini nella cultura musicale nell’Illuminismo, storia e problemi di edizione dei testi, autenticità, variantistica, stile.

Relatori: P. Besutti, C. Bombardini, M. Canale Degrassi, P. Cattelan, P. Da Col, V. Confuorto, F. Dal Corobbo, S. Durante, F. Gon, R. Guarnieri, D. Komanoff Bandy, F. Lanzellotti, T. Luison, A. Maddox, R. Mellace, M. Noiray, A. Pavanello, P. Polzonetti, J.M. Porta, M. Rippa Bonati, G. Taschetti, G. Viverit, P. Wilk, P. Wollny, S. Zaggia, T. Zanon, N. Zaslaw.

22 ottobre 2020, ore 20:30, Basilica di S. Antonio, Padova

“Ad Astra” Orchestra della Schola Cantorum Basiliensis / Accademia di Musica FHNW con strumenti originali** ***

Leila Schayegh violino

Claudio Rado violino

La Schola Cantorum Basiliensis fu fondata nel 1933 a Basilea da Paul Sacher (1906-1999) come istituto di ricerca per la riscoperta ed esecuzione della musica antica. L’Orchestra della prestigiosa Schola Cantorum Basiliensis riporterà la musica di Tartini all’interno della basilica di Sant’Antonio, della cui Cappella musicale egli fu “primo violino e capo di concerto” fino alla morte e suonerà con strumenti d’epoca. Il concerto è legato al Convegno Internazionale “Tartini e la cultura musicale dell’Illuminismo” e segna la conclusione della sessione padovana delle giornate di studi. Il programma vuole mettere a fuoco la figura di Tartini in ambito europeo, presentando la sua opera affiancata a quella di compositori che sono stati suoi allievi o che sono stati influenzati dalla sua opera.

Musiche di J.C. Bach, G. Tartini, J.G. Naumann.

Amici della Musica di Padova

29 ottobre 2020, ore 18.00 e 20.30, Chiesa di S. Caterina, Padova

L’arte dell’arco ** ***

F. Guglielmo violino

F. Galligioni violoncello

R. Loreggian clavicembalo

Uno dei più importanti gruppi con strumenti originali del panorama internazionale, una doppia esecuzione pomeriggio/sera, con il fondamentale contributo dell’Associazione “Alessandro Cevese” ONLUS.

Musiche di G. Tartini, A. Caldara.

Amici della Musica di Padova

28 novembre, Multisala MPX

“Tartini violinista spadaccino”****

L’Orchestra di Padova e del Veneto parlerà di Tartini al pubblico dei più piccoli con un doppio concerto che segna anche l’apertura del cartellone OPV Families&Kids 2020/2021 (10° edizione): un racconto fatto di musica, immagini e narrazione che vedrà protagonisti l’OPV, Federico Guglielmo, violino solista e concertatore, Elisabetta Garilli, autrice dei testi, e l’illustratrice Giulia Orecchia. Il concerto, realizzato con il sostegno del Settore Servizi Scolastici del Comune di Padova, vedrà il coinvolgimento particolare dei bambini delle scuole comunali dell’infanzia di Padova, che insieme alle proprie insegnanti hanno seguito un percorso di formazione dedicato a Tartini condotto da Elisabetta Garilli. “Tartini violinista spadaccino” è anche il titolo del libro illustrato pubblicato da Carthusia Edizioni nella collana “Musica disegnata e un po’ strampalata” che a novembre sarà in tutte le librerie italiane, con i testi di Garilli, le illustrazioni di Orecchia e una registrazione inedita di musiche di Tartini (ascoltabile gratuitamente in mp3) realizzata appositamente dall’OPV e da Federico Guglielmo.

8 aprile, 2021, Chiesa di S. Caterina, Padova

I solisti veneti diretti da G. Carella, concerto strumentale e vocale: “Tartini, Metastasio e il trionfo dei sentimenti”.

L’Orchestra di Padova e del Veneto concluderà i festeggiamenti tartiniani nella primavera del 2021 con la prima esecuzione assoluta del brano Un lampo attraverso, concerto per violino e orchestra del compositore Pasquale Corrado (1979): la musica di Tartini dialogherà con la creatività contemporanea grazie al sostegno della SIAE nell’ambito del bando “Classici di oggi” che ha sostenuto la commissione del nuovo brano.


Gli eventi si tengono nel rispetto di tutti i requisiti tecnici di sicurezza previsti dalle vigenti norme anti Covid.

* Eventi nell’ambito del bando Eventi Culturali della Fondazione Cariparo

** Eventi co-finanziati dalla Regione del Veneto

*** Eventi finanziati dal Comune di Padova
**** Gli eventi proposti dall’OPV sono realizzati grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e sono a ingresso libero e gratuito

Share




Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

120 q 0,157 sec