27
#conAntonioinCammino   
Il popolo del Santo in cammino, nonostante tutto

Il popolo del Santo in cammino, nonostante tutto


La forza del pellegrinaggio, rivisto e riproposto in forme diverse a causa del Covid, convince i giovani: «Senza mettersi in cammino la propria vita non ha senso: si resta fermi!»


Negli anni scorsi, in apertura della Tredicina nella notte tra l’ultimo sabato e l’ultima domenica di maggio si svolgeva il tradizionale Cammino di sant’Antonio.
Con lo scorso anno, a causa del Covid, il Cammino nella sua forma tradizionale è stato sospeso, ma l’invito da parte dei frati di vocazionefrancescana.org aveva comunque raggiunto i giovani, e non solo loro, per mettersi in multiformi cammini individuali tra piccoli pellegrinaggi, visite ai capitelli e ai luoghi antoniani a piedi per raggiungere, chilometro dopo chilometro, la meta degli 800 chilometri a simboleggiare gli 800 anni dalla vocazione di Ferdinando di Lisbona.

Ebbene, lo scorso anno i chilometri raggiunti furono ben 5000, e moltissime furono le email e i messaggi di apprezzamento per questa forma di pellegrinaggio individuale aperto a chiunque, comunque idealmente accompagnati dai frati nella preghiera.
Anche per quest’anno quindi torna questa singolare e suggestiva peregrinazione per quanti desiderino mettersi da soli in cammino. Stamani alcuni giovani, nel pieno rispetto delle norme di distanziamento sociale e dei limiti di coprifuoco imposti dalla pandemia, si sono invece messi in cammino “fisico” da Camposampiero a Padova dalle 5.30. Accompagnati dai frati, sono arrivati sul sagrato della Basilica verso mezzogiorno per celebrare la Santa messa in Sala del Capitolo, alle ore 12.30.

«Senza mettersi in cammino la propria vita non ha senso: si resta fermi!» afferma un giovane al suo arrivo. «È la prima volta dopo il 2020 che ci mettiamo in cammino “fisico” – commenta uno dei frati che ha accompagnato i giovani – ma ci sembra passato molto più tempo! È emozionante ritrovarsi seppure in pochi e a distanza, in questo percorso di preghiera e di fede, metafora per la ricerca di senso e di ricostruire i legami con il Prossimo dopo questo lunghissimo e triste periodo che abbiamo vissuto.»
Ma le opportunità di cammino individuale non si fermano grazie ai Social: qualsiasi camminatore e devoto al Santo, potrà vivere questa esperienza singolarmente scegliendo un giorno dal 31 maggio al 13 giugno e un luogo di spiritualità e condividendo su Instagram attraverso l’iniziativa #conAntonioinCammino, la propria esperienza e i km camminati. I piccoli percorsi di ciascuno diventeranno così un grande pellegrinaggio collettivo attraverso i social.

Orario delle SS. Messe durante la Tredicina
Feriale: 6.30 – 7.30 – 9.00 – 10.00 –11.00 – 16.00 – 17.45
Ore 17.00: S. Rosario – Ore 17.30: Preghiera della Tredicina
Prefestivo: 16.00 – 17.00 – 17.45
Festivo: 6.30 – 8.00 – 9.00 – 10.00 – 11.00 – 16.00 – 17.00 – 17.45

Lunedì 31 maggio, Primo giorno di Tredicina: ore 17.45 Pellegrinaggio delle Associazioni di Volontariato. Presiede Mons. Giuliano Zatti, Vicario Generale della Diocesi di Padova. Testimonianza Famiglie e Volontariato. Il tema generale di riflessione della Tredicina è “Sui passi di Antonio ad 800 anni dal suo arrivo in Italia”. Il tema proposto al Vescovo per l’omelia della Santa Messa sarà “Sant’Antonio, spiaggiato in terra straniera. Accoglienza e ospitalità”.

Martedì 1 giugno: ore 17.45 Pellegrinaggio della Diocesi di Belluno – Feltre. Presiede la liturgia Sua Ecc. Mons. Renato Marangoni, vescovo diocesano. Testimonianza Fidanzati verso il matrimonio.

Share


www.santantonio.org


Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

147 q 0,286 sec