47
Ciclisti sotto i portici.   
Legambiente: ”E’ un problema. Le bici però devono poter percorrere il centro in tutti i sensi di marcia”

Legambiente: ”E’ un problema. Le bici però devono poter percorrere il centro in tutti i sensi di marcia”


"Da sempre siamo dell’avviso che i ciclisti non debbano sfrecciare sotto i portici e sui marciapiedi. Per combattere questo fenomeno va riconosciuta la vocazione ciclopedonale del centro storico e deve essere consentito alle bici di percorrerlo in tutti i sensi di marcia.”


LO sostiene Elia De Marchi, responsabile ciclabilità di Legambiente.  È l’unica soluzione possibile per evitare spiacevoli inconvenienti e per non mettere uno contro l’altro pedoni e ciclisti, utenti principali del centro storico.”

“A Padova la ciclabilità diffusa è già realtà in via Ospedale, via Zabarella, via San Francesco” – prosegue De Marchi. Il codice della strada permette di trovare soluzioni che formalizzino questa vocazione della nostra città: la ciclabilità diffusa deve essere estesa a tutta la ZTL, come già avviene in altre città italiane come Ferrara, Reggio Emilia, Piacenza e Bolzano.”

“Dei 329 incidenti a Padova – continua la nota di Legambiente – che hanno coinvolto ciclisti nel 2017 pochissimi avvengono in centro storico. Avengono in maggioranza sulle innumerevoli strade da mettere in sicurezza per quanto riguarda la ciclabilità. I punti più critici e sui quali l’amministrazione deve certamente intervenire nei prossimi anni ci sono il ponte del Bassanello, la Stanga, la rotonda di via Facciolati e quella alla fine di Corso Milano. Tutti tratti in cui sono previsti tracciati della Bicipolitana e che necessitano di intervento. Serve poi intervenire in maniera decisa su tutte le situazioni di parcheggio selvaggio su pista ciclabile, note a tutti ma sempre tollerate, come ad esempio via Gattamelata, via Forcellini, via San Prosdocimo e tante altre.”

“Inoltre ricordiamo – conclude De Marchi – che Padova è una delle città più inquinate di Italia e la bicicletta è il mezzo non inquinante per eccellenza. Si disincentivi l’uso dell’auto investendo nella costruzione di una cultura della ciclabilità, proseguendo nella realizzazione del progetto della Bicipolitana, che deve essere rapidamente approvato dalla Giunta e per la quale vanno trovate le coperture di spesa, diffondendo il bike sharing e mettendo in sicurezza le nostre strade.”

Legambiente Padova 0498561212

Share


Potrebbero interessarti anche

  • A Padova la bellezza non chiude mai

    A Padova la bellezza non chiude mai

    Sono tre i musei dell’Università di Padova (di Scienze Archeologiche e d’Arte, dell'Educazione e di Macchine “Enrico Bernardi”) che aprono gratuitamente al pubblico nel mese di luglio le loro collezioni.
  • PRIDE VILLAGE 2019

    PRIDE VILLAGE 2019

    Inizia il conto alla rovescia in vista del 14 giugno, quando alle 19.30 apriranno ufficialmente i cancelli della dodicesima edizione del Pride Village alla Fiera di Padova. Fino al 14 settembre, dal mercoledì al sabato, il festival dedicherà al proprio pubblico tre mesi intensi fatti di concerti, teatro, party esclusivi e divertimento.
  • Segnavie 9: Una “spinta gentile” per una crescita inclusiva

    Segnavie 9: Una “spinta gentile” per una crescita inclusiva

    È un approfondimento che certo interessa chiunque voglia migliorare le relazioni con gli altri, con l’obiettivo di superare incomprensioni e preconcetti, più o meno inconsci, che spesso frenano lo svilupparsi di dinamiche virtuose all’interno di un team o di un ambiente condiviso.


Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

154 q 0,199 sec