4
  17/10/2014            21:15
Il Ventaglio

Il Ventaglio


Seconda serata della rassegna ‘Teatro Veneto’ con lo spettacolo di Carlo Goldoni messo in scena da ‘La Barcaccia’ con la regia di R. Puliero.


1764: Goldoni, ritiratosi in Francia per vivere colà una vecchiezza circondata di onori, si trova tuttavia in difficoltà nel rapportarsi con il mondo teatrale d’Oltralpe.
La nostalgia di Venezia (che non vedrà mai più), e insieme l’impegno contrattuale a consegnare nuove opere all’imapresario Vendraimin, lo spinge allora a scrivere, riservandolo appositamente ai prediletti attori italiani, “il ventaglio”: regalando in tal modo al teatro l’ultimo dei suoi capolavori, il più ricco forse di spettacolarità per il movimento continuo e la coralità dell’azione.
La scena è posta in un borgo come tanti, un luogo di fantasia ove si dispiega l’umanità più pittoresca e variegata: un luogo ove rancori, innamoramenti, invidie, pettegolezzi, impulsi, debolezze sembrano sonnecchiare nascosti. Per farli emergere e scoppiare, è sufficiente un pretesto banale quale il casuale e poi incessante andirivieni di un oggetto modesto: all’interno d’una trama lieve e leggera come tante vicende della vita di oggi come di ieri, è un semplice ventaglio ad innescare incontri e scontri, a intrecciare vicende e ambizioni in grado di svelare le eterne debolezze dell’animo umano.
Ma se la descrizione di ripicche e sentimenti magicamente oltrepassa ogni limite temporale, la commedia non rinuncia ad essere insieme specchio del suo tempo, consentendo all’Autore una nuova proposta della sua abituale satira contro la nobiltà decadente dell’epoca.
All’interno del piccolo borgo, l’iniziale rispettoso sussiego, con cui il popolo istintivamente ancora guarda ai titolati del luogo, già lascia posto alla palese derisione d’una mobilità ridicolmente saccente, o ridotta ormai a distinguersi solo per una fame arlecchinesca.
Ma la peculiarità dell’opera che maggiormente sorprende oggi, in un’epoca in cui il teatro di prosa sembra ridursi sempre più a risparmiasse messinscena o a esibizioni monologanti, risiede nella prodigiosa abilità tecnica di uno scrittore di teatro, capace di intrecciare contemporaneamente sulla scena sentimenti e vicende di tanti personaggi, costruendo una sorta di meccanismo a orologeria in grado palesamento di anticipare (proprio dalla Francia) le trame vorticose del successivo “vaudeville”. Accanto all’acuto disegno dei tredici protagonisti, talvolta pur affidato anche a poche pennellate, la coinvolgente giocosità di personaggi e situazioni ci restituisce, oggi, la soave leggerezza di un teatro capace di essere insieme, luogo di fantasia e specchio del mondo.

Share
Piccolo Teatro,     via Asolo 2, zona Paltana, Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa

Biglietti: interi euro 6 (+1 dir. prev.) – ridotti (associati, over 65, studenti max 26 anni) : euro 5 (+1 dir. prev.). Info 049.8827288. Prevendite (dal 6 settembre – salvo nuove comunicazioni) presso: Cartoleria C’era una volta (via Asolo 9) tel. 049.8803700, Carto-edicola Ruggero (Mandria – via Armistizio 289/via Romana Ap.) tel. 049.715469, Coin Ticketstore (via Altinate) tel. 049.8364084, Edicola Paltana (via Vittorio Veneto – rotatoria piscine PadovaNuoto).

info@piccolo-padova.it
www.piccolo-padova.it


145 q 0,133 sec