1172
             

Lozzo Atestino


Si dice che il castello di Valbona sia stato costruito dal Comune di Padova in epoca pre-ezzeliniana; altri invece lo fanno risalire al periodo ezzeliniano


CASTELLO DI VALBONA

 

via Castello, 2
Tel. 0429 97022
Fax 0429 697100

Email: castellodivalbona@finind.com
note visita:
Visite guidate su prenotazione
Periodo di chiusura
lunedì e martedì
Mostre ospitate:
mostra permanente sui castelli
Accesso disabili: si

Si dice che il castello di Valbona sia stato costruito dal Comune di Padova in epoca pre-ezzeliniana; altri invece lo fanno risalire al periodo ezzeliniano (1237- 1256); è certo che esso comunque esisteva nel 1258 in quanto ne parla in tal senso il Codice di Gianfrancesco Capodilista, ma sempre come una dipendenza del castello di Lozzo. Distrutto il castello di Lozzo nel 1313, quello di Valbona assunse una vera e propria posizione strategica perché al centro delle strade che provenivano da Montagnana e da Este, al confine tra i territori di Padova, Vicenza, Verona. Per questo motivo i Carraresi, probabilmente dal 1338, lo restaurarono e lo fortificarono; sopra entrambe le porte, in pietra bianca, c’è l’insegna personale di Ubertino I da Carrara.
Con la caduta dei Carraresi e con il passaggio sotto la dominazione veneziana, il castello perse di importanza come vera e propria fortificazione, mantenendo tuttavia le fondamentali caratteristiche di posto di osservazione e di controllo.
Esso passò in seguito a numerosi proprietari, tra cui i Barbarico.

Oggi è di proprietà dei conti Albrizzi. Il castello di Valbona, in buono stato di conservazione, è quasi interamente visitabile, ed è un piacere, nelle belle giornate limpide, osservare dai suoi merli la campagna circostante. L’ edificio ha una pianta rettangolare di 40 metri x 25; dispone di sei torri di cui quattro (ai lati sud e nord) esagonali, e due (nel mezzo dei lati di oriente e di occidente) quadrate; tutte queste torri minori sono alte circa metri 16.30; proprio nel mezzo del castello sorge la torre maestra che raggiunge 22 metri. Le mura sono alte 11 metri e misurano 1 metro di spessore alla base, restringendosi alla fine a 0.50 metri.
Le porte sono due, una a oriente l’altra a occidente; la seconda, oltre ad avere l’insegna in pietra bianca di Ubertino I, presenta anche, pure in pietra, lo stemma dei Carraresi. Le porte avevano sicuramente il ponte levatoio in quanto un profondo vallo pieno d’acqua circondava interamente la struttura. Il vallo è andato poi interrato e durante il corso dei lavori sono state trovate numerose palle in pietra d’Istria, verosimilmente scagliate contro le mura soprattutto nei secoli XIII e XIV. Il castello ha all’interno due cortili e continua a mantenere l’aspetto austero che da sempre lo caratterizza.

 


VILLA LANDO CORRER
La villa fu fatta costruire nel 1700 dai nobili veneziani Lando Correr e sorge lungo il canale Bisatto. Lo stile semplice, ma maestoso, la suggestiva posizione e il parco con piante secolari costituiscono un insieme di grande valenza storico-artistica.

 

Share




86 q 0,342 sec