1172
             

Cinto Euganeo


La villa, edificata dalla famiglia Contarini nel XVI secolo, è arricchita e decorata con affreschi e stucchi.


MUSEO GEOPALEONTOLOGICO di CAVA BOMBA

Cinto Euganeo Via Bomba fossilicavabomba
Tel. 0429.647166

ORARI MUSEI PROVINCIALI
Periodo invernale (1 novembre – 31 marzo)
Sabato 14.00 – 18.00
Domenica e altri festivi 9.00 – 13.00 14.00 – 18.00
Periodo estivo (1 aprile – 31 ottobre)
Sabato 15.00 – 19.00
Domenica e altri festivi 10.00 – 13.00 14.00 – 19.00

Dal martedì al sabato su prenotazione per gruppi e scolaresche
chiuso Lunedì, 25.12, 1.01, Pasqua
TARIFFE
Biglietto intero: € 2.60
Biglietto ridotto: € 1.10 ( scolaresche, militari, studenti universitari, anziani oltre 65 anni, possessori di carta giovani)
Possessori di Padova card: € 2.00
Gratuito per i bambini sotto 8 anni

Nell’ex fornace dell’800 di Cava Bomba, un interessante esempio di archeologia industriale nella produzione di calce, è allestito il museo geopaleontologico che illustra i fenomeni geologici dei Colli Euganei e i reperti fossili. E’ esposta una prestigiosa collezione di minerali di tutto il mondo, la collezione geologica “Da Rio” di rilevante interesse storico ed infine una raccolta di antichi attrezzi utilizzati dall’uomo.

VILLA CONTARINI PIVA

villacontarinipivaVia Fattorelle, 1
Località
Cinto Euganeo, fraz. Valnogaredo
Tel.  0429.644050
note visita
visitabile su prenotazione

La villa, edificata dalla famiglia Contarini nel XVI secolo, è arricchita e decorata con affreschi e stucchi.
Venne ampliata una prima volta nel 1704, poi di nuovo nel 1763 con l’ aggiunta dell’ala sud. In quello stesso periodo l’edificio venne impreziosito con la collocazione nel parco di numerose statue del Bonazza, di cui ne rimangono solo sei,e con la decorazione delle sale interne, dove è visibile un ciclo di affreschi di Jacopo Guarana. La sala da gioco e la barchessa sono invece decorate da pregevoli stucchi.

 

SORGENTE “BUSO DELLA CASARA” (loc. Valnogaredo)

Buso_Casara_sorgente_principale Presso l’abitato di Valnogaredo, alle pendici del Monte Venda e Vendevolo, si trova l’ antica sorgente detta “Buso della Casara”, un complesso di grotte e cunicoli scavati nella roccia in epoca romana per raccogliere e convogliare le acque parte delle acque destinate ad alimentare l’acquedotto dell’antica Este (Ateste).

RESTI DEL CASTELLO

Sulla sommità del M.te Cinto sorgeva il castello medievale; i recenti interventi di restauro hanno rimesso in luce l’intero perimetro della cinta muraria.
Il castello, distrutto una prima volta dalle truppe di Ezzelino nel 1242, fu ricostruito dal Comune di Padova e venne poi definitivamente raso al suolo nel 1313 dagli alleati di Can Grande della Scala in guerra con i padovani.

CHIESETTA SANTA LUCIA SUL RUSTA

Chiesetta campestre delle seconda metà del quattrocento, in cattivo stato di conservazione.

Share




100 q 0,134 sec