1172
             

Carmignano di Brenta


Villa Spessa risale alla fine del XV secolo, precisamente al 1492. Il primo proprietario fu Giovanni Andrea da Quinto, un piccolo borghese che nel 1472 aveva acquistato molti terreni nei dintorni


VILLA SPESSA

villaspessa

via Spessa, 40
Carmignano di Brenta (PD)

tel. 049 5957313-5957019

Info: Visitabile solo su prenotazione.
Per la visita esterna tel. 049 5957313,
per la visita interna tel. 049 5957019.

Villa Spessa risale alla fine del XV secolo, precisamente al 1492. Il primo proprietario fu Giovanni Andrea da Quinto, un piccolo borghese che nel 1472 aveva acquistato molti terreni nei dintorni, soprattutto terre in cui poter allevare ovini, dai quali ricavare lana. La villa divenne base di coordinamento della lavorazione e del commercio della lana, aveva perciò funzioni economico-agricole, anche perché la concezione di casa rurale come sede di svago e riposo nel XV secolo non esisteva ancora. La villa era circondata da un ampio cortile merlato, attraversato da un ramo del canale che veniva appositamente deviato per lavare la lana.

La villa nel 1520 passò ai patrizi Grimani e appartenne a loro fino al 1748, anno in cui sotto la gestione dei patrizi Manin si avviò la nobilitazione dell’edificio. Dal 1748 al 1798 la tenuta fu proprietà dei Corner, poi fino al 1809 appartenne ai Vancenati, da quell’anno al 1884 ai Cerato e dall’anno seguente ai Camerini, fino al 1934, quando fu venduta a più acquirenti, tra i quali il cavalier Giuseppe Girardi. Il Torrione di Villa Spessa presenta sul lato occidentale la lunga canna fumaria del caminetto. La chiesetta di Sant’Anna é posta nelle vicinanze e questo avvalora l’ipotesi che attorno al centro economico si sia sviluppato un nucleo abitato, delle cui case non rimangono, purtroppo, tracce. L’Oratorio di Sant’Anna fu eretto nel 1490 ed é stato restaurato da 10 anni. Conserva dei quadri raffiguranti la Via Crucis, che pare provengano dall’antica Parrocchiale di Carmignano. Nel 1936 il cav. Giuseppe Girardi, attuale proprietario della Villa e della tenuta, decise di donare la chiesetta alla Parrocchia di Carmignano di Brenta, alla quale l’edificio appartiene tutt’ora.

Share




83 q 0,288 sec