1
  25/06/2014            21:30
Dub FX

Dub FX


Concerto del beatboxer e musicista australiano che in pochi anni è passato dalle performance sulle strade delle città europee ai palchi dei più blasonati club.


Sei il 2013 è stato l’anno della conferma per Dub Fx, il 2014 potrebbe essere quello della consacrazione. “The sky is forever”.
Una storia rarissima, quella di Benjamin Stanford, in arte Dub FX. E una storia coronata da un successo tanto inimmaginabile – probabilmente per lo stesso protagonista – quanto globale e trionfale. Parte tutto dall’Australia, dalla sua città natale Melbourne: un ragazzo inizialmente appassionato di heavy metal e punk rock che all’improvviso scopre reggae, hip hop e drum’n’bass, restandone letteralmente folgorato. Fino a qui tutto normale, più o meno. La storia però si complica quando Stanford inizia a concentrarsi sulla pratica del beatboxing (detto in modo grossolano: creare da soli con la propria voce e i propri movimenti labiali il tappeto ritmico, le linee di basso e varie schegge sonore), diventandone ben presto un assoluto virtuoso. Si complica ulteriormente, la storia, quando decide di abbandonare l’Australia per l’Europa, con l’idea precisa di fare l’artista di strada girovagando di stato in stato (risiederà anche in Italia, a Lucca). In poco tempo diventa una specie di leggenda metropolitana del busking: “Ogni giorno vendevo almeno un centinaio di cd, a dieci euro l’uno. Io stavo anche benissimo, poi però è arrivato il filmato…”. Il filmato in questione è quello firmato dal regista inglese Ben Dowden: la cronaca di una esibizione live di Dub FX, che una volta riversata su YouTube tocca qualcosa come venti milioni di visualizzazioni. Incredibile ma al tempo stesso inevitabile: la forza e la creatività dell’artista australiano sono qualcosa di dirompente. Da quel momento in avanti la carriera di Benjamin si fa meno atipica e più convenzionale: le esibizioni a sorpresa per strada vengono (in parte) abbandonate a favore di veri e propri tour che mietono, regolarmente, sold out. L’anticonvenzionalità resta comunque ben presente nei suoi live set, sempre basati sulla sua quasi irreale abilità da beatboxer e sulla potenza musicale che sprigiona, un one man show che riesce a ricreare lo stesso impatto sonoro dei più grandi progetti drum’n’bass o dubstep (con varie digressioni reggae, dub e quant’altro). Cinque album alle spalle e uno nuovo (“Theory Of Harmony”) ora in uscita, Dub FX è diventato quasi involontariamente ed inconsapevolmente uno dei nomi più grossi nella scena delle ritmiche spezzate ad alto impatto sul dancefloor. Vederlo in versione live, è un’esperienza davvero unica. A testimoniarlo, i numeri da stella di prima grandezza. Lui, mai avrebbe pensato di diventarlo.
Waterproof – Opening Act
Waterproof D²nB: Didgeridoo, Drum and Bass.
Il quartetto nasce a Venezia nel 2012 dall’incontro di quattro musicisti interessati alla sperimentazione di nuove forme espressive. Nel giro di poco tempo, si affermano come uno dei più interessanti progetti in circolazione, con moltissimi concerti all’attivo sia in Italia che all’estero. Da questa sete di novità scaturisce infatti un live set votato all’improvvisazione libera, sostenuta dalle pulsazioni Jungle, D’n’B, Dub e Techno. Una batteria, un contrabbasso, didgeridoo, beat-box e altre fonti sonore acustiche vengono processate in tempo reale con effetti, loopers e campionatori e trasformate in un’esperienza di ascolto e di ballo diversa dal comune.
Il pubblico quindi può vedere e sentire come i suoni vengono generati dagli strumenti, modificati e riutilizzati: si crea un legame fortissimo fra musicisti ed audience, perché l’uno influenza l’altro in uno scambio continuo. Le performance di Waterproof D²nB non sono dischi su una piattaforma da DJ. Non ci sono tasto “play” da premere. Waterproof esiste solo quando suona: nessun brano viene prodotto né composto in studio, ma sempre e solo dal vivo durante una sessione di improvvisazione pura. Per queste ragioni nessun concerto è uguale al precedente, ed ogni brano è un lungo e potente flusso sonoro di fronte al quale è difficile restare fermi.
Che siano le tue orecchie e il tuo cervello a guidarti o che tu sia arrivato fin qui seguendo i tuoi piedi ed il tuo stomaco, Waterproof D²nB ti darà in abbondanza ciò che cerchi.

Contest Hey, sei un BeatBoxer?
DUB FX ora calca i palchi più importanti in giro per il mondo, ma arriva dalla strada dove è cresciuto e dove si è fatto notare. Lo staff ha deciso quindi di dare spazio a chi come Dub FX, coltiva questa passione e offrire la possibilità di esibirsi in alcuni pezzi per far sentire il proprio talento. Ci sarà uno spazio allestito con una cassa, un microfono e la possibilità di collegare uno strumento, la loop station o quello che piace usare per fare musica. Gli artisti scelti verranno poi contattati per organizzare la serata ed avranno diritto all’ingresso gratuito al concerto.
Come funziona?
– Manda una mail a contest@sherwood.it con oggetto “DUB FX”
–  Inserisci una piccola presentazione di chi sei, un assaggio di quello che fai e la possibile durata di una tua performance
– Il giorno 21 Giugno si chiuderanno le iscrizioni ed il nostro staff valuterà, in base al numero di iscritti ed al loro talento, chi confermare per la serata
Verrete quindi contattati per organizzare la cosa
per info ed iscrizioni : contest@sherwood.it

Share
Park Nord Stadio Euganeo,     viale Nereo Rocco, Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa

Ingresso 10 euro. Acquistalo in prevendita su www.sherwood.it a solo 1 € in più.

festival@sherwood.it
www.sherwood.it


171 q 0,267 sec