5
  15/12/2013            15:00
L’ultimo Sonderkommando italiano

L’ultimo Sonderkommando italiano


La drammatica esperienza di un sopravvissuto a Dachau sarà rivissuta da un protagonista a Villa Venier, che fu l’unico campo padovano di transito per gli ebrei destinati ad Auschwitz.


Enrico Vanzini sarà ricevuto dal sindaco Giuliano Martini e da Marco Calaon presidente dell’associazione “Da Vadum a Curtis” che assieme all’amministrazione civica ha organizzato l’evento. I sette mesi di prigionia nel lager nazista di Dachau saranno proposti dal documentario “Dachau baracca 8 numero 123343” di Roberto Brumat (60 minuti, trasmesso lo scorso gennaio da RaiStoria) e dalla testimonianza diretta del novantunenne che nel 1944 “festeggiò” i suoi 22 anni tra bastonate e fame. Enrico Vanzini, che oggi vive vicino a Cittadella, per 60 anni ha taciuto anche a moglie e figli i patimenti subiti, le morti a cui ha assistito, i suoi 50 kg persi in 7 mesi e il terribile lavoro che le SS lo obbligarono a svolgere per due settimane: gettare i corpi dei suoi compagni nei forni crematori. Troppo dolore rivivere quei momenti, troppo disinteresse per i sopravvissuti da parte della società italiana, troppo forti gli incubi che l’hanno accompagnato per gran parte della sua vita; fino alla decisione di liberarsi di quel peso. Da cinque anni Enrico va nelle scuole a raccontare ai ragazzi la sua esperienza, perché i ragazzi si rendano conto di quanto vicino possa essere l’abisso: queste atrocità sono capitate a 500 km da Padova, compiute da europei come noi, spesso giovanissimi. Dai suoi lucidi ricordi è nato in ottobre il libro “L’ultimo Sonderkommando italiano” edito da Rizzoli, in cui il giornalista Roberto Brumat ha raccolto questa cruda testimonianza e che sarà presentato nell’incontro di Vo’ dall’autore e regista del documentario. Nell’esperienza di Enrico Vanzini non mancano i riferimenti al trattamento speciale riservato agli ebrei: lui stesso fu mandato nella camera a gas a prelevare i corpi di sessanta di loro per introdurli, dopo averli spogliati, nel più piccolo dei quattro forni, quello che andava usato solo per gli ebrei.

Share
Villa Venier,     piazza Santimaria 240, Vo'
           clicca qui per visualizzare la mappa

Ingresso libero.

mail@robertobrumat.it


143 q 0,137 sec