5
  20/12/2013            17:30
La trasparenza dell’ombra

La trasparenza dell’ombra


Presentazione del libro di Giovanni Sato, con interventi di L. Nanni e M. Rigobello Autizi. Letture a cura di B. Giovannelli e intermezzo musicale con S. Pozzato, flauto e M. Baratella, violoncello.


L’ombra ha in ogni epoca suggestionato gli artisti: la sua molteplicità e la proprietà di rivelarsi in aspetti diversi la dividono dall’oscurità. Giovanni Sato riporta su un piano ulteriore la sua ‘ricerca’ poetica, svelando le infinite possibilità – di senso, di figura e simbolo – che l’ombra contiene. In quest’opera l’ombra si è avvalsa della fotografia per “mostrare” tutta la propria interiorità, la capacità di essere sempre presente seppure quasi non vista o ignorata, “sorella della luce”: un gruppo di studio formato da sedici fotografi del Fotoclub Padova si è ispirato alle poesie estrapolando dall’ombra “disegni di luce” con inquadrature che invece che consolidare l’esistente hanno cercato di farne “trasparire” l’interiorità. La “Trasparenza dell’Ombra” fa vedere, oltre l’apparente grigio, un mondo parallelo “dove una parte di noi viaggia lasciando forse un segno“.
Giovanni Sato è nato a Padova nel 1958 ove risiede. È medico specialista in oftalmologia presso il Centro Oculistico San Paolo di Padova e responsabile del Centro Regionale Specializzato nella Riabilitazione Visiva dell’Ipovisione in età adulta. Si dedica alla poesia e ha al suo attivo cinque pubblicazioni: Intonazioni (Panda 1995); Vibrazioni di Luce (Panda 2010); in collaborazione con il Fotoclub Padova Il Realismo della luce (Cleup 2011) e Percezioni (Cleup 2012); Canzoni nel mezzo dell’amore. Songs in the middle of love (Panda 2012). Fa parte del Gruppo Letterario Formica Nera di Padova con il quale, dal 1995, ha aderito alle Antologie dei Poeti Padovani e recentemente ai Quaderni di Poesia; ha partecipato a numerosi Premi Letterari con riconoscimenti di vario livello. La musicista Renata Zatti Cicuttini (1932-2003) ha composto brani musicali ispirati alle sue poesie (Sei Intonazioni per flauto, arpa e voce recitata, Il tuo sguardo per flauto e voce, Dove la Luce per violino e arpa) e la musicista Francesca Virgili ha composto Dire Segreto per flauto recitante. Altre sue grandi passioni sono la musica e la fotografia. È vicepresidente del Fotoclub Padova con il quale ha partecipato a mostre fotografiche. Il Fotoclub Padova, fondato nel 1962 per iniziativa di alcuni fotoamatori, è un’associazione impegnata nell’organizzazione e promozione di iniziative dedicate al mondo della fotografia e dei suoi protagonisti. Tra i numerosi eventi realizzati nel corso della lunga attività conviene senz’altro segnalare il concorso “Premio Citta di Padova” (1967-1987), che ebbe la partecipazione di fotografi affermati e di riconosciuta grandezza; le mostre fotografiche del 1976 in collaborazione con l’amministrazione di Padova, dedicate ai grandi maestri della fotografia come Robert Capa e Henri Cartier Bresson e a fotografi polacchi, russi, austriaci, francesi, jugoslavi, belgi, danesi, cinesi e argentini di fama internazionale. Grazie a una più stretta collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova e il Centro Nazionale di Fotografia, il Fotoclub è stato promotore nel 2009 della mostra “Fotografi in Città. Otto autori del Fotoclub Padova” tenutasi alla galleria Sottopasso della Stua; del 2011 è la partecipazione alla settima edizione di “Padova Aprile Fotografia” promossa dal Centro Nazionale di Fotografia. Per festeggiare i primi cinquant’anni di vita del Club, nel 2012 è stato pubblicato il libro Padova – dell’Arte… ‘Anima.

Share
Sala Livio Paladin,     Palazzo Moroni, via del Municipio 1, Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa

Ingresso libero.



142 q 0,134 sec