49
  07/11/2018            17:45
Daniele Novara a Padova per Segnavie

Daniele Novara a Padova per Segnavie


Daniele Novara, pedagogista fondatore del Centro Psicopedagogico per l'educazione e la gestione dei conflitti, sarà protagonista di Segnavie, il format di incontri e confronti ideato e realizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.


Al Piccolo Teatro Don Bosco Daniele Novara, pedagogista fondatore del Centro Psicopedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti, sarà protagonista di Segnavie, il format di incontri e confronti ideato e realizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.
La sua relazione approfondisce le possibili risposte all’interrogativo che ogni giorno si pongono genitori, insegnanti e tutte le persone che hanno a che fare con le nuove generazioni: ”Cosa sta accadendo ai nostri bambini? Come tornare alla relazione educativa”.

Cosa sta accadendo ai nostri bambini? Come tornare alla relazione educativa
“Prima di cercare nei bambini e nei ragazzi – sostiene Novara – presunte patologie neuroemotive e tentare diagnosi sempre più precise, anticipate, definite, psichiatriche. E prima di etichettarli come malati occorre avere il buon senso di verificare se la loro educazione è corrispondente all’età e ai bisogni di crescita. In questo senso è fondamentale riuscire a restituire a genitori e insegnanti potere, funzione e responsabilità.”

Negli ultimi anni sono moltiplicate le diagnosi psichiatriche nell’età infantile e adolescenziale, così come le certificazioni di disabilità intellettiva. Tra il 2016 e il 2017 i casi di DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) attestati in Italia sono stati 254.600, ovvero il 2,9% degli alunni delle scuole italiane. Solo in Veneto se ne registrano circa 2.000 all’anno.

I bambini vengono valutati e certificati come malati non appena i loro comportamenti deviano dalle regole dei protocolli medici. Il bersaglio sembra essere la “differenza infantile” in quanto tale, come se la specificità evolutiva fosse diventata una malattia piuttosto che uno stato della crescita.

E i genitori? Si sentono spaesati e frustrati. Si convincono di non essere in grado di educare i propri figli. Le conseguenze di questo approccio investono anche gli insegnanti, che non riflettono più sulla relazione educativa, ma delegano ai professionisti della psicologia e della psichiatria questo compito.

Daniele Novara propone di spostare l’attenzione sull’importanza dell’educazione, intesa come insieme di regole definite con un processo condiviso tra madre e padre, che si integrano con quelle scolastiche. Attraverso le regole condivise, con il sostegno della famiglia e della scuola, il bambino può crescere scoprendo la propria autonomia e percorrere la sua strada evolutiva assecondando la propria natura.

Chi è Daniele Novara?
Docente del Master in Formazione interculturale dell’Università Cattolica di Milano, è fondatore del Centro Psicopedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti (CPP) e, dal 2002, dirige “Conflitti. Rivista italiana di ricerca e formazione psicopedagogica”. È autore di numerose pubblicazioni, tra cui Cambiare la scuola si può, Punire non serve a nulla. Educare i figli con efficacia evitando le trappole emotive e Non è colpa dei bambini. Perché la scuola sta rinunciando a educare i nostri figli e come dobbiamo rimediare.

Il prossimo incontro
La conferenza di febbraio con la filosofa Martha Nussbaum è stata cancellata per sopraggiunti impegni della professoressa. A breve lo staff di Segnavie comunicherà il tema e il protagonista del prossimo appuntamento, che si terrà sempre a inizio 2019.

Share
Piccolo Teatro Don Bosco,     via Asolo 2, Padova
           clicca qui per visualizzare la mappa


L’ingresso all’incontro è libero ma, dato il prevedibile grande afflusso, è necessario prenotarsi preventivamente sul sito www.segnavie.it o telefonando al numero 049 660405.

www.segnavie.it


Aggiungi un commento

La tua email non viene pubblicata. *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

142 q 0,135 sec